Home Cani Salute dei Cani Follicolite nel cane: cause, sintomi, diagnosi e cura del disturbo

Follicolite nel cane: cause, sintomi, diagnosi e cura del disturbo

Follicolite nel cane, una patologia che può avere forme lievi o più gravi, anche a seconda della zona colpita. Vediamo quali sono le cause, i sintomi tipici e come si può curare.

Follicolite nel cane
Cagnolino ha forte prurito (Foto Canva – amoreaquattrozampe.it)

Sono tanti i problemi che possono tormentare la vita quotidiana del caro amico a quattro zampe. Non sempre è facile proteggerlo dai disturbi comuni, tramite controlli e attenzioni continue. Spesso, Fido può essere colpito all’improvviso da malattie che è bene conoscere. Vediamo, in questo articolo, che cos’è la follicolite nel cane e cosa fare a riguardo.

Follicolite nel cane: cause principali

Si tratta di una malattia dermatologica che può colpire i cani di ogni età ma che si verifica spesso nei cuccioli e nei cani più giovani. Può essere primaria o secondaria ad altre patologie. Approfondiamo qui di seguito.

Il cane e la follicolite
Fido soffre di una patologia (Foto Unsplash – amoreaquattrozampe.it)

Durante la convivenza con l’amico peloso, può capitare di vederlo stare male o a disagio per un problema improvviso, di cui non si sa ancora molto.

Il comportamento di Fido cambia in base a ciò che vive e a quello che lo colpisce, e lui manda dei messaggi chiari al suo padrone, per avvisarlo di questo.

La quotidianità dell’animale domestico non è più la stessa e si può intuire un atteggiamento diverso in molti aspetti della sua vita, dal mangiare al dormire, così come nel giocare insieme.

Ogni malattia, però, può essere combattuta se non viene sottovalutata e se la si affronta nel modo giusto, con l’aiuto del veterinario di fiducia.

La follicolite nel cane, nello specifico, è un’infezione che va a colpire i follicoli piliferi, da cui crescono i peli dell’animale. Tale condizione può provocare anche prurito.

Questa malattia si manifesta, di solito, nelle ascelle, nell’addome e nell’inguine del cane. Se il peloso non ha un sistema immunitario forte da proteggerlo da varie malattie, la sua barriera cutanea è a rischio, come con lo stafilococco.

Altre cause scatenanti della follicolite nel cane sono una pessima igiene, attacco di parassiti quali pulci o acari, seborrea, ma anche una scarsa alimentazione.

Non tutti sanno che spazzolare troppo il pelo di Fido può danneggiare la sua salute, scatenando malattie come questa.

I sintomi tipici della follicolite nel cane

Poiché la follicolite può avere una forma lieve e una più grave, si manifesta in modo diverso. Sulla pelle del cane si possono notare tanti piccoli rigonfiamenti sottocutanei, delle pustole facilmente visibili nei cani a pelo corto.

Quando i peli al centro di queste pustole cadranno, lasceranno delle lesioni circolari epidermiche. Se, invece, la follicolite è più grave, si noteranno dei grandi foruncoli, che si apriranno rilasciando pus e su cui si formeranno delle crosticine.

Possono anche formarsi, nei casi molto gravi, le fistole di drenaggio. Spesso, si può notare la sua comparsa nella zona di naso, bocca e mento. La forma cronica di follicolite può presentare i seguenti sintomi:

  • Iper-pigmentazione, cioè spessimento e colorazione scura della pelle;
  • Alopecia del cane.

Potrebbe interessarti anche: Il cane si gratta ma non ha le pulci: la causa potrebbe essere una di queste

Fido e la sua infezione: diagnosi e cura

La diagnosi, con questa condizione nel cane, è di fondamentale importanza, soprattutto se è associata alla presenza di altre malattie. Una volta individuata la sua causa, tutto potrà essere trattato. Continuiamo la lettura dell’articolo.

La malattia nel cane
Esemplare ha bisogno di cure (Foto Pexels – amoreaquattrozampe.it)

Come abbiamo detto, la follicolite nel cane può essere anche la conseguenza di una patologia più complessa e, per questo motivo, è bene contattare subito il medico per un controllo.

Nel caso in cui si tratti di una forma lieve di follicolite, sarà il veterinario stesso a prescrivere un trattamento semplice, che prevede uno shampoo di pulizia, insieme a un paio di bagnetti da fare in settimana (per circa 20 giorni).

Qualora questa terapia non dovesse bastare per risolvere il disturbo di bau, si continuerà con un trattamento antibiotico.

La sua forma più grave, invece, richiederà l’utilizzo di prodotti sia topici che sistemici.

Si consiglia, inoltre, di tagliare tutto il pelo se si tratta di una razza a pelo lungo, perché impedisce di osservare con attenzione alcune zone del corpo.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Altro segnale importante della follicolite è il pelo opaco nel cane e che rilascia squame. Per migliorare la condizione di questa tipologia grave, dovrebbero effettuarsi anche due bagni al giorno.

Maggiore attenzione alla pelle e all’integrazione

In casa le cure quotidiane devono essere sempre alte. L’igiene della pelle e la sua cura per il peloso non devono mai mancare e la sua alimentazione giornaliera dovrebbe prevedere l’integrazione di omega 3, per via dei suoi grandi benefici.

Cibi naturali e sani quali carne, pesce, verdura e frutta adatta al cane forniranno giusti vantaggi e permetteranno di avere un progressivo miglioramento della malattia.

Tra i rimedi casalinghi, si può optare anche per ottimi impacchi con tisane (camomilla, avena) da applicare sulle zone della pelle colpite dalla follicolite.