Home Cani Vivere in casa con tanti cani

Vivere in casa con tanti cani

CONDIVIDI

Gli animali sono diventati membri della famiglia e c’è chi non si accontenta di un solo cane

convivenza tra cani
Vivere con tanti cani

Cosa significa condividere la vita con più cani? Ci sono alcune persone che non riescono a fare a meno di un animale nella loro vita. Molte persone optano addirittura per più cani e c’è chi arriva ad avere una decina di animali contemporaneamente. Non si tratta di casi di accumulatori di animali, ovvero la patologia chiamata “animal hoarding ” o “sindrome di Noé”.
Quanto invece di una disponibilità e di una situazione esistenziale che lo consente. In base allo spazio a disposizione, alle possibilità economiche, al tempo a disposizione e agli impegni, si può tranquillamente condividere la propria vita con più cani. E’ una scelta individuale. Tanto che, molte persone non riescono più a farne a meno. Ci sono delle testimonianza di persone, abituate a vivere con tanti cani, per le quali la perdita di un esemplare, ovvero passare da dieci cani a cinque esemplari, è come essere amputati di una parte del corpo.
Tuttavia, è molto importante essere consapevoli che avere molti cani comporta delle problematiche e la situazione può diventare difficile da gestire.

Avere tanti cani

Si tratta di una scelta che comporta dei cambiamenti nella vita di una persona o di una famiglia. Da un punto di vista delle legge, non vi è un limite al numero di animali anche se può variare di Comune in Comune soprattutto nel caso di animali in appartamento, all’interno di un condominio. La Legge non stabilisce un limite al numero di animali che si possono detenere, ma fissa gli obblighi del padrone nella cura dell’animale, da un punto di vista delle condizioni igenico sanitarie e relative al disturbo del vicinato.

Cane specie che vive in branco

Il cane è una specie sociale che vive in branco. Avere due esemplari sicuramente aiuta i cani a sentirsi meno soli, soprattutto se il padrone è costretto a restare molte ore fuori casa per lavoro.

Leggi anche–> Razze di cani adatte a stare molte ore da sole

Essendo un animale da branco, avere due cani è l’ideale. Tuttavia, laddove una persona non riesce a gestire un primo cane, introdurre un secondo esemplare raddoppierebbe i problemi.
Infatti, il cane apprende molto attraverso l’imitazione. Il secondo cane potrebbe copiare i difetti comportamentali dell’altro esemplare. Le conseguenze potrebbero presto diventare ingestibili.
Due cani creano un branco e ciò comporta un altro tipo di gestione da parte del padrone che deve diventare il capobranco per gestire i conflitti tra i due esemplari, ma anche quelli che potrebbero insorgere all’esterno, durante una passeggiata, quando incontrano altri simili. I cani si potrebbero coalizzare e diventare pericolosi per gli esemplari che non fanno parte del branco.

Rispettare la gerarchia tra cani


E’ importante ricordare che i cani nel branco hanno una gerarchia tra loro. Il padrone dovrà rispettarla in modo da non alterare l’equilibrio nelle relazioni del branco. Difendere l’esemplare più debole potrebbe peggiorare i rapporti tra i cani.
Intervenire punendo il più forte e rassicurando il debole viene percepito come un’ingiustizia dall’animale dominante che si sente tradito.
La migliore cosa che dovrebbe fare il padrone è restare impassibile e non intervenire nei momenti in cui si deve stabilire l’equilibrio come al momento del pasto, durante il gioco o nella scelta delle cucce.
Per le persone è naturale trattare ogni individuo in modo egualitario. Tuttavia per i cani non è così. Non esiste l’uguaglianza. Laddove non si rispetta la gerarchia si modificano i rapporti provocando dei conflitti che i cani cercheranno di risolvere non appena sarà data loro occasione.

Nel branco può esserci anche una convivenza serena e armoniosa che si basa sulla complicità tra gli esemplari. Per cui un cane conta sull’altro per risolvere dei problemi.

Alcune regole per vivere con più cani

Convivenza tra cani

Per creare una convivenza armoniosa tra cani ci sono alcune regole da stabilire al momento del pasto, per le cucce ma anche per i giochi dei cani. In alcune situazioni la convivenza per i cani significa tollerare l’altro animale quando si tratta di condividere le risorse che sia il cibo, la cuccia o il gioco.

Come gestire il momento del pasto con più cani

Condividere il pasto dei cani non significa per forza fare tutto insieme. Per i cani, in alcuni momenti, significa tollerare la presenza dell’altro, soprattutto quando si tratta di accedere alla risorsa “cibo”.

  • I cani devono mangiare da soli una volta al giorno (al massimo due volte se si tratta di cani di grossa taglia)
  • Non devono avere libero accesso continuo al cibo
  • il luogo in cui mangiano deve essere tranquillo in modo che non vi siano conflitti o situazioni che possono provocare nel cane la tendenza a proteggere la ciotola. Per questo è suggerito distanziare i cani tra loro al momento del pasto
  • Alcuni cani tendono ad essere golosi e vanno a rubare il cibo degli altri. Una cattiva abitudine che potrebbe avere delle ripercussioni sulla loro salute.
  • Insegnare ai cani ad aspettare prima di mangiare. Cominciando dal comando “Seduto”, “Aspetta/fermo” per aver modo di mettere a terra la ciotola. Solo quando le ciotole sono disposte nell’ordine, indicare ad ogni cane di mangiare nella propria ciotola.
  • Restare per qualche minuto vicino ai cani controllandoli, per mantenere gli equilibri.

