Home Cani Razze di cani Cane da orso della carelia: razza, caratteristiche, carattere e salute

Cane da orso della carelia: razza, caratteristiche, carattere e salute

CARATTERISTICHE

  • Tipo d’impiego: cane da caccia
  • Taglia: Grande
  • Vita Media: 12-14 anni
  • Altezza maschio: 55-58 cm
  • Altezza femmina: 50-54 cm
  • Peso maschio: 25-28 Kg
  • Peso femmina: 17-20 Kg
  • Riconoscimento: ENCI

CARATTERE E STILE DI VITA

Il Cane da orso della Carelia ha un carattere attivo e dinamico. E’ molto sicuro di sé, infatti risulta indipendente e ciò lo porta ad essere riservato. Sa essere anche premuroso e un gran giocherellone con i bambini. Non è aggressivo con gli uomini, ma ci va pesante con i suoi simili poichè ha un senso innato per la lotta. Non ama vivere insieme agli altri animali, in particolari i gatti, e non si adatta facilmente alla vita in appartamento. Adora gli spazi aperti ma non è abituato alle temperature caldissime, ecco perché dovrebbe vivere in campagna con l’aria fresca, oppure in delle ville con giardino così può fare lunghe passeggiate e stare all’aperto.

ASPETTO GENERALE

Il cane da orso della carelia è di taglia grande, massiccio, potente e con una bella muscolatura. Non risulta altissimo, ma è abbastanza lungo, nonostante ciò risulta armonioso con le sue proporzioni.

Cane da orso della Carelia cucciolo
Cane da orso della Carelia cucciolo

TESTA E COLLO

La testa ha forma triangolare e incorpora un cranio grande. Lo stop non risulta molto pronunciato, con tartufo ampio e di colore nero. Gli occhi sono lievemente ovali e di colore marrone. Le orecchie di una media dimensione hanno la punta arrotondata con l’attaccatura alta. Il collo è rigido e di lunghezza media ed è assente di giogaia.

TRONCO E CODA

Il corpo si differenzia per il garrese che negli esemplari maschili risulta più massicci e ben definito, rispetto agli esemplari donna. Il dorso è muscoloso con rene corto e groppa ampia. Il torace è molto grande con un petto molto vistoso. La coda ha un’attaccatura alta con una lunghezza media.

ARTI

Gli arti anteriori sono solidi con un ottima ossatura. La spalla è obliqua e massiccia propri come il braccio. Gli arti posteriori hanno coscia ampia e lunga. Il ginocchio è diretto in avanti con garretto basso. I piedi non sono uguali, ma si differenziano: quelli anteriori hanno dita curvate e chiuse; i posteriori sono lievemente arcuati e più lunghi di quelli anteriori.

PELO E MANTELLO

Questo cane presenta un pelo esterno che risulta è liscio e morbido. Il sottopelo, invece è fitto ma soffice. Il mantello è di colore nero, da consuetudine, ma ci sono esemplari che hanno sfumature brune. Molti soggetti posso avere delle macchie ma solo sulla testa, sul collo, sul petto, sul ventre e sugli arti.

PADRONE IDEALE

Il padrone ideale per questa razza non deve essere sedentario o anziano, ma sportivo e attivo perché il cane ha da bisogno di attività stimolanti sia a livello fisico che mentale. Non è adatto per le prime adozioni. Il padrone deve saperlo educare, ma senza maniere forti, perché non rispanderà ai sui ordini, e il proprietario non deve sottovalutare il suo carattere forte ed intelligente. Può stare in famiglie allargate in quanto adora i bambini, ma devono rispettare la sua tranquillità e il suo carattere indipendente. Non è un cane da scegliere basandosi sull’esteriorità, ma si devono capire le difficoltà da affrontare per addestrarlo.

ALIMENTAZIONE

L’alimentazione come la toelettatura non necessita di tempo, basti alimentarlo in modo corretto per tenerlo in forma. Si accontenta di un’alimentazione tradizionale a base di verdura, carboidrati e carne cruda.

TOELETTATURA

Se il padrone è una persona con poco tempo per curare l’aspetto estetico, con questa razza bisogna solo avere cura del mantello, spazzolandolo in maniera regolare ma non in modo assiduo.

PATOLOGIE

Questa razza, anche se regolarmente vaccinata e curata, potrebbe essere maggiormente predisposta ad alcune patologie.

  • Displasia dell’anca;
  • Atrofia Progressiva della Retina.

CENNI STORICI

Le origini di questa razza le troviamo nell’antico Komi, un cane molto antico appartenente al popolo dei Zyrians. Il suo nome però deriva dalla regione del lago Ladoga in Russia. Qui è molto apprezzata come razza per le sue doti da cacciatore ai piccoli animali come scoiattoli e martore. Nel 1935 e stata riconosciuta dal Kennel Club finlandese e nel 1936 ci fu il primo allevamento. Oggi è molto diffuso, in particolare in Finlandia. Anche se è un cane da caccia non si comporta come un vero e proprio segugio, ma sa tenersi buona la preda nell’attesa che arrivi il padrone. è un ottimo cane da guardia. Molto difficile da ingannare, è fedele e protettivo nei confronti del suo padrone.

Cane da orso della Carelia adulto
Cane da orso della Carelia adulto
NOMI
  • Femmina: Glynne e Eira
  • Maschio: Lian e Flann

CHICCHE

La razza di questo cane è stata protagonista di una bellissima vittoria nella 48esima Esposizione internazionale canina di Milano, l’evento principale organizzato in Italia. Questo cane ha conquistato il primo premio del ‘Best in Show’.