Home Cani I primi cani sono stati addomesticati in Asia Centrale

I primi cani sono stati addomesticati in Asia Centrale

CONDIVIDI

lupo

Una ricerca condotta da un gruppo di studiosi e pubblicata sulla rivista scientifica dell’Accademia Americana delle Scienze (Pnas) ha cercato d’indagare quando e dove i primi cani sono stati addomesticati dall’uomo. Secondo i ricercatori, i primi cani che discendono dal lupo grigio euroasiatico e che si sono evoluti nell’arco degli ultimi 15mila anni, sono stati addestrati in Asia Centrale, nell’area tra Nepal e Mongolia.

I ricercatori non sono riusciti a determinare con esattezza il periodo e il luogo ma hanno comunque aperto uno spiraglio sul tema di questa specie di canide diffuso per le strade e i villaggi ed esteso da un punto di vista geografico e geneticamente diversificato.

Tra i ricercatori, Adam Boyko dell’Università Cornell a Ithaca (New York), ha analizzato oltre 185800 marcatori genetici nel cromosoma Y e nel Dna mitocondriale di oltre 4600 cani, tra cui 165 di razza e 540 cani randagi, provenienti da oltre 38 paesi .

E’ emerso che vi è una maggiore varietà genetica nei cani di strada che in quelli di razza, riconducibile all’area del Nepal e Mongolia.

Inoltre, è stato evidenziato che la popolazione canina dell’Egitto, Vietnam e India ha pochissimi segni di discendenza con i cani europei.

Al contrario, i cani domestici del Sud Pacifico, America Centrale e delle Antille hanno origini europee.

Secondo i risultati, i ricercatori sono arrivati ad una prima conclusione per cui i cani domestici sono comparsi prima in Asia Centrale, per poi propagarsi ad Est.

Queste analisi genetiche, come riportano i media francesi, completano quelle effettuate sul Dna antico, per rintracciare il luogo e il periodo dell’addomesticamento e l’evoluzione del ceppo che ha origine dal lupo grigio.  Precedentemente era stato evidenziato che le origini dei cani potevano risalire in Europa, Medio Oriente, Siberia e Sud della Cina. L’Asia Centrale risulta essere l’ultima ipotesi e secondo i ricercatori, quella più avvalorata come tesi.