Ci sono alcuni esercizi per insegnare ai cani a condividere. Ad esempio, addestrandoli con dei bocconcini golosi.

  • fare sedere i cani in fila, l’uno accanto all’altro
  • dare un bocconcino ad ogni cane a turno, facendoli restare nella loro posizione
  • Successivamente distribuire in modo aleatorio i bocconcini

In questo modo i cani capiscono che avranno tutti i bocconcini e non si creeranno conflitti tra di loro.

Ti potrebbe anche interessare–> Cane aggressivo quando mangia: come modificare questo comportamento

Avere tanti cani: come gestire le cucce

Oltre al pasto, un altro problema che si pone nella convivenza con tanti cani vi è anche la gestione delle cucce. Ogni esemplare deve avere il proprio spazio a disposizione che sia tranquillo e non di passaggio. Alcuni cani condividono la stessa cuccia, altri prediligono dormire da soli.
In tal caso, separare le cucce e disporle in luoghi o stanze diverse, in modo che siano separati l’uno dall’altro. La cuccia non deve essere un luogo di punizione o d’isolamento sociale, separata dagli ambienti più frequentati dai membri della famiglia. Il cane si deve sentire vicino ai membri della famiglia, pur mantenendo il proprio spazio.

Come gestire i giochi con tanti cani

Ecco un altro punto spinoso nella convivenza tra cani. Alcuni esemplari non hanno problemi nel condividere i propri giochi. Altri hanno un maggior senso della possessione e possono essere gelosi dei loro giochi.

Leggi anche–> Cane geloso? Ecco come comportarsi

Evitare di giocare con i cani utilizzando i giochi di ognuno, potrebbe provocare dei conflitti.
Se i cani non hanno palesato criticità nella convivenza, si conoscono e sono abituati a giocare insieme, il problema non sussiste. I cani non hanno neanche bisogno di giochi e quando sono insieme condividono momenti di svago senza aver bisogno di un oggetto specifico.

Vivere con tanti cani: come dimostrare affetto

Nella convivenza con tanti cani è importante fare capire che è il padrone a decidere quando stabilire un contatto con l’animale. Ovvero, non deve essere il cane a chiedere le carezze quando vuole. Altrimenti, si rischia di essere sopraffatti e di avere tutti i cani che chiedono in qualsiasi momento attenzione.

  • Ignorare il cane quando chiede attenzioni, una carezza o di giocare
  • Solo quando il cane si è calmato e si è distratto, richiamarlo per fare quelle che aveva chiesto.

Solo in questo modo sarà possibile gestire il rapporto con tanti cani, evitando che prendano il sopravvento.

Convivenza con i cani: come gestire i conflitti


conflitto tra cani

Rispettando alcune regole di comportamento e la gerarchia è possibile stabilire una buona convivenza tra gli esemplari. Tuttavia si possono sempre generare dei conflitti tra di loro.
Quando si genera una tensione emotiva tra di loro si può creare un conflitto per vari motivi.

  • alcuni esemplari non hanno appreso i codici canini
  • ci potrebbe essere un problema di gerarchia tra di loro, soprattutto tra i cani maschi che non riescono a trovare un loro ruolo nel branco
  • oppure l’intervento umano ha aggravato il fragile equilibrio nel branco

Per gestire una situazione conflittuale e stabilire di nuovo l’equilibrio non conviene intervenire subito.
Osservare i cani, sperando che il conflitto si risolva in pochi secondi

Nel caso in cui si tratta di segnali di aggressività, evitare di punire il cane. Ovvero se il cane ringhia, punirlo significa spingere il cane ad attaccare.

Ci sono alcuni sistemi per separare due cani che litigano:

  • prendere il cane che morde dalle zampe posteriori e sollevarlo verso l’alto in modo da destabilizzarlo
  • Se questo sistema non funziona, fare un rumore sconosciuto dai cani, in modo da sorprenderli e di conseguenza interrompendoli
  • Evitare di intervenire fisicamente, interponendovi tra i due cani. Durante la lite potrebbero involontariamente mordere il padrone. Si tratta di un riflesso incondizionato dell’animale che in quelle circostanze perde il controllo
  • Una secchiata d’acqua è uno degli altri espedienti, che si possono rivelare utili soprattutto all’esterno (non adatto nel caso di una lita in casa), per placare la lite.
  • quando i due cani si sono separati, provvedere a calmarli individualmente, facendo scaricare la loro energia e tensione.

Separare i cani non è la soluzione migliore. Per questo è importante ricreare un approccio tra di loro.
Fare incontrare i cani controllando le loro reazioni, attraverso metodi come il rinforzo positivo nell’obbedienza.

Prevenire i conflitti è sempre la soluzione migliore. Per cui è importante rispettare le regole e alcuni comportamenti del branco. Violando questi codici si alimenta la rivalità, la conflittualità o la competizione.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI