Home Curiosita Cane di Beethoven: razza, storia, curiosità sulla saga dei film

Cane di Beethoven: razza, storia, curiosità sulla saga dei film

Attori, premi, caratteristiche fisiche e di temperamento del cane di Beethoven. Uno degli attori a quattro zampe più famoso del mondo. 

Cane di Beethoven
(Foto Fb)

In questo articolo parliamo di evento unico. Quando dici San Bernando il primo cane che ti viene in mente è la star della televisione Beethoven. Ma non solo. A volte per indicare proprio quella razza si cita il famoso cane attore che prende il nome dal ben più noto compositore, pianista e direttore d’orchestra tedesco. La saga per la tv si compone di otto commedie per la famiglia uscite dal 1992 al 2014 e tra il 1994 e il 1995 c’è stata anche una serie televisiva a cartoni animati basata proprio sui film, la sigla italiana del cartone animato era cantata da Cristina D’Avena.

Dall’addestramento per il set ai premi: tutto quello che c’è da sapere sul cane di Beethoven

Di seguito scheda film, premi, trama e alcune curiosità da non perdere assolutamente.

Beethoven e i bambini Newton
Beethoven con i tre bambini della famiglia Newton – Prima pellicola (Foto Fb)

Beethoven (1992) – In questo primo film il cane protagonista è Chris ha due anni ed è stato addestrