Home Cani Portare a spasso il cane è pericoloso, soprattutto per gli anziani

Portare a spasso il cane è pericoloso, soprattutto per gli anziani

CONDIVIDI

Passeggiare con il cane fa bene alla salute ma comporta molti rischi

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica specializzata in Chirurgia, JAMA Surgery ha rilevato gli incidenti più comuni nel portare a spasso il cane.

La scienza ha sempre riconosciuto i benefici dei cani sulla salute delle persone. Non solo contribuiscono a mantenere in forma fisica, a combattere la depressione e la solitudine, soprattutto nelle persone anziane. Avere un cane migliora anche il sistema cardiovascolare.

Leggi–> Donne over 50 con cane o gatto sono a meno rischio ictus o infarti

Tuttavia, quello che non viene mai detto sono i rischi ai quali le persone si espongono nel portare a spasso fido. Se è vero che i cani aiutano le persone anziane a stare meglio ci sono anche delle piccole controindicazioni.

Infatti, i ricercatori hanno condotto un’analisi dei traumi, lesioni e infortuni nei data base di 100 pronto soccorso negli Stati Uniti.

I dati mostrano chiaramente come tra gli adulti e soprattutto gli anziani vi siano molte fratture legate correlate alla passeggiata con il cane. Un fenomeno che sarebbe in aumento.

Nel 2014, circa 1.700 adulti di età pari o superiore a 65 anni si sono recati al pronto soccorso traumi subiti durante una passeggiata con il cane al guinzaglio. Un numero che sale a circa 4500 persone nel 2017.

Gli incidenti si verificano in diverse circostanze. Molte persone cadono inciampando sul cane oppure si fratturano tenendo il cane al guinzaflio.

“Le persone sanno molto bene quali siano i benefici dei cani sulla salute. Per questo non sorprende che siano aumentati gli animali domestici nelle famiglie e tra gli anziani che oggigiorno vivono più a lungo e cercano di mantenersi in salute”, ha spiegato il Dr. Jaimo Ahn, professore associato di chirurgia ortopedica presso l’Università della Pennsylvania School of Medicine.

L’aumento degli incidenti sarebbe quindi da collegare con l’aumento dei cani nelle famiglie negli ultimi anni.

Lo studio ha però evidenziato che spesso vengono ignorati i pericoli domestici.

Il 30% delle persone anziane cadute con il cane hanno avuto bisogno di un ricovero e il 20% ha riportato una frattura all’anca.

“Invecchiando, dovremmo prendere in considerazione sia i rischi che i benefici dell’attività fisica che vogliamo fare e assicurarci di essere all’altezza della sfida”, ha pertanto chiosato il professore, concludendo che gli anziani devono anche considerare gli aspetti negativi e non solo i benefici.

In ogni caso, bisogna ricordare che ci sono molte razze di cani adatte alle persone anziane. Forse, dovremmo iniziare ad informare meglio, per prevenire i rischi, senza per forza discriminare i nostri simpatici compagni a 4zampe. Di sicuro, i benefici di un cane sono maggiori rispetto ai rischi. Tuttavia, come per tutte le scelte, è importante considerare tutti gli elementi, per evitare che la colpa ricada sempre sull’animale.

Consulta lo studio in inglese, clicca Fractures in Elderly Americans Associated With Walking Leashed Dogs

Ti potrebbe anche interessare–> I guardiani della salute dei padroni: i cani da caccia apportano più benefici

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI