Home Cavalli L’influenza equina è una malattia endemica contagiosa

L’influenza equina è una malattia endemica contagiosa

CONDIVIDI

DEFINIZIONE:

L’influenza equina è una malattia endemica contagiosa ad alto rischio con decorso solitamente acuto che esita generalmente in guarigione. E’ assente in tutta la Nuova Zelanda e Islanda. La malattia è molto contagiosa e le particelle virali possono trasmettersi direttamente da cavallo a cavallo, o tramite contaminazione degli strumenti o degli indumenti. Una popolazione equina non vaccinata che non è mai stata esposta al virus ha un tasso di infezione prossimo al 100%, sopratutto perchè il virus ha un’alta variabilità genetica.
La frequenza con la quale si ammalano i cavalli varia in base sistema immunitario del cavallo stesso e allo stato del virus. Possiamo affermare che quasi la maggior parte dei soggetti che partecipano a gare, fiere e allevamenti elevati sono soggetti a rischio di influenza equina. La diffusione dell’epidemia è molto veloce perchè il virus ha un alto titolo virale nelle secrezioni mucose e l’incubazione è molto breve.  La trasmissione avviene attraverso il contatto con escreti dell’apparato respiratorio, ma anche con finimenti o utensili contaminati.

SINTOMATOLOGIA:

  • febbre alta
  • inappetenza
  • tosse
  • scolo nasale
  • dispnea
  • interessamento dei linfonodi della testa
  • fotofobia, lacrimazione
  • depressione

DIAGNOSI DI MALATTIA:

I sintomi dell’influenza equina sono comuni ad altre malattie respiratorie, come l’adenite equina e l’infezione da herpesvirus. Una volta eliminate tutte le cause peggiori, per completare la diagnosi ci basterà avvertire la classica tosse secca. Poichè anche i cavalli vaccinati possono presentare sintomatologia lieve, sarà necessario prelevare del muco nasale e fare un tampone in laboratorio isolando il virus.

TERAPIA:

Sarebbe necessario ricorrere solo alla profilassi vaccinale obbligatoria usando vaccini con antigeni resistenti. L e vaccinazioni si fanno al 3 o 4 mese di vita, e la seconda è da fare dopo un mese, poi i richiami annuali. Nel caso in cui fosse già presente la malattia, sarà il caso di passare a terapia antibiotica, avendo cura di pulire il box, tutti i finimenti, e i mezzi di trasporto, cosi come cambiare il ballone di fieno.