Home Curiosita Adottare un Minuet: tutte le ragioni per sceglierlo e il padrone ideale

Adottare un Minuet: tutte le ragioni per sceglierlo e il padrone ideale

Adottare un Minuet, tutto quello che occorre sapere prima di portarlo a casa. I motivi per cui potrebbe essere la razza di gatto adatta a noi. 

minuet
(Foto Pixabay)

In questo articolo potrai trovare tutto ciò che ti serve sapere sul Minuet e conoscere a fondo questa razza di gatto esteticamente così particolare e buffa.

Tutte informazione che serviranno per capire se si tratta della razza che più è compatibile con il tuo carattere e il tuo stile di vita.

Scopriamo se adottare un Minuet è la scelta giusta per te, se anche il suo stile di vita e il suo carattere combaciano con il tuo.

Adottare un Minuet: carattere e padrone ideale

Molto spesso, il Minuet, questo micio di taglia media a pelo corto viene scelto per una questione puramente estetica.

gatto munchkin
(Foto Adobe Stock)

La sua caratteristica principale sono quelle particolari zampe corte e quella testolina piccola e tondeggiante dall’espressione tenera.

Naturalmente un gatto non è solo pelo, colore e taglio degli occhi ma è questo e tanto altro.

Perciò andando oltre il suo aspetto, prima di accoglierlo in casa, è opportuno cercare di informarsi sul carattere e sulle esigenze della razza.

Conoscere il temperamento del gatto, se potrà andare d’accordo con te, con la tua famiglia e quanto è disposto a tollerare gli altri animali presenti in casa.

Queste le principali domande che ti dovrai porre prima di adottare un Minuet.

In questo articolo potrai trovare le risposte ai tuoi dubbi e schiarirteli prima di procedere all’adozione di questa particolare razza di gatto Minuet.

Il Minuet è un gatto, vivace e scattante ma anche tanto dolce, giocherellone e affettuoso con gli umani.

Si tratta di un abile saltatore e un curioso esploratore sempre in cerca di nuove avventure. Essendo di indole molto pacifica e paziente è un ottimo compagno per bambini.

Tuttavia si presta molto bene anche a far compagnia gli anziani. Di certo non è la razza giusta per chi trascorre poco tempo in casa o resta fuori per lavoro per un lungo tempo.

Non perché porti via molto tempo (va spazzolato una volta la settimana con una spazzola di setole morbide, o pettinato con un pettine a denti larghi) ma perché odia restare a lungo da solo in casa.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Minuet e Munchkin: la razza più adatta al tuo stile di vita

Stile di vita del Minuet

Un’ottima mossa per poter capire quanto tempo ti impegnerà il Minuet, una volta accolto in casa, è informarsi sul suo stile di vita.

Se ti stai chiedendo di quanto tempo necessita il Minuet per la cura, l’igiene e le attenzioni, la risposta varia a seconda dell’argomento.

Il Minuet non porta via molto tempo per la cura del suo corpo ma al contrario ne porta via tanto per le attenzioni. È un gatto che si adatta molto facilmente ad ogni tipo di ambiente ma non ama restare da solo.

Preferisce la vita in appartamento, piuttosto che all’aperto ma necessità di vari giochi (tiragraffi, qualche giocattolo, mensole alte) che possano tenerlo attivo e occupato quando il suo padrone manca.

Si tratta di un gatto molto abile nei salti, perciò è opportuno installare delle mensole alte per far in modo che possa divertirsi a saltare e sfogare gli alti livelli di energia che possiede.

Tutto questo nonostante la statura bassa che però non gli impedisce di arrampicarsi ovunque.

Se c’è la possibilità sarebbe bello e anche utile costruire dei percorsi dove il Minuet possa correre a velocità folli, come piace a lui.

Se stai pensando di adottare un Minuet ti consigliamo di leggere anche l’articolo “Curiosità sul Minuet”, dove potrai conoscere tante storie su questa razza. Persino trovare qualche suggerimento per il nome da dare al tuo gattino.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea