Home Non solo Cani e Gatti Infezione parainfluenzale nel criceto: causa, sintomi e trattamento

Infezione parainfluenzale nel criceto: causa, sintomi e trattamento

Infezione parainfluenzale nel criceto, un virus altamente contagioso che colpisce questo piccolo roditore. Vediamo le cause, i sintomi e cura.

criceto
(Foto Pixabay)

Al giorno d’oggi, è molto frequente osservare quanto la presenza di piccoli roditori nelle famiglie di tutto il mondo sia in costante crescita.

Sono in molti a preferirli, in quanto grazie alla loro piccola dimensione occupano poco spazio e anche per la possibilità di tenerli al sicuro in gabbia nelle ore in cui siamo fuori casa.

Tuttavia, l’impegno che riguarda invece le attenzioni e la cura di questi animaletti e lo stesso che si ha per un qualsiasi altro animale domestico.  

Questo è imprescindibile, poiché, i criceti come tutti a questo mondo sono soggetti a patologie a volte anche importanti.

Nell’articolo di oggi, andremo a far luce su una di queste malattie, ovvero l’infezione parainfluenzale nel criceto.

Cause dell’infezione parainfluenzale nel criceto

La causa dell’infezione parainfluenzale nel criceto è un virus chiamato Sendai (parainfluenza di tipo 1).

criceto scappa dalle mani
(Foto Adobe Stock)

Questo tipo di infezione si manifesta maggiormente nei criceti giovani o in quelli con un sistema immunitario indebolito.

Inoltre la patologia ha la capacità di trasmettersi da un criceto all’altro quando essi starnutiscono o tossiscono.

Sintomi

I segnali di un’infezione parainfluenzale nel criceto possono essere molteplici e tutti da identificare osservando il comportamento del piccolo roditore.

Nonostante alcuni criceti possano essere solo portatori del virus e non mostrare alcun segnale.

Mentre per altri i sintomi sono:

  • depressione;
  • febbre;
  • perdita di appetito;
  • perdita di peso nel criceto;
  • respirazione difficoltosa;
  • secrezione nasale;
  • morte improvvisa (in alcuni casi).

Potrebbe interessarti anche: Perché il criceto starnutisce: le ragioni, i sintomi e il trattamento

Diagnosi e trattamento dell’infezione parainfluenzale nel criceto

Per poter effettuare una diagnosi, al veterinario basterà osservare già i primi segnali, ovvero osservando i sintomi mostrati dal criceto infetto.

criceto
(Foto AdobeStock)

In ogni caso, però, il veterinario procederà con una valutazione più precisa, effettuando degli esami specifici sull’animali, quali: analisi del sangue e analisi delle urine dell’animale.

Una volta stabilita la diagnosi, il medico procederà con la somministrazione di antibiotici per controllare le infezioni batteriche secondarie (molto comuni in questi casi).

Lo scopo è quello di alleviare la sintomatologia, poiché la cura per questa patologia può essere troppo costosa e poco pratica.

Trattandosi di una malattia contagiosa per l’uomo, anche detta zoonosi, è importante non maneggiare in modo diretto, il criceto affetto.

Inoltre, occorrerà allontanare l’animale dagli altri prima che possa diffondersi la malattia.

È essenziale anche prestare attenzione all’igiene del piccolo roditore, cercando di tenere pulito e soprattutto disinfettare la gabbia del criceto una volta scoperta la malattia.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta