Home Cani Salute dei Cani Acufene nel cane: le cause, i sintomi e il trattamento

Acufene nel cane: le cause, i sintomi e il trattamento

Acufene nel cane più che malattia un fastidioso disturbo.  Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento per poter aiutare Fido.

orecchio cane
(Foto Pixabay)

L’acufene nel cane è un disturbo che interessa l’apparato uditivo dell’animale. Si presenta sotto forma di rumori, come fischi, ronzii, fruscii e addirittura pulsazioni.

Tutto ciò rende la qualità di vita dell’animale molto scarsa, poiché lo innervosisce e non poco. Vediamo quali possono essere le cause, i sintomi e il trattamento dell’acufene nel cane.

Cause dell’acufene nel cane

L’acufene nel cane ma in generale deve essere sempre considerato un sintomo e non una malattia e perciò predecessore di qualche complicazione patologica.

Ragion per cui non va mai trascurato o sottovalutato ma fatto presente al veterinario quanto prima.

L’acufene, come precedentemente accennato, più che una malattia è da considerare un disturbo che ha origine da più cause.

Come infatti, generalmente compare in caso di danni neurologici, infezioni all’orecchio, presenza di corpi estranei nell’orecchio del cane o forti allergie.

Sintomi

L’acufene può manifestarsi sotto diverse forme di suono: sibili, ronzii, fischi, squilli, cinguettii, o ticchettii.

salute orecchie cane
(Foto AdobeStock)

I sintomi dell’acufene nel cane come nell’uomo possono variare la tipologia di suono, l’intensità, e il livello di disturbo.

Questo disturbo può manifestarsi molte volte in una singola giornata oppure solo per alcune volte al mese. Anche per quanto riguarda la durata non c’è un’indicazione precisa.

Può infatti persistere per qualche istante oppure delle ore, o può essere sempre presente anche durante il sonno del cane.

Potrebbe interessarti anche: Cisti all’orecchio del cane (Colesteatoma): cause, sintomi e cura

Diagnosi e trattamento

Per poter stabilire una diagnosi di acufene nel cane basta osservare l’animale e percepire che non rispondere ai comandi, non sente i rumori o addirittura perdere totalmente l’udito.

Sarà poi il veterinario a diagnosticare definitivamente l’acufene nel cane ma sfortunatamente non esistono ancora farmaci in grado di rallentare il processo di perdita dell’udito.

Purtroppo non esiste nemmeno la possibilità di migliorare la sintomatologia e la qualità di vita dell’animale che per forza di cose diventerà un cane aggressivo e nervoso.

Occorrerà perciò adattarsi al nuovo stile di vita e abituarsi a determinati comportamenti di aggressività e isolamento del cane.

Ricordatevi che l’approccio con un cane che soffre di acufene deve essere completamente diverso da quello di un cane che sente.

È fondamentale che vi facciate vedere e con calma vi avviciniate per evitare che si possa spaventare.

Avere un cane sordo non è una limitazione, basterà saper sviluppare un altra qualità e abilità in modo da stimolarlo in diversi modi.

Cercate di trasmettere all’animale una certa sicurezza, in modo tale che si crei un rapporto di fiducia che permette al cane di camminare al vostro fianco pur non percependo i rumori esterni.

Per ogni ragionevole dubbio è importante rivolgersi al proprio veterinario di fiducia, il quale saprà come intervenire e cosa suggerirvi per aiutare Fido.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea