Home Curiosita Il pappagallo può mangiare le carote: ci sono rischi o gli fa...

Il pappagallo può mangiare le carote: ci sono rischi o gli fa bene?

Il pappagallo può mangiare le carote? Tutto ciò che noi mangiamo fa bene anche ai nostri animali domestici? Scopriamo se sono più i rischi o i benefici.

pappagallo mangia carote
(Foto AdobeStock)

Se si scegli di adottare un pappagallo è fondamentale conoscere le sue esigenze e come nutrirlo nel modo giusto, per evitare di creare delle problematiche al suo organismo.

Infatti nell’articolo di oggi andremo a capire se il pappagallo può mangiare le carote e la verdura in genere.

Il pappagallo può mangiare le carote?

La dieta del pappagallo deve essere composta dal 75% di mangime, 20% di frutta e verdura e un 5% per le ricompense.

pappagallo mangia carote
(Foto AdobeStock)

Il mangime che si trova in commercio, nei negozi specializzati, comprende tutte le vitamine e i sali minerali di cui l’uccello necessita.

Ciò non toglie che sono in tanti a somministrare a questo uccello, solo semi, frutta, verdura e legumi.

Perciò, in questo articolo di oggi, daremo delle informazioni inerenti al dubbio su: “Il pappagallo può mangiare le carote?”. La risposta è Si! Tuttavia è sicuramente meglio dargliele crude e con la buccia, dopo averle accuratamente lavate.

Le carote sono ortaggi a radice, ricchi di nutrienti e proprietà. Sono un’ottima fonte di:

  • beta carotene: un pigmento che viene utilizzato dall’organismo per la produzione di vitamina A, importante per la vista, il sistema immunitario, la crescita e lo sviluppo;
  • luteina: potente antiossidante coinvolto nella funzione visiva;
  • potassio: un minerale utile per la regolazione della pressione arteriosa;
  • vitamina k1: utile per il processo di coagulazione del sangue e la salute delle ossa.

Le carote si rendono perciò molto utili e recano i seguenti benefici non solo all’uomo ma anche al pappagallo. Essi sono:

  • contrastano i disturbi e le malattie dell’occhio;
  • contrastano lo sviluppo di alcuni tumori, tra cui allo stomaco e al colon;
  • contrastano l’ipercolesterolemia, grazie all’elevato contenuto di fibre;
  • favoriscono il senso di sazietà;
  • regolarizzano le funzioni intestinali.

Potrebbe interessarti anche: Come far vivere più a lungo il pappagallo con le cure adatte

Le verdure per il pappagallo

Le verdure per il pappagallo sono importanti in quanto fonte di proteine di cui l’animale necessita.

pappagallo mangia verdure
(Foto AdobeStock)

Per evitare che il pappagallo soffra di carenze di proteine, è necessario includere nella dieta dell’uccello piccole porzioni di verdura e anche di legumi.

In questo paragrafo ci soffermeremo sulla somministrazione adeguata di verdure per il pappagallo, per prodotti e qualità.

Come precedentemente accennavamo, il pappagallo ha bisogno di una percentuale pari a circa il 20% di verdura, ma non tutte sono appropriate alla sua dieta.

Ci sono infatti verdure che si possono somministrare tutti i giorni in quanto benefiche per il pappagallo e altre invece da somministrare con moderazione. Le prime sono:

  • bietola;
  • broccolo;
  • carciofo;
  • carota;
  • carota;
  • cavolfiore;
  • cavolo;
  • cicoria;
  • finocchio;
  • peperone arancione;
  • peperone giallo;
  • peperone rosso;
  • pomodoro;
  • radicchio;
  • rapa;
  • scarola;
  • sedano.

Le verdure invece da somministrare con moderazione (non più di 2 volte a settimana), sono: lattuga, patata bollita e patata dolce bollita.

Ricordiamoci che un’alimentazione sana per il pappagallo deve prevedere:

  • estrusi, non colorati artificialmente e possibilmente biologici.
  • cereali (cotti o crudi)
  • semi non grassi
  • frutta e verdure fresche, sbucciate o lavate bene.
  • legumi cotti, con l’eccezione di piselli e fagiolini che possono essere forniti crudi.

L’acqua deve essere sempre pulita, va cambiata tutti i giorni e soprattutto quando è sporca.

Potrebbe interessarti anche: Il pappagallo può mangiare l’avena? Cosa è importante sapere

Alimenti da non somministrare al pappagallo

Ci sono degli alimenti che non sono per nulla idonei alla dieta del pappagallo ma essendo ricchi e genuini per noi, potremmo per errore offrirli al nostro pennuto.

Gli alimenti da evitare di somministrare al pappagallo, sono:

  • sale;
  • avocado;
  • cioccolata;
  • latte;
  • alcol;
  • carne;
  • bevande gassate;
  • zucchero in generale;
  • caffè;
  • prezzemolo;
  • melanzana;
  • cipolla;
  • aglio;
  • semi di mela e pera;
  • fritture;
  • alimenti con coloranti;
  • alimenti con sapori artificiali aggiunti;
  • conserve;
  • succhi artificiali;
  • spezie;
  • dolci di qualsiasi tipo.

Ricordiamoci che offrire al pappagallo un alimento non adatto alla sua dieta, può generare spossatezza e creare problemi al suo organismo delicato.

Laddove invece dovessero esserci delle carenze è possibile introdurre nell’alimentazione degli integratori.

Questo però sempre e solo con la prescrizione del veterinario, il quale saprà indicarci i prodotti e le dosi adeguate.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta