Home Cronaca Pitbull aggredisce un altro cane: ferito anche un ragazzo

Pitbull aggredisce un altro cane: ferito anche un ragazzo

CONDIVIDI
(Pixabay)

Drammatica la situazione di un povero cane che è stato gravemente ferito da un pitbull, che lo ha lasciato con profonde lesioni. E’ avvenuto a Forlì, nella zona di via Zanchini. Il cane è arrivato dalla veterinaria in condizioni disperate. Molteplici sono infatti le lacerazioni causate dall’aggressione che ha subito dal pitbull.

L’animale, tra le le altre cose, ha riportato la perforazione di un polmone e diverse costole rotte. Operato d’urgenza, è salvo grazie a un intervento chirurgico d’urgenza, ma viste le gravissime ferite che ha riportato, ora dovrà affrontare una una lunga degenza.

L’aggressione è costata cara anche a un giovane di 17 anni ferito nel tentativo di dividere i cani. Anch’egli è stato infatti morso dal pitbull, ma al momento da parte sua non è arrivata alcuna denuncia. Non si è ancora capito se i pitbull fossero addirittura due, fatto sta che uno di loro è  sfuggito al controllo della proprietaria, scappando dal giardino di una via parallela, che si trova nei pressi del parco della Resistenza.

In base a una una prima ricostruzione dei fatti, effettuata dai Carabinieri di San Martino in Strada, i quali hanno proceduto ai rilievi di legge, il giovane è il proprietario di un terzo cane e lo stava portando a spasso, quando si è trovato davanti alla scena dell’aggressione. Senza pensarci due volte, si è frapposto tra i due animali, provando così a scongiurare conseguenze peggiori per l’animale aggredito.

Lo stesso minore è stato morso all’avambraccio ed è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Anche altri dei presenti, nel frattempo, sono intervenuti per separare i due animali, quindi qualcuno ha chiamato i carabinieri, giunti sul posto. Questi hanno provveduto ad ascoltare le testimonianze dei presenti, quindi la proprietaria è stata sanzionata per omessa custodia di animale.

I pitbull non sono solo cani aggressivi, ma spesso si trovano in condizioni difficili, restando vittime di abusi, il più ricorrente dei quali è sicuramente il loro coinvolgimento in combattimenti clandestini. Si tratta senza dubbio di una piaga annosa che qualcuno vorrebbe legalizzare.

Molti e gravissimi sono i casi: alla fine dello scorso anno, ad esempio, nel quartiere di  Montesilvano a Pescara, un residente esasperato ha filmato un combattimento in pieno pomeriggio tra due giovani pitbull, aizzati l’uno contro l’altro per strada, davanti ai cancelli delle abitazioni. In precedenza era avvenuto un maxi sequestro di 78 cani da combattimento, tra i quali Pit bul, Dogo Argentino e American Staffordshire Terrier.