Home Non solo Cani e Gatti Il Giappone crea dei sottopassi di attraversamento binari per tartarughe

Il Giappone crea dei sottopassi di attraversamento binari per tartarughe

CONDIVIDI

tarta2

In tutto il mondo si sono diffusi i cavalcavia per animali selvatici, ovvero opere infrastrutturali, come ponti per animali, cavalcavia verdi o sovrappassi per la fauna selvatica che nelle aree in cui sono state edificate sono arrivate a ridurre dell’80% le collisioni tra auto e animali (clicca qui).

Ma in Giappone, questa tendenza sembra essere un passo in avanti stando a quanto rimbalza sulle pagine dei quotidiani di tutto il mondo che riportano la notizia della compagnia delle ferrovie giapponesi che ha iniziato a installare dei sottopassaggi per fare attraversare i binari alle tartarughe in tutta sicurezza.

Una bellissima notizia proveniente dalla prefettura di Nara che, assieme alla compagnia ferroviaria West Japan Railway, ha realizzato in collaborazione con il Suma Aqualife Park della città di Kobe, questi tunnel strategici, poco profondi, in calcestruzzo, che passano sotto i binari e conducono ad uno stagno vicino.

Secondo i dati della prefettura di Nara le tartarughe, intrappolate fra le rotaie, sarebbero responsabili di tredici interruzioni ferroviarie tra il 2002 e il 2014: “Ci sono tante di tartarughe nella zona e molte di loro sfortunatamente muoiono schiacciate tra i binari. Abbiamo consultato degli specialisti per trovare il modo migliore per aiutarle ed eliminare i ritardi”, ha dichiarato la compagnia ferroviaria.

Non solo ritardi, ma anche molti animali feriti che vengono trasferiti al Suma Aqualife Park per ricevere soccorso. Un esempio di convivenza e rispetto per la vita di altre specie che potrebbe essere esteso al paese intero, sopratutto per le linee ferroviarie in prossimità di zone umide popolate da tartarughe.

In questa prima fase sperimentale nella prefettura di Nara, è stato accertato che dieci esemplari si sono salvati grazie ai tunnel. Il video di questo straordinario esempio di civiltà è stato condiviso su youtube a fine novembre scorso.