Home Cani Ghiandole perianali: infiammazione e terapia

Ghiandole perianali: infiammazione e terapia

CONDIVIDI

@Getty images

Avete mai notato il vostro cane strusciare il sederino per terra come se si stesse grattando? Se si, avete un problema! GHIANDOLE PERIANALI INFIAMMATE.

Cosa sono le ghiandole perianali?

Le ghiandole perianali sono delle piccole “noci” poste nella regione interna dell’ano. Non sono due ma multiple. Con precisione sono poste ai lati dell’ano e hanno il condotto che sbocca all’ingresso dell’orifizio.

La funzione principale di queste ghiandole è quella di produrre e rilasciare una sostanza densa e maleodorante ma lubrificante che viene emessa ad ogni passaggio delle feci attraverso lo sbocco dei loro condotti, dei tubicini posti accanto all’ano. Questa sostanza ha essenzialmente il compito di lubrificare le feci, rendendole quindi più morbide per facilitarne l’espulsione.

I cani possono rilasciare questa sostanza anche in altre situazioni, quali: stress, eccitazione, territorialità o spavento. Il motivo per cui la maggior parte dei cani tende ad annusare le feci degli altri animali è proprio per capire lo status dell’animale che stava li prima di loro. Così succede anche dal veterinario, quando i cani sono spaventati rilasciano sia feromoni che tracce di liquidoperianale inerenti al loro status, e state pur certi che anche il vostro cane ne risentirà e tenderà ad essere timoroso anche lui.

#4 "grazie"

I problemi delle ghiandole perianali:

Le ghiandole perianali possono andare incontro ad una serie di problemi, tra cui:

  • Ostruzioni
  • Infiammazioni
  • Infezioni da parte di batteri
  • Complicazioni delle infezioni batteriche, come gli ascessi, cioè delle raccolte di pus
  • Tumori benigni e maligni

Le cause di questi problemi possono variare in base alla situazione. Le principali includono soprattutto:

  • Condotti ostruiti per malformazioni
  • Secreto delle ghiandole troppo denso, al punto da non riuscire a scorrere nei condotti
  • Batteri provenienti dall’intestino che risalgono lungo i condotti
  • Batteri provenienti dall’esterno
  • Stress prolungato
  • Diarrea prolungata
  • Eccesso di grasso attorno alla zona dell’ano
  • Intolleranze e allergie alimentari

Quando le ghiandole perianali non riescono a svolgere la loro funzione nel modo giusto, il loro secreto si accumula sempre di più all’interno dei condotti che le collegano all’ano. Con il passare del tempo, le ghiandole tendono ad aumentare di volume e possono infiammarsi, per cui il cane avverte fastidio, dolore e prurito e inizia a mostrare il sintomo tipico di questi problemi: il movimento della carriola.

Questo è il termine comune con cui viene spiegato l’atteggiamento del cane che strofina il sedere per terra. Porta il bacino in avanti, solleva la coda e cammina trascinando le zampe posteriori ed il sedere contro il pavimento.

Il motivo per cui mette in atto questo atteggiamento è proprio per ricercare sollievo dal prurito e dal fastidio,tentando di schiacciare le ghiandole perianali attraverso il contatto con il pavimento.

#9 selfie con cane

Come svuotare le ghiandole perianali del cane:

Lo svuotamento manuale delle ghiandole perianali va fatto solo se dopo due giorni in cui il cane continua a strusciarsi e non ha risolto il problema da solo, e sopratutto solo da. La pressione manuale va fatta sola se necessaria. Se il secreto non riesce a fuoriuscire perché molto denso, il cane dovrà subire una leggera sedazione così da permetter un’irrigazione del fluido con lo scopo di ammorbidirlo. In caso di ascesso oltre all’antibiotico, si dovranno effettuare lavaggi della zona. Se il problema torna a presentarsi, bisognerà sottoporre il nostro cane a un intervento di sacculetomia che consiste nell’asportazione delle ghiandole perianali.

Fatevi mostrare dal vostro veterinario il procedimento corretto e, qualora lo ritenesse opportuno, iniziate a farlo da soli a casa. Fatevi aiutare da qualcuno che possa aiutarvi a tenere fermo il cane.

Vediamo come si svuotano le ghiandole perianali del cane:

  • Sollevate la coda del vostro cane e cercate di localizzare le ghiandole perianali. Per agevolare la ricerca, considerate la zona dell’ano come un orologio. Le ghiandole sono situate alle ore 4 e alle ore 8 rispetto all’ano;
  • Al tatto dovreste riuscire a percepire un certo gonfiore, soprattutto se le ghiandole sono infiammate o “intasate”;
  • Prendete una garza e iniziate a schiacciare le ghiandole con una pressione laterale, come se voleste pizzicare la zona;
  • A questo punto, se la localizzazione e la pressione sono adeguate, dovrebbe fuoriuscire una sostanza dall’odore nauseabondo. In presenza di pus o sangue rivolgetevi subito al vostro veterinario, perché potrebbe esserci un’infezione in corso;
  • Lavate il sedere del vostro cane con uno shampoo specifico.

Le ghiandole perianali possono ostruirsi per diverse ragioni. Per questo motivo è bene consultare in ogni caso un medico veterinario o un esperto nel settore che saprà consigliarvi cosa fare per alleviare il fastidio del vostro cane senza però ledere alla sua salute.

SE AVETE DOMANDE SULLA SALUTE DEL VOSTRO AMICO A QUATTRO ZAMPE SCRIVETECI ALL’INDIRZZO E-MAIL:  espertorisponde@amoreaquattrozampe.it  IL NOSTRO ESPERTO VI RISPONDERA’.