Home News La California limita la vendita di gatti, cani e conigli nei negozi

La California limita la vendita di gatti, cani e conigli nei negozi

CONDIVIDI

I negozi di animali domestici della California potranno vendere cani, gatti e conigli solo se provengono da rifugi o organizzazioni di soccorso senza scopo di lucro.

Negozio animali (ANTHONY WALLACE/AFP/Getty Images)

Cambia tutto in California per quanto concerne la vendita di animali domestici. In base alla legislazione che è entrata in vigore il 1 ° gennaio, gli operatori dei negozi dovranno anche essere in grado di fornire documenti di origine per gli animali o affronteranno pesanti sanzioni, fino a 500 dollari per ogni animale. La legge è stata approvata nel 2017, ma entra solo ora in vigore.

Per saperne di più –> California: stop alla vendita di animali domestici

Cosa prevede la legge sulla vendita di animali domestici in California

Il Pet Rescue and Adoption Act è stato introdotto dal membro dell’assemblea Patrick O’Donnell e firmato dal governatore della California Jerry Brown nell’ottobre 2017. Secondo la legge, si possono ancora acquistare da allevatori privati, ma nei negozi è proibito farlo. In un comunicato stampa diffuso all’epoca, O’Donnell promuoveva la legge come una fine ai “traffici di cuccioli” e alle “fabbriche di gattini”. La California è il primo stato nel paese a introdurre tale legislazione. O’Donnell ha definito la legge “una grande vittoria per i nostri amici a quattro zampe”. Inoltre, si abbatteranno le spese per l’eutanasia di animali, una piaga purtroppo ancora difficile da essere sconfitta.

L’atto specifica che gli operatori dei negozi di animali possono vendere cani, gatti e conigli solo da un’agenzia pubblica di protezione degli animali o da un rifugio, dalla società per la prevenzione della crudeltà nei confronti degli animali, da un rifugio autorizzato o da un gruppo di soccorso in collaborazione con un ricovero per animali. Richiede che “ogni negozio di animali domestici conservi registri sufficienti a documentare la provenienza di ciascun cane, gatto o coniglio che il negozio di animali vende”. Inoltre, richiede “di postare in una posizione ben visibile sulla gabbia o nel recinto di ciascun animale, un segno che indica il nome dell’entità da cui è stato ottenuto ogni cane, gatto o coniglio”. Infine, i negozi saranno tenuti a fornire alle agenzie pubbliche di controllo degli animali o ai rifugi l’accesso periodico a tali registri. Anche la Gran Bretagna si sta muovendo in questo senso.

Per saperne di più –> Gran Bretagna, vendita di animali domestici vietata a partire dal 2019