Home Cani Zoonosi, epidemia di brucellosi canina: trasmissibile all’uomo

Zoonosi, epidemia di brucellosi canina: trasmissibile all’uomo

CONDIVIDI

E’ un’epidemia che sta preoccupando le autorità

Diversi casi di brucellosi canina hanno destato l’allarme delle autorità nell’Iowa, Stati Uniti. Secondo le indiscrezioni, i cani portatori di questa malattia infettiva sono stati acquistati ad un’asta e provengono tutti da uno stesso allevamento di razze di piccola taglia, il Double G Kennels, noto come iowapuppies.com e situato nella contea di Marion.

Il Dipartimento della Salute dell’Iowa ha avviato diverse procedure per contenere la diffusione e il rischio epidemia, provvedendo a mettere in quarantena le strutture e le attività commerciali con i cani portatori di brucellosi, sottoponendo a controlli e test di laboratorio.

Brucellosi canina

La brucellosi canina è una malattia infettiva estremamente contagiosa tra i cani. Si tratta di un’infezione provocata da un batterio gram-negativo denominato Brucella canis che s’insedia nelle cellule e diventa difficile da trattare. Colpisce gli organi riproduttivi dei cani sia maschi che femmine. L’infezione viene trasmessa soprattutto con l’accoppiamento, ma anche tramite l’ingestione con fluidi corporei quali urine o liquidi vaginali. La diffusione aerea è molto rara ma è stata riscontrata.

Gli effetti di questa infezione sono pericolosi e provocano problemi riproduttivi tra cui infertilità, cuccioli nati morti e aborti spontanei.

Brucellosi canina: trasmissibile all’uomo

La brucellosi canina è rischiosa anche per gli esseri umani che possono contrarre il batterio entrano in contatto con il tessuto parto infetto e gli oggetti che contengono fluidi infetti (sangue, urina, latte o altri fluidi riproduttivi).

I sintomi dell’infezione contratta dalle persone sono simili a quelli influenzali: febbre, sudorazione, dolori articolari, debolezza e mal di testa. I bambini piccoli e le persone con un sistema immunitario indebolito sono particolarmente a rischio di complicanze. Inoltre, alcuni studi hanno trovato correlazioni tra la brucellosi e aborto spontaneo o parto prematuro.

Leggi anche–> Elenco completo delle malattie dei cani più letali

Epidemia brucellosi

Lo staff veterinario del Dipartimento dell’Iowa sta cercando d’isolare il focolaio per contenere il rischio epidemia,

Secondo quanto riferito, la brucellosi è una malattia infettiva piuttosto diffusa negli allevamenti. In questo momento, le autorità stanno cercando tutti i cani provenienti dall’asta e stanno cercando di trovare il modo per informare i proprietari dei cani acquistati dall’allevamento..

“Abbiamo anche emesso quarantene per assicurarci di fermare la diffusione della malattia”, sottolinea il dipartimento.

Infatti, un commerciante che ha acquistato ben 32 esemplari dall’allevamento ha dichiarato che la brucellosi ha avuto un effetto devastante sui randagi della zona. Per questo, al momento, i cuccioli del commerciante restano in quarantena fino a quando non sarà scemato il rischio epidemia.

Purtroppo, la brucellosi canina è una malattia difficile da individuare. E’ cronica e non ha cure efficaci. Edward Dubovi, professore di virologia alla Cornell University College of Veterinary Medicine, ha dichiarato al Washington Post che “i cani infetti possono sembrare sani – specialmente se sono stati trattati di recente con antibiotici – che possono alterare i risultati”.

E’ difficile da individuare in quanto spesso i test risultano negativi quando i batteri non sono attivi.

L’epidemia può rivelarsi devastante e preoccupa i commercianti e allevatori che potrebbero perdere intere cucciolate.

I cani in quarantena


Ti potrebbe anche interessare–> Zoonosi: le 10 malattie più pericolose da animale a uomo

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI