Home Curiosita Il pappagallo può mangiare l’uva: benefici o svantaggi?

Il pappagallo può mangiare l’uva: benefici o svantaggi?

Il pappagallo può mangiare l’uva? Tutto ciò che noi mangiamo fa bene anche ai nostri animali domestici? Scopriamo se sono più i rischi o i benefici.

pappagallo
(Foto Pixabay)

Se hai deciso di trascorre le tue giornate in compagnia di un fantastico e simpatico pappagallo, capace di intrattenerti con le sue abilità di imitatore, è fondamentale che tu sappia come trattarlo e soprattutto come nutrirlo.

Queste informazioni basilari ti permetteranno di evitare di creare danni all’organismo del tuo volatile.

In questo articolo, ci occuperemo dell’alimentazione del tuo amato pennuto e in particolare andremo a capire se il pappagallo può mangiare l’uva e la frutta in genere.

Il pappagallo può mangiare l’uva?

Se fra i tanti animali domestici, alla fine hai scelto di adottare un pappagallo è opportuno che tu faccia particolarmente attenzione all’alimentazione.

pappagallo
(Foto Pixabay)

 Informarsi delle esigenze, delle cure e dell’alimentazione, dell’animale domestico che hai deciso di adottare è un atto d’amore e di responsabilità verso il tuo nuovo amico a quattro o a due zampe che sia.

Questo gesto d’amore permetterà al tuo animale di avere una vita longeva e soprattutto sana.

Informarsi sull’alimentazione del pappagallo è un atto dovuto, in quanto molto spesso questo uccello è lasciato libero di volare in casa e di appoggiarsi sulle spalle, proprio mentre mangiamo o facciamo un breve spuntino.

È il momento in cui il pappagallo può cercare di ottenere quello che forse non dovrebbe, ovvero ciò che mangiamo, i nostri alimenti, i nostri snack o la nostra frutta.

Proprio in merito a quest’ultima, ci chiediamo: “Il pappagallo può mangiare l’uva?”

Senza giri di parole, la risposta è Si ma sono davvero interessanti le motivazioni, per cui è possibile offrire l’uva al pappagallino.

Questo frutto è un pozzo virtù, poiché è dissetante, purificante, nutriente, energetica.

Partendo già dalla buccia è possibile capire quante proprietà interessanti e utile, possiede, ad esempio il resveratrolo, ossia un fenolo con importanti proprietà benefiche sull’organismo (azione antinfiammatoria, antibatterica e antifungina, azione diuretica e antiossidante, ecc).

L’uva è un frutto estremamente nutriente ed ha diverse funzioni, quali:

  • azione preventiva, grazie agli antiossidanti, di malattie degenerative come quelle cardiovascolari;
  • diuretica e disintossicante grazie al potassio;
  • effetto stimolante delle funzioni intestinali;
  • potere antivirale.

Detto questo, per quanti benefici possa apportare l’uva nell’organismo dell’essere umano come in quello del pappagallo, è importante non fornire dosi eccessive di uva al volatile, cercando di limitare la frequenza al massimo a due volte a settimana.

Potrebbe interessarti anche: Il pappagallo può mangiare la mela? Benefici o svantaggi?

La corretta alimentazione del pappagallo

Generalmente il pappagallo preferisce seguire i suoi gusti, per quanto riguarda il cibo.

pappagalli cibo
(Foto Pixabay)

Tuttavia l’alimentazione sana per questo volatile, deve prevedere, innanzitutto acqua fresca e sempre pulita e i seguenti prodotti:

  • estrusi, non colorati artificialmente e possibilmente biologici. Possiedono tutte le proprietà nutritive per dare la possibilità al pappagallo di vivere al meglio;
  • cereali (cotti o crudi);
  • semi non grassi ovvero quelli più utilizzati nelle miscele sono: miglio, canapa, scagliola, avena, girasole, grano saraceno;
  • frutta e verdure fresche per il pappagallo (sbucciate o lavate bene).
  • legumi cotti, con tranne piselli e fagiolini che possono essere forniti solo crudi.

Tra gli alimenti che si possono somministrare al pappagallo sono:

  • verdure ricche di Vitamina A, quali: carota, papaia, zucca, melone, albicocche, peperoni rossi dolci e piccanti, broccoli siciliani, cime di rapa, rughetta, tarassaco (o dente di leone) peperoni verdi dolci, patate (bollite e togliendo le parti verdi e i germogli), sedano, indivia, pomodori (solo quelli maturi e senza le foglie), indivia belga, cicoria;
  • frutta: banana, frutto della passione, mela, pera, fichi d’India, melograno, fichi, agrumi, ananas, mango, kiwi, frutti di bosco;

Altri alimenti da fornire con moderazione

A parte i gusti e le preferenze del pappagallo, non tutti gli alimenti gli sono concessi, poiché possono essere nocivi per la sua salute. Di seguito la specifica di ci che può e non può mangiare.

Alimenti da somministrare con moderazione:

  • formaggi magri;
  • i vegetali come la lattuga, gli zucchini, i cetrioli, l’uva, il cocomero contengono poche sostanze nutritive utili.
  • mais;
  • zuppe e le minestre.

Potrebbe interessarti anche:Il pappagallo può mangiare il kiwi? Più rischi o più benefici

Alimenti da non somministrare al pappagallo

Un paragrafo a parte va dedicato agli alimenti che non si possono fornire al pappagallo in quanto nocivi al suo organismo.

Purtroppo sono prodotti che molto spesso ci ritroviamo in casa e senza pensarci offriamo al nostro amico con le ali.

Di seguito vi elenchiamo gli alimenti da evitare di somministrare al pappagallo:

  • aglio;
  • alcol;
  • alimenti con coloranti;
  • alimenti con sapori artificiali aggiunti;
  • avocado;
  • bevande gassate;
  • caffè;
  • carne;
  • cioccolata;
  • Cipolla;
  • conserve;
  • dolci di qualsiasi tipo;
  • fritture;
  • latte;
  • melanzana;
  • prezzemolo;
  • sale;
  • semi di mela e pera;
  • spezie;
  • succhi artificiali;
  • zucchero in generale.

Questi appena elencati sono i prodotti che maggiormente nuociono alla salute del pappagallo, perciò occorre fare particolarmente attenzione onde evitare di danneggiare l’organismo del simpatico pennuto.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta