Home Non solo Cani e Gatti Parlamento Ue, voto storico: “No alle gabbie dei conigli negli allevamenti”

Parlamento Ue, voto storico: “No alle gabbie dei conigli negli allevamenti”

CONDIVIDI

Un “voto storico” quello espresso nel corso della Sessione Plenaria del Parlamento Europeo contro gli allevamenti dei conigli in gabbie. Con 410 voti a favore, 205 contrari e 59 astensioni, il Parlamento Europeo ha votato delle misure mirate a migliorare le condizioni dei conigli negli allevamento in Europa.

Fino all’ultimo, diverse organizzazione animaliste tra le quali Animal Equality e CIWF, Compassion in World Farming Italia, avevano condotto una campagna per fare pressione sul parlamento si di mail bombing che una petizione per tutelare i conigli negli allevamenti come denunciato da una video inchiesta condotta su ben 75 allevamenti in tutta Europa in tre anni.

Ogni anno vengono macellati circa 340 milioni di conigli allevati in condizioni disumane nelle gabbie di batteria con un tasso di mortalità che spazia dal 15 al 30%. Condizioni estreme nelle quali gli animali vengono esposti a maltrattamenti quotidiani. Fino al voto di oggi i conigli, pur essendo il secondo animale più allevato in Ue era privo di diritti che tutelassero le sue condizioni di allevamento.

Con il voto espresso dal Parlamento Europeo in base ad una proposta presentata dal parlamentare Stefan Eck, la Commissione Agricola è stata incaricata ad elaborare una serie di norme per tutelare il benessere dei conigli negli allevamenti. Animal Equality principale promotore dell’iniziativa ha già annunciato di voler monitorare l’andamento e i tempi della stesura delle nuove misure, ricordando che l’abolizione delle gabbie ridurrà in modo significativo la sofferenza di centinaia di milioni di animali in tutte l’Ue.

“Un emendamento dell’ultimo minuto mette a rischio la possibilità che il Parlamento europeo voti per l’abolizione dell’uso delle gabbie per i conigli negli allevamenti”. Lo scrive in un comunicato la ong ambientaslista CIWF Italia. L’associazione “invita i cittadini a twittare e scrivere ai parlamentari italiani del Parlamento europeo affinché votino a favore del benessere dei conigli e non degli interessi dell’industria cunicola”.

La vittoria degli animalisti non sembrava essere poi così scontata considerando che è stato introdotto un emendamento “last minute salva gabbie”, con il quale ha sottolineato CIWF, “poteva essere cancellata la volontà di oltre 600.000 cittadini europei che hanno firmato chiedendo l’abolizione delle gabbie”. L’emendamento proponeva un altro tipo di gabbie leggermente più grandi che per la CIWF “non avrebbe assicurato il benessere dell’animale”.

“Quella di oggi è una svolta storica. Confinare gli animali in gabbie minuscole per tutta la vita è una delle pratiche più crudeli dell’industria alimentare, ma presto, per i 340 milioni di conigli allevati all’interno dell’Unione Europea, potrebbe essere solo un ricordo”,  ha dichiarato Matteo Cupi, direttore esecutivo di Animal Equality Italia.

Gli eurodeputati hanno votato in favore di .@Stefan_Eck_MEP per la protezione dei conigli UE! Le gabbie per conigli diventano storia! 🐇🐰🐇 pic.twitter.com/7CNmSnmk8s