Home Cani Salute dei Cani L’iponatriemia nel cane: cause, sintomi e rimedi della patologia

L’iponatriemia nel cane: cause, sintomi e rimedi della patologia

L’iponatriemia, che può colpire anche il cane, non è una vera e propria patologia; al contrario, è la conseguenza di diverse possibili cause.

L'iponatriemia nel cane
(Foto Adobe Stock)

Più che una malattia, l’iponatriemia è definibile quale anomalia dell’organismo, innescata da altre patologie (e tale da porsi quale sintomo di quest’ultime) e può colpire anche il cane. Scopriamo quali sono le principali cause, quali i sintomi principali cui fare attenzione, quali le cure più efficaci.

Che cos’è e quali sono le cause

L’iponatriemia indica un livello di sodio nel sangue troppo basso rispetto alla soglia ordinaria, che nel cane è da individuarsi nel parametro 140 mEq/l.

cane dal veterinario
(Foto Pinterest)

Le cause da cui può derivare il disturbo sono molteplici. Tra esse diverse patologie, come ad esempio l’insufficienza renale od il morbo di Addison.

Tra le principali responsabili dell’iponatriemia anche l’insufficienza cardiaca. Ulteriori cause sono la sindrome nefrosica, l’edema, la diuresi dovuta ad uso eccessivo di diuretici o all’ostruzione della vescica. Anche una forte diarrea può causare la diminuzione del livello di sodio presente nel sangue del cane.

Potrebbe interessarti anche: Carenza di magnesio nel cane: come riconoscerlo e tutti i rimedi

I sintomi dell’iponatriemia nel cane

I sintomi dell’iponatriemia nel cane possono essere diversi, alcuni dei quali molto gravi.

cane malato
(Foto Adobe Stock)

L’animale con carenza di sodio nel sangue presenterà i segni della letargia. Possibili anche disturbi alimentari come ad esempio l’anoressia.

I sintomi più gravi sono quelli neurologici. Le convulsioni, ad esempio, possono indicare che il livello di sodio nel sangue è troppo basso; nei casi più gravi, l’animale può entrare in coma. Un altro sintomo dell’iponatriemia, comune a molte malattie, è il vomito nel cane.

Potrebbe interessarti anche: L’iperkaliemia nel cane: cause, sintomi e rimedi del disturbo

Come si cura

In presenza dei suddetti sintomi è bene intervenire tempestivamente, portando il proprio amico a quattro zampe dal proprio veterinario di fiducia.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

Il professionista potrà procedere alla diagnosi anche facendo un semplice emocromo al cane, che evidenzierà un livello di sodio nel sangue al di sotto della media.

Non esiste una cura predefinita; come detto, l’iponatriemia è una condizione anomala che può dipendere da una pluralità di cause diverse. L’approccio terapeutico varierà a seconda del responso della diagnosi: sarà fondamentale dunque agire sulla causa che ha determinato l’abbassamento del livello di sodio nel sangue.

Fermo restando la somministrazione, per via endovenosa, di soluzioni reidratanti che ripristinino i valori ordinari. L’importante è che il tutto avvenga gradualmente: un aumento repentino potrebbe dar corso a crisi neurologiche nel cane.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.