Home Non solo Cani e Gatti Pesci rossi, le razze più comuni e facili da allevare

Pesci rossi, le razze più comuni e facili da allevare

CONDIVIDI

I pesci rossi sono tanti e le possibili razze si differenziano tra loro per alcuni aspetti: ecco quali sono le più comuni adatte anche a chi non ha esperienza.

pesci rossi razze
Varietà di pesci rossi (Foto Pixabay)

Credevate che i pesci rossi fossero tutti uguali? Ebbene, nulla di più sbagliato! I pesci rossi si distinguono in tante varietà differenti, con razze distinte tra loro per aspetti come il colore e le dimensioni. Chi ha dei pesciolini rossi nel proprio acquario potrebbe non essersene neanche reso conto, eppure è proprio così.

Nell’antichità il pesce rosso era allevato soprattutto in Cina, sia in acquari che in laghetti: questi animali sono fin da allora presenti nelle nostre case, e nei secoli attraverso vari incroci e selezioni si sono sviluppate razze e varietà di pesciolini differenti.

Pesci rossi, razze e varietà: ecco quali sono e come allevarli

pesci rossi
Pesci rossi in acquario (Foto Pixabay)

Da sempre conosciuti per il loro caratteristico colore rosso-arancio, questi pesciolini sono arrivati dalla Cina in Europa nel 1700 dove veniva inizialmente allevato in vasi di terracotta o bocce di vetro, utilizzati come elemento decorativo in tavola o addirittura appesi ai lobi come orecchini.

Oggi sappiamo che la classica boccia di vetro per pesce rosso è da evitare, perché troppo piccola per questi simpatici animaletti dotati di pinne: molto meglio predisporre un acquario delle dimensioni adatte con relativi filtri per la depurazione dell’acqua.

Come accennato, oggi nei nostri acquari è possibile allevare e ammirare tante differenti varietà di pesce rosso: qui, un elenco di quelle più diffuse con le loro caratteristiche.

I pesci rossi a coda singola

pesce rosso
Pesce rosso (Foto Pixabay)

– Pesce rosso comune > il classico pesce rosso è caratterizzato da una struttura corporea robusta, dal classico colore rosso-arancio, a volte tendente al giallo. Ha bisogno di un acquario spazioso e poco affollato e può crescere fino a 20 cm di lunghezza. Come tutti gli altri pesci rossi non può vivere in solitudine, ma ha bisogno di convivere con almeno un altro esemplare. Il pesce rosso comune è tra le più fedeli razze di pesci rossi in commercio ed è molto longevo: se allevato correttamente, vive anche fino a 30 anni.

– Pesce rosso cometa > originario degli Stati Uniti, ha un corpo sinuoso e longilineo con l’inconfondibile coda biforcuta. Nuota molto velocemente e può assumere i toni del rosso, del giallo, dell’argento e del bianco.
Adatto a vivere in stagni o laghetti, vive all’incirca 10 anni e raggiunge la lunghezza di 20 cm. La varietà Sarasa è bicolore, nei toni del bianco e del rosso.

– Pesce rosso shubunkin > questo pesce proveniente dal Giappone può essere allevato all’aperto anche in acqua fredda. Ciascun esemplare necessita di una quantità di acqua pari ad almeno 50 litri.
Dal corpo snello e affusolato, vive anche 20 anni e cresce fino a 25 cm di lunghezza. Lo shubunkin si caratterizza per i colori delle squame che sono un misto tra bianco, giallo, arancione e nero. Spesso presentano uno o entrambi gli occhi completamente neri.

Pesci rossi a coda doppia

pesce rosso
Pesce rosso (Foto Pixabay)

– Pesce rosso fantail > si riconosce per la particolare forma ovale del corpo, oltre che per la doppia pianna e per le svariate colorazioni del corpo che vanno dal bianco, al rosso, al giallo fino al marrone cioccolato. Lunghi all’incirca 20 cm senza contare la coda, sono pesci facili da allevare in acquario purché abbiano un’adeguata quantità di acqua a disposizione: solitamente, si calcolano circa 30 litri per esemplare. Questi pesciolini vivono anche fino a 10 anni, se allevati con cura.

– Pesce rosso ryukin > anche questo pesce è di origine giapponese e si caratterizza per una sorta di gobba vicino alla testa, oltre che per la forma decisamente ovoidale del corpo. Segue un’alimentazione prettamente vegetariana e richiede una certa conoscenza per essere allevato correttamente. Vive tra i 5 e i 10 anni e cresce fino a un massimo di 15 cm esclusa la coda.

– Pesce rosso pearlscale o Chicco di riso > pesciolino cinese dal corpo a palla, ha delle squame bianche e tonde che assomigliano a piccoli chicchi di riso o perline. Queste squame sono in realtà degli accumuli di calcio piuttosto delicati, che spesso tendono a cadere a contatto con gli arredi dell’acquario.
Sconsigliato a chi non ha già esperienza in materia di acquari, è un pesce delicato che può misurare fino a 20 cm e vive in media tra i 5 e i 10 anni.

– Pesce rosso telescopio > si caratterizza per l’inconfondibile occhio sporgente, da cui deriva il suo nome. In realtà, questa razza di pesci rossi non ha una buona capacità visiva nonostante i grossi occhi.
A causa della sporgenza dei bulbi oculari, il pesce rosso telescopio deve vivere in acquari privi di arredi troppo spigolosi: potrebbe facilmente andare a sbattere contro rocce e oggetti simili. Può essere arancione, nero, bianco o bicolore e misura fino a 20 cm coda esclusa.

– Pesce rosso bubble eye > allevato originariamente per le ricche e nobili famiglie cinesi, questo pesce si caratterizza per le due grandi sacche che gli spuntano in corrispondenza degli occhi. Le bolle sono sacche linfatiche che spuntano all’età di tre mesi. Come per il telescopio, vanno allevati in acquari privi di arredi spigolosi e hanno una capacità visiva limitata. Delicati e bisognosi di cure specifiche, crescono fino a 15 cm e possono vivere anche 10 anni.

Potrebbe interessarti anche:

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.