Home Cani Il cane segue ovunque il padrone: ecco perché

Il cane segue ovunque il padrone: ecco perché

CONDIVIDI
cane padrone
Cane e padrone

Comportamenti dei cani che seguono i padroni

I cani sono fedeli e leali nei riguardi del padrone. Sono sempre alla ricerca di contatto e spesso vivono in simbiosi con l’uomo. Non a caso vengono chiamati anche “animali d’affezione”. Tuttavia, questo comportamento, portato all’estremo, potrebbe trasformarsi in ossessione. Ci sono alcune cause che spiegano il perché il cane segua ovunque il padrone. Non solo per affetto. Atteggiamenti che derivano da diversi fattori, tra cui il fatto che il cane è un animale socievole, il ruolo di leader del padrone legato all’istinto del branco o l’affetto che riceve in cambio.

Leggi anche–> Linguaggio animali, i gesti che i cani usano per comunicare con l’uomo

cane padrone
Cane con padrone

Cane segue il padrone per affetto. Una recente ricerca ha dimostrato che, stando a contatto con l’uomo, nel cane si scatena il cosiddetto ormone dell’amore. I cani tendono a restare vicino al padrone spesso con la speranza di ricevere qualche carezza. Per loro è un riconferma dell’amore del padrone. In tal senso, si crea un meccanismo automatico nella mente del cane che tenderà a seguire il padrone per ricevere la ricompensa, ovvero la carezza.

Leggi anche–> I cani amano veramente i loro padroni: dopo l’ormone ossitocina arrivano i sentimenti

Cane e padrone

Il cane è curioso. Un altro fattore che spinge il cane a seguire il padrone è la curiosità. Cerca l’uomo per osservare i suoi movimenti e per capire cosa stia facendo. Magari nella speranza di ottenere un bocconcino. In alcuni casi, cerca conforto del padrone quando ha paura di qualcosa, un rumore forte come il temporale o la presenza di altri animali o persone che non conosce.

cane comportamento
Cane e padrone

Possessività e controllo. Si tratta di un sentimento comune che spinge il cane a stare sempre vicino al padrone. Esemplari che hanno vissuto esperienze traumatiche come l’abbandono o maltrattamenti, saranno più propensi a cercare protezione. Comportamenti spesso legati anche all’ansia da separazione, se il padrone è spesso assente o a cambiamenti di stili di vita, come un trasloco. Inoltre, si scatenerà in loro un sentimento possessivo che potrebbe sfociare in comportamenti ossessivi che andranno sicuramente ricorretti. Questo comportamento potrebbe anche derivare da un’eccessiva esigenza di controllare il territorio e di protezione del padrone, parte integrante del branco.

C.D.