Home Non solo Cani e Gatti Lo squalo Mary diventa una celebrità del web

Lo squalo Mary diventa una celebrità del web

CONDIVIDI

Non solo cani e gatti…le star coccolose del web possono essere anche di altre specie animali. Al cinema lo abbiamo imparato con i Pinguini di ‘Madagascar’ (“carini e coccolosi”), ma anche gli squali possono esserlo. Infatti da un pò c’è Mary Lee a catalizzare tutte le attenzioni in questo senso. Si tratta di un pescecane femmina, appartenente alla specie degli squali bianchi, che da un pò di tempo bazzica le coste dell’America Orientale, facendosi vedere principalmente in Florida. E questo ha causato un improvviso boom tra i locali, che hanno riscoperto un amore insolito ed inusuale per gli squali. Di Mary Lee già si parlava nel 2012, anno un cui venne catturata dagli operatori di ‘Oceareach’, un’associazione animalista che ha come scopo principale quella di preservare la tutela dell’ambiente marino. In seguito le fu installato un microchip per seguirne gli spostamenti in acqua, e Mary Lee venne liberata. Da allora viene tenuta costantemente d’occhio grazie agli impulsi segnalati all’apposita strumentazione. Ogni volta che Mary Lee emerge per respirare ne viene registrata la sua posizione esatta

Mary Lee, lo squalo ‘social’

Ed è possibile seguire gli spostamenti di Mary Lee anche utilizzando un profilo Twitter ed una appa dedicata. Cosa che ne fa indubbiamente lo squalo più famoso di tutti i tempi, se si eccettuano i suoi simili mutuati dal cinema. Mary Lee ha una lunghezza di 5 metri, ovviamente denti belli aguzzi ed un appetito…da pescecane. Ma come tutti sanno, o dovrebbero sapere, gli squali non predano gli uomini se non in rari, sfortunati casi. Ed in America i decessi avvenuti in mare per annegamento sono il triplo rispetto a quelli riconducibili ad attacchi degli squali. E’ però vero che lo squalo bianco rappresenta la specie più vorace di tutto il lotto, oggigiorno però è sottoposta a concreto rischio di estinzione, e questo danneggia l’ecosistema in cui sono inseriti. Intanto leggete cos’altro è successo a proposito di animali marini.