Home Curiosita Specie animali più antiche: erano tutti qui molto prima di noi

Specie animali più antiche: erano tutti qui molto prima di noi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
CONDIVIDI

Molto prima che la razza umana calpestasse il suolo terrestre, c’erano loro: le specie animali più antiche al mondo. La più anziana ha 760 milioni di anni.

Specie animali più antiche
Specie animali più antiche al mondo: la più vetusta ha addirittura 760 milioni di anni (Foto Unsplash)

Gi esseri umani possono anche essere in cima alla catena alimentare nel regno animale, ma alcune creature sono su questo pianeta da molto prima che un plancton iniziasse ad assomigliarsi. Gli animali sono molto più saggi di noi (su questo ci sono ben pochi dubbi) e hanno a cuore il benessere di questo pianeta più di quanto possiamo dire noi (su questo non c’è proprio alcun dubbio).

Il motivo è che questa, in realtà, è casa loro da molto prima che noi la occupassimo: l’essere umano è soltanto un ospite, uno sgradito ospite oramai, che ha approfittato in maniera meschina dell’accoglienza della Natura e della sua posizione per fare quello che gli pare e piace.

L’uomo non è affatto il padrone del mondo, è qui solamente da due milioni di anni o poco più: l’Homo sapiens, ossia il nostro ultimo stato evolutivo, ha circa duecento mila anni.

Invece, alcune specie animali che attualmente vivono con noi (un paio le conosciamo pure molto bene) sono qui da molto più tempo: parliamo di centinaia milioni di anni. Questo vuol dire che esse erano qui quando siamo venuti al mondo, ci hanno visto crescere, distruggere casa, occupare questo mondo approfittando ci delle sue risorse naturali; e molto probabilmente saranno ancora qui quando ce ne andremo, vedranno i residui del nostro passaggio sparire come le impronte sulla battigia. Tutto sarà stato non più traumatico di una parentesi in mezzo a una frase.

Specie animali più antiche al mondo: 12 esseri viventi vivono sulla Terra da molto più tempo di noi

Specie animali più antiche
Specie animali più antiche: i cianobatteri sono su questo pianeta addirittura da tre miliardi di anni (Foto Unsplash)

Mentre i cianobatteri si trovano su questa terra da circa 2,8 miliardi di anni, la medusa e lo storione possono anche essere annoverati tra gli esseri viventi più antichi al mondo.

Alcune specie animali sulla Terra sono sopravvissute alle condizioni più estreme, attraverso l’evoluzione, e hanno la capacità di adattarsi a nuovi ambienti. Queste specie animali più antiche sopravvissute hanno raffinate capacità e tratti fisici che ricordano, in effetti, altre specie ormai purtroppo estinte.

Questi animali sono conosciuti anche come “fossili viventi”. I cianobatteri sono l’animale vivente più antico del mondo, con i suoi incredibili circa tre miliardi di anni. Di seguito è riportato un elenco di altri 12 esseri viventi che sono esistono su questo pianeta da un tempo sorprendente.

Lo squalo goblin (118 milioni di anni)

 

View this post on Instagram

 

Desde las profundidades del océano, hoy queremos presentarles a un tiburón muy peculiar: ¡el tiburón duende (Mitsukurina owstoni)! Perteneciente al orden de los Lamniformes, es el único representante vivo de la familia Mitsukurinidae. Habita la zona abisal y presenta un rostro puntiagudo y una mandíbula altamente especializada para proyectarse rápidamente y capturar a sus presas, entre las que destacan calamares, cangrejos y peces abisales. Sin duda es una de las especies de tiburón más extrañas, y debido a sus hábitos, poco se sabe de ella actualmente. . . . All the way from the deep sea, today we’d like to introduce to you a very particular species of shark: the goblin shark (Mitsukurina owstoni)! Belonging to the order Lamniformes, the goblin shark is the only extant species from the family Mitsukurinidae. They inhabit the abyssal area of the oceans, and they possess a very pointed head and specialized jaw with the ability to project itself in order to capture their preys, which include squids, crabs, and abyssal fish. Without a doubt, it is one of the strangest species of sharks, and due to its habits, little is known about it. #goblinshark #tiburonduende #deepsea #unknown #marinebiology Post by: @saraalvbe Photo by: @smithsonian Video: https://www.youtube.com/watch?v=fYpn2u2Wag4 @discovery

A post shared by Fundación México Azul (@mexicoazul) on

Gli squali goblin sono tra le creature più terrificanti da vedere e, per questo motivo, siamo contenti che dimorino sul fondo dell’oceano e raramente si allontanino da lì. Ecco perché gli esseri umani hanno guardato così raramente queste bestie, anche se sono stati sulla Terra per tutto il tempo in cui ci abbiamo vissuto noi e molto più a lungo. Uno squalo goblin vivo è stato catturato in Giappone nel gennaio 2007, ma è morto in pochi giorni. Tuttavia, gli scienziati sono stati in grado di esaminare il suo corpo e imparare molto su questa specie vivente raramente incontrata.

La Martialis heureka (120 milioni di anni)

 

View this post on Instagram

 

Bien trabajadoras🐜🐜🐜 #ants

A post shared by Guerrero Rick (@g_rick_) on

Le uniche creature terrestri nella lista, queste formiche potrebbero essere tra le specie animali più antiche ancora viventi sulla Terra, ma sono nuove alla conoscenza umana. Questo perché, sebbene siano stati qui tutto il tempo, gli scienziati hanno scoperto questo tipo di formiche cieche e sotterranee solo nel 2008, la prima scoperta di una nuova specie di formiche dal 1923. Martilis heureka rappresentava non soltanto una nuova razza di formiche, ma anche un intero nuovo genere e sottofamiglia, primitivi e preistorici che esistevano all’inizio dell’evoluzione delle formiche centoventi milioni di anni fa.

Lo squalo da collare (150 milioni di anni)

Gli squali da collare sono le più antiche specie di squalo ancora esistenti. Data la loro età, sono meno evoluti rispetto agli squali più “moderni”, e quindi i loro corpi semplici appaiono come una combinazione di uno squalo e un’anguilla. Come gli squali goblin, gli squali da collare vivono sul fondo dell’oceano e quindi, nonostante siano stati occasionalmente catturati per caso, vengono raramente incontrati dagli umani. D’altra parte, se vedessi anche solamente una volta uno squalo da collare dal vivo, potresti non riuscire più a toglierti la sua immagine dalla mente.

Gli acipenseridi (200 milioni di anni)

Sebbene questo tipo preistorico di gamberi sia stato sulla Terra per oltre duecento milioni di anni, essi sono classificati come specie in via di estinzione. Finiranno la loro lunga esistenza prima delle generazioni umane di oggi? Forse no. Nel 2010, gli scienziati hanno scoperto un tratto unico che offre a questi animali una possibilità di sopravvivenza continua. Sembra che le loro uova possano rimanere asciutte e dormienti per periodi estremamente lunghi e comunque creare nuova vita quando reidratate. Dice il dottor Larry Griffin del Wildfowl e Wetlands Trust: Ora che sappiamo come sopravvive questa curiosa creatura, ci siamo resi conto che ci sono buone probabilità che ci siano più popolazioni là fuori. E che, inoltre, queste, potrebbero potenzialmente esistere altri duecento mila anni.

I cefalocaridi (200 milioni di anni)

Conosciuto meglio come “Storione”, questa famiglia di pesci è in realtà molto ampia e generica, dal momento che ne fanno parte parecchie specie che esistono da circa duecento milioni di anni. Ma nonostante sia così antico, quasi ogni specie di storione è ora in pericolo critico a causa del più mortale dei predatori: l’uomo. Gli storioni vengono cacciati per le loro uova, apprezzati per il loro uso nella produzione del caviale. Ma lo storione cresce e matura lentamente (possono vivere per 100 anni), quindi l’eccesso di raccolta, l’inquinamento e la distruzione dell’habitat si combinano tutti per minacciare continuamente la loro esistenza. La buona notizia è che lo storione è in grado di produrre milioni di uova. La cattiva notizia è che le persone che ne amano il sapore potrebbero mangiarne molte di più.

Il triops (220 milioni di anni)

 

View this post on Instagram

 

その昔、田んぼでカブトエビ。 #カブトエビ#田んぼ#自然観察#horseshoeshrimp

A post shared by Youk u.u.u (@youku.u.u) on

I più antichi gamberi sulla Terra, queste antiche creature prendono sul serio i consigli delle riviste femminili su come rimanere sempre giovani: sono praticamente identici ai loro più antichi avi. In circa duecento milioni di anni sul pianeta, l’evoluzione non ha alterato nemmeno un po’ questo genere di gamberi. Lo sappiamo perché abbiamo fossili di triops (gambero a tre occhi) di molto, moltissimo tempo fa: e mostrano un animale che è esattamente lo stesso di quello che possiamo vedere nuotare ancora oggi.

I petromizonti (360 milioni di anni)

Le lamprede sono parassiti inquietanti, simili ad anguille, con fori circolari sulla bocca pieni di dozzine e dozzine di denti piccoli e affilati, che usano per agganciarsi alle loro prede, piccoli pesci, e succhiarne il sangue. Inquietante, vero? Bene, se speri di entrare in una macchina del tempo e scappare in un momento in cui non esistevano le lamprede, dovresti arrivare più o meno all’era Paleozoica. Nel 2006, gli scienziati hanno studiato un fossile di lampreda di trecento sessanta milioni di anni, solo per scoprire che era tutto sommato uguale alle lamprede che abbiamo oggi.

Sono animali molto antichi, molto primitivi, ha detto il Dr. Michael Coates dell’Università di Chicago.

Il celacantiforme (360 milioni di anni)

 

View this post on Instagram

 

Photos by Laurent Ballesta @laurentballesta | Gombessa, the coelacanth: Researchers said it had disappeared 65 million years ago. It was simply hiding at 400 feet deep. Did it know one day divers would come visit? The first one was Peter Timm. He found it in 2000, and Nelson Mandela created a marine park to protect this unique sanctuary. My team and I waited almost 10 years to travel there in 2009, 2010, and 2013. Thanks to the advice of Peter Timm, we found it. Never before had a diver photographed a coelacanth in its own universe. Peter died in 2014 during a deep-dive accident, just one year after our last visit. In this world where every second counts, meeting with gombessa was unlikely and will remain unforgettable. A limited face-to-face, but memories for eternity. #coelacanth #marinewildlife #underwaterphotography

A post shared by National Geographic (@natgeo) on

I celacanti si erano da tempo estinti. E poi … E poi d’un tratto non lo erano più. Beh, non proprio. Ma abbiamo pensato che si fossero estinti da milioni di anni, fino a quando non ne abbiamo trovato uno nel 1938. Da allora, gli scienziati hanno studiato questi pesci molto rari e in via di estinzione con grande interesse, perché sono così simili agli antichi pesci che alla fine si sono evoluti per strisciare fuori dall’acqua e diventare il primo vertebrato terrestre. In effetti, proprio la scorsa settimana, un team di scienziati ha riferito per la prima volta la sequenza genomica del celacanto. Comprendere il corredo genetico del celacanto può aiutarci a capire come si sono evoluti, beh, praticamente ci può dire proprio tutto su di loro.

Il limulidae (445 milioni di anni)

Questi granchi molto particolari sono tra le specie animali più antiche quelli maggiormente noti, dei “fossili viventi” di fama mondiale, essendo rimasti praticamente invariati per i sorprendenti quattrocento quarantacinque milioni di anni sulla Terra. Degli scienziati canadesi hanno scoperto un nuovo fossile di limulidae, risalente a quel periodo davvero troppo lontano, nel 2008. Sebbene le creature fossero già state considerate uno dei più antichi animali viventi del pianeta, il nuovo fossile ha dimostrato di essere cento milioni di anni più vecchio di quanto non sapessimo in precedenza , eppure sono gli stessi oggi come lo erano allora.

Il nautilus (500 milioni di anni)

Mezzo miliardo di anni. Ecco da quanto tempo il nautilo ha chiamato il nostro pianeta casa, sopravvivendo a tutte le principali estinzioni di massa che hanno colpito il pulsante di ripristino sulla vita in tutto il mondo. Ma ora il nautilo è in pericolo di estinzione. Perché? Perché agli umani piacciono le conchiglie fresche. Le persone raccolgono il nautilo perché sono affascinati dai loro gusci a spirale unici e li usano per il decoupage. Ma li abbiamo sovrasfruttati quasi fino all’estinzione. Nei luoghi in cui una persona era in grado di catturarne centinaia al giorno, ora solo una o due possono essere trovate.

La medusa (505 milioni di anni)

Man mano che arriviamo alle specie animali più antiche della Terra, quelle che scopriamo diventano sempre più primitive. Questo perché ora stiamo parlando di un tempo abbastanza lontano dal nostro, uno in cui la maggior parte delle creature che vivono attualmente sulla Terra non esistevano affatto. Ma esistevano le meduse, anche cinquecento cinque milioni di anni fa. Ciò le rende quasi due volte più vecchie di quanto pensassimo fossero fino a poco tempo fa. Nel 2007, i ricercatori dell’Università del Kansas hanno scoperto nuove prove fossili di meduse risalenti a oltre mezzo miliardo di anni fa, duecento milioni in più rispetto ai più antichi fossili di meduse conosciute fino a quel momento. Quindi sarebbe più preciso affermare che le meduse hanno almeno cinquecento cinque milioni di anni (fino a quando non ne scopriremo una ancora più vetusta). Chissà quali prove possiamo trovare per dimostrare che sono ancora più vecchie di così?

La spugna (760 milioni di anni)

 

View this post on Instagram

 

what scares you this much? #SpongeBob #Spooky

A post shared by SpongeBob SquarePants (@spongebob) on

Sì, Sponge Bob appartiene alla specie più antica sulla faccia della terra. Non è chiaro da quanto tempo siano in circolazione le spugne marine, ma sono almeno abbastanza vecchie da essere le creature più lungamente esistenti sulla Terra, al di fuori del regno dei microrganismi (come i batteri). La più antica testimonianza di una spugna di mare trovata era un fossile scoperto proprio l’anno scorso in una roccia di settecento sessanta milioni di anni. Questo ha battuto il precedente record per il più antico fossile di spugna di mare: una spugna di seicento trentacinque milioni di anni, scoperta nel 2009. Potrebbero esserci addirittura fossili ancora più vecchi da trovare. Ma è improbabile trovare una specie più vecchia, poiché questi semplici organismi sembrano essere i progenitori di una vita molto più complessa, compresi i primi animali multicellulari.

Potrebbe interessanti leggere anche:

S.S.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI