Home Cavalli Salute dei Cavalli Soffocamento nel cavallo: le cause, i sintomi e il trattamento

Soffocamento nel cavallo: le cause, i sintomi e il trattamento

Soffocamento nel cavallo, è una condizione che si verifica piuttosto spesso nell’animale. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

soffocamento nel cavallo
(Foto AdobeStock)

Il soffocamento nel cavallo rientra tra le emergenze, per tale ragione se sospettate che il vostro cavallo si trovi in questa terribile condizione, non esitate a chiamare il veterinario e ad allontanare il cibo o ciò che probabilmente ha provocato ciò.

Evitate, soprattutto di somministrare all’animale qualsiasi farmaco orale, cibo o acqua che potrebbe causare un ulteriore peggioramento.

Vediamo quindi, quali le cause principali, i sintomi che si possono individuare e quale trattamento applicare.

Cause del soffocamento nel cavallo

Naturalmente, se si pensa al soffocamento le cause possono essere molteplici, ma quella più probabile e perciò più comune è il soffocamento per ingestione di cibo secco, cibo duro (come carote) o grossolano mangiato troppo velocemente dall’animale.

La velocità con cui il cavallo si nutre non è l’unico motivo per cui potrebbe soffocare, ma anche eventuali anomalie dentali nel cavallo fanno sì che le particelle di cibo non vengano masticate correttamente prima della deglutizione.

Infine, altre cause che potrebbero portare al soffocamento nel cavallo sono alcune malattie e condizioni, ovvero il botulismo, l’anatomia esofagea anormale e la sedazione.

Sintomi

Individuare i segnali di soffocamento nel cavallo può sembrare al quanto semplice, tuttavia i principali sintomi abbiamo preferito indicarli.

tosse nel cavallo
(Foto AdobeStock)

I segnali che si possono individuare nel cavallo che soffoca sono:

  • comportamento colico nel cavallo;
  • conati di vomito;
  • depressione/letargia;
  • difficoltà a deglutire;
  • ipersalivazione;
  • materiale salivare/alimentare proveniente dalle narici o dalla bocca;
  • non mangia o non beve;
  • tosse.

Potrebbe interessarti anche: Le malattie comuni del cavallo e quelle più pericolose

Diagnosi e trattamento del soffocamento nel cavallo

Per poter diagnosticare la causa del soffocamento nel cavallo, il veterinario dovrà essere messo a conoscenza della storia clinica dell’animale e nel frattempo dovrà eseguire un esame fisico completo del cavallo.

Il veterinario sarà in grado di diagnosticare il soffocamento velocemente in quanto già la saliva e/o il cibo che fuoriesce dal naso del cavallo, sono dei segnali molto indicativi.

Subito dopo, userà un tubo gastrico che farà passare attraverso la narice del cavallo fino all’esofago. Grazie a questo tubo potrà arrivare a sentire l’ostruzione prima di passare nello stomaco.

Non sempre però può bastare questo esame a risolvere il soffocamento, anzi nella maggior parte dei casi, l’animale dovrà essere trasportato in clinica veterinaria.

In ospedale, il cavallo sarà sottoposto a sedazione e a test diagnostici come un esame endoscopico che utilizza una telecamera per visualizzare l’esofago e l’ostruzione.

A seconda della gravità del soffocamento nel cavallo, l’intervento potrà richiedere più o meno tempo per rimuovere l’ostruzione senza danneggiare l’esofago.

Nel frattempo il veterinario somministrerà un farmaco per spasmolitico o antispasmo per aiutare a rilassare il muscolo esofageo.

Poi utilizzerà delicatamente la terapia dell’acqua per far defluire l’ostruzione nello stomaco o attraverso il naso.

Eliminato l’ostacolo è importante continuare a somministrare farmaci per un paio di giorni per alleviare l’infiammazione e il dolore esofagei.

Gli antibiotici per scongiurare eventuali infezioni batteriche secondarie e polmonite.

Infine, somministrare una dieta limitativa per alcuni giorni o una settimana per consentire all’esofago di guarire.

Gli esperti consigliano, inoltre di fornire:

  • piccole quantità di foraggio alla volta;
  • quantità limitata di erba tramite il pascolo a mano;
  • piccole quantità di fieno imbevuto di acqua (per ammorbidire il fieno) più volte al giorno;
  • grano mescolato con una grande quantità di acqua.

Per quanto riguarda l’esercizio e lo stile di vita possono riprendere alla normalità quando il cavallo finisce la cura prestabilita, fino all’ultimo giorno dei farmaci prescritti dal veterinario.

Occorre fare molta attenzione nei giorni successivi in quanto possono verificarsi complicazioni a seguito di soffocamento. È possibile accorgersi di ciò se appaiono i seguenti segnali:

  • aumento della frequenza respiratoria;
  • febbre;
  • il cavallo non mangia;
  • letargia;
  • secrezione nasale;
  • tosse nel cavallo.

Possibili complicazioni da soffocamento includono rottura esofagea, polmonite nel cavallo e ricorrenza di soffocamento.

Per evitare il soffocamento nel cavallo è bene eseguire visite di routine dentali dal veterinario, offrire acqua dolce in ogni momento e optare per sistemi di alimentazione lenti.