Home Non solo Cani e Gatti Maialino vietnamita: specie rare da cortile e da giardino ornamentale

Maialino vietnamita: specie rare da cortile e da giardino ornamentale

Maialino vietnamita uno degli animali da cortile più rari con cui molte persone amerebbero abbellire il proprio giardino. Conosciamolo meglio.

maialino vietnamita
(Foto AdobeStock)

Attualmente sono tante le persone che amano abbellire il proprio giardino, con degli animali da cortile rari che rendono unico e molto particolare il proprio spazio esterno.

Oggi in particolare andremo a conoscere il maialino vietnamita, un esemplare molto particolare nella sua specie, che tutti vorrebbero nel proprio cortile.

Il maialino vietnamita o pot-bellied è un animale che di recente ha guadagnato molta popolarità come animale domestico.

Come infatti, negli ultimi decenni si è diffusa anche la tendenza di allevare questi maialini da cortile, come animali da compagnia.

Caratteristiche del maialino vietnamita (maialino pancia a tazza)

Il maialino vietnamita può arrivare a pesare tra i 43 e i 136 chili, il che significa che non è un esemplare in miniatura.

maiali
(Foto AdobeStock)

È più piccolo di un comune suino domestico americano o europeo, per farsi un’idea ha le dimensioni di un cane di media-grossa taglia.

Possiede zampe, corte e sottili ed un muso tenero che con gli anni diventerà rugoso. Il maialino vietnamita anche detto maialino a pancia a tazza di razza pura può essere bianco, nero o misto tra bianco e nero.

Raggiunge la maturità sessuale a 6 mesi di età ma viene considerato un esemplare adulto molto più tardi, ovvero 6 anni circa.

Si tratta di una specie di maiale molto intelligente, giocherellona, tanto sensibile e legata al suo padrone. Inoltre non si tratta nemmeno di un animale difficile da addestrare, in quanto dotato di un’ottima memoria.

Ha una durata di vita media di circa 12-13 anni, ma occorre avere cura di sottoporlo a periodici controlli veterinari e a regolari vaccinazioni.

Origini e habitat

Il maialino vietnamita è una razza di maiale domestico originaria del Vietnam con più di quattordici sotto-razze.

maialino vietnamita
(Foto AdobeStock)

Adottare un maialino vietnamita è una grande responsabilità per chi decide di farlo, perciò è importante informarsi sulla legge vigente nel proprio Paese e sulle necessità quotidiane di questo animale.

Per coloro invece che decidono di tenere il maialino vietnamita in casa, è opportuno sapere che occorre dedicare un angolo apposito per l’animale, una stanza con un pavimento di linoleum, facile da pulire e mantenere, nel caso in cui urini.

Una buona idea sarebbe quella di procurare un trasportino, adatto alle dimensioni e al peso dell’animale, per trasportarlo in macchina se decidete di portarlo con voi in viaggio o per un’escursione.

Infine procurargli, proprio come per un cagnolino, dei giocattoli che lo aiutino a stimolare la mente divertendosi.

Potrebbe interessarti anche: Animali da cortile rari: le specie da giardino che non conoscevi

Cosa mangia il maialino vietnamita

Il maialino vietnamita è un animale onnivoro, per cui nella sua dieta saranno fondamentali anche le proteine e non solo alimenti devono essere ricchi di fibre e poveri di grassi.

Esistono delle comode e complete formule vendute nei negozi specializzati, per poter offrire al nostro maialino una buona e sana alimentazione.

La razione giornaliera di cibo dovrà suddividersi in 2 pasti e avere sempre a disposizione acqua fresca.

Potrebbe interessarti anche: Maialino Kune kune: specie rara da cortile e da compagnia

Malattie comuni dei maiali

Le malattie comuni dei maialini sono le stesse che colpiscono anche i maiali di taglia grande e possono essere le seguenti:

  • malattie parassitarie: sono patologie generate da parassiti interni e parassiti esterni. I primi sono i nematodi intestinali e le tenie e i secondi si riferiscono a più di 30 specie di vermi;
  • malattie respiratorie: rinite atrofica, pasteurellosi, pleuropolmonite suina, sindrome respiratoria riproduttiva suina. Esse si manifestano nei primi mesi di vita dell’animale, attraverso starnuti e tosse.;
  • malattie dell’apparato muscolo-scheletrico: l’artrite è piuttosto comuni nei suini ed ha un’origine infettiva;
  • diarrea maiale neonato: alcune infezioni primarie degli intestini causano la diarrea, ma la malattia può anche derivare da infezioni virali sistemiche, come la sindrome respiratoria e riproduttiva dei suini (PRRS), la pseudorabbia o la peste suina classica.
  • salmonellosi: la salmonella è l’agente batterico più comunemente isolato in caso di infezioni trasmesse da alimenti;
  • mastite: è un’infiammazione delle mammelle (mastiti) ed infiammazione del sistema riproduttivo (metriti) che porta ad una mancata liberazione di latte e/o calo della produzione di latte (agalassia);
  • Bruciature solari: si verificano quando sono esposti frequentemente al sole senza protezione, acqua o fango.
  • zoppia: i maialini vietnamiti possono soffrire di strappi muscolari, danni ai legamenti, fratture, ecc. a causa della forma della schiena;
  • zoccoli incrinati: si devono alla pressione su superfici abrasive come il cemento;
  • tetano: può manifestarsi dopo un morso di cane o un’abrasione della pelle.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta