Home Cani Salute dei Cani Intertrigine nel cane: che cos’è, come si cura e quali sono le...

Intertrigine nel cane: che cos’è, come si cura e quali sono le razze più colpite

L’intertrigine può colpire anche il nostro amico a quattro zampe: scopriamo come si cura e quali sono le razze di cane più esposte al disturbo.

Intertrigine nel cane
(Foto Adobe Stock)

In medicina (anche quella veterinaria) la miglior arma a nostra disposizione è la prevenzione. Tuttavia non sempre basta. Anzi, in alcuni casi poco si può fare verso la predisposizione verso una determinata patologia. È il caso dell’intertrigine nel cane, all’insorgenza della quale alcune razze sono particolarmente predisposte. Scopriamo di quali si tratta e come si cura il disturbo.

Che cos’è

L’intertrigine è una patologia cutanea, che colpisce il cane nelle zone del corpo in cui due strati di pelle contigui vengono in contatto.

Carlino
(Foto Pinterest)

In altri termini, è un’infiammazione dovuto allo sfregamento della pelle; non a caso viene definita dermatite delle pieghe cutanee.

Le zone più colpite dalla malattia sono il collo, la coda, sulle labbra e nella zona genitale. La parte colpita si presenta arrossata; nei casi in cui l’infiammazione si presenti in uno stato avanzato, sulla pelle si formano della piaghe che emanano cattivo odore.

Potrebbe interessarti anche: Dermatite allergica da pulci nel cane: sintomi e rimedi della patologia VIDEO

Intertrigine nel cane: le razze più predisposte

Come detto, vi sono alcune razze di cani più predisposte delle altre. Non per ragioni genetiche, ma per le caratteristiche fisiche degli esemplari ad essa appartenenti. La patologia, d’altronde, trova il proprio campo fertile nelle zone di contatto tra due strati cutanei vicini.

cane carlino veterinario
(Foto Adobe Stock)

In alcune razze, di norma in sovrappeso, e che presentano i cosiddetti rotolini di grasso, si presentano le condizioni ideali per la proliferazione della malattia; così come nelle razze brachicefale.

Le razze più predisposte all’insorgenza del disturbo sono:

  • Carlino
  • Cocker spaniel
  • Springer spaniel
  • Boston terrier
  • Shar-pei
  • Segugio
  • Bulldog Francese
  • Bulldog Inglese
  • Bassotto

Potrebbe interessarti anche: Il cane ha la pelle irritata: cause, sintomi e trattamento

Come si cura

Quando si parla di salute la prevenzione è fondamentale. Far condurre al cane uno stile di vita sano, con la somministrazione di un regime alimentare sano ed equilibrato, un adeguato esercizio fisico ed un ambiente di vita confacente alle caratteristiche etologiche dell’animale è fondamentale.

Avvelenamento da salmone nel cane
(Foto Adobe Stock)

Curare l’igiene di Fido è altrettanto fondamentale, sia nella pulizia del corpo, sia nella cura dell’ambiente in cui vive; l’umidità favorisce particolarmente la proliferazione dei batteri responsabili dell’intertrigine nel cane.

Purtroppo, come specificato agli esordi dell’articolo, non sempre la prevenzione è sufficiente; alcune razze sono particolarmente predisposte alla patologia a causa della propria conformazione fisica. Pertanto, quando adottiamo un cane di razza, dobbiamo essere consci che l’insorgenza della malattia è una probabilità che dovremmo poter affrontare.

Detto questo, una volta che l’intertrigine si sia manifestata sul corpo dell’animale, non resta che rivolgersi tempestivamente al proprio veterinario di fiducia, al fine di evitare che l’infiammazione degeneri e si aggravi.

Il professionista, a seconda dello stato di avanzamento della malattia, potrebbe consigliare la somministrazione di antibiotici per ridurre l’infezione. L’uso dei medicinali dovrà essere coadiuvato dall’adozione di un regime dietetico ricco di acidi grassi, per favorire l’idratazione della pelle dell’animale.

Fondamentale sarà ridurre i chili di troppo, per il raggiungimento del peso forma; altrettanto importante assicurare la pulizia regolare delle zone del corpo del cane colpite da intertrigine.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.