Home Cani Alimentazione Cani Alimentazione del Drever: cosa mangia, dosi e rischi

Alimentazione del Drever: cosa mangia, dosi e rischi

Cosa mangia e che esigenze nutrizionali ha? Tutto ciò che dovresti sapere sull’alimentazione del Drever.

Alimentazione del Drever
(Screenshot Foto Adobestock)

Un perfetto cacciatore dalle zampe corte e veloce per inseguire e catturare la selvaggina: così si presenta il Drever, un cane dal corpo rettangolare e spesso ‘confuso’ col nostrano Bassotto. Ma quali sono le sue esigenze nutrizionali? In che dosi è meglio farlo mangiare? Queste e altre curiosità sull’alimentazione del Drever, dalla scelta dei cibi ai possibili rischi di una dieta sbagliata.

Alimentazione del Drever: quale cibo scegliere

Non è mai semplice capire quali alimenti sono i migliori da somministrare al nostro amico a quattro zampe; per questo è sempre buono affidarsi ai saggi consigli del nostro veterinario di fiducia. Ma anche il padrone dovrà sapere quali sono i vantaggi di una dieta a base di cibi freschi e una a base di crocchette e cibo secco.

Drever
(Foto AdobeStock)

Se si sceglie una dieta a base di alimenti crudi e freschi, ovviamente dovremo fare grandissima attenzione alla qualità e alla conservazione del cibo (soprattutto quando si tratta di carne e verdure). Non potranno mai mancare:

  • carne,
  • carboidrati,
  • verdure.

Qualora invece si optasse per le crocchette, cibo industriale già bilanciato, pratico e adatto alle sue esigenze, è necessario sceglierle di ottima qualità. Si tratta di un alimento controllato, privo di germi e batteri, e soprattutto evita di commettere errori nella quantità delle porzioni (poiché saranno già concordate col veterinario). Inoltre non dimentichiamo che si tratta della scelta più economica per quanto riguarda la dieta.

Alimentazione del Drever: le sue esigenze nutrizionali

Di cosa ha bisogno un Drever per crescere sano e in forma? Sicuramente in qualsiasi dieta sceglieremo per lui non potranno mai mancare:

  • proteine,
  • acidi grassi essenziali,
  • calcio,
  • glucidi (le crocchette non ne contengono molte a differenza dei cereali).

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione cani e gatti: 10 falsi miti da sfatare

Alimentazione del Drever: dosi e quantità

Ovviamente le porzioni e la loro frequenza cambierà a seconda dell’età del cucciolo: quando è molto piccolo infatti e dopo essere stato svezzato (intorno alle 8 settimane), la cosa migliore è somministrargli il cibo in 3-4 volte al giorno (almeno fino ai 6 mesi).

Drever
(Foto AdobeStock)

Una volta più grande potremo dargli da mangiare un paio di volte al giorno. Per le quantità è bene consultare il nostro veterinario, per evitare di sbagliare le porzioni.

Potrebbe interessarti anche: Scopri tutto sulle razze di cani: la suddivisione in 10 gruppi FCI e come riconoscerle

I rischi di una dieta sbagliata

Oltre alla quantità e quindi allo sbagliare le porzioni (che potrebbero essere insufficienti o troppo abbondanti) è opportuno non dimenticare di scegliere la giusta razione di carne: si tratta di un cacciatore, per giunta da sempre abituato a cacciare e procacciarsi il cibo in natura. Infatti fin dalle origini il Drever è abituato a procurarsi il cibo (ovvero altri animali) da solo.

E’ ovvio che col passare del tempo e divenendo un animale più ‘domestico’, il costante legame con l’uomo lo abbia abituato ad ‘adattarsi’ ad altri tipi di cibo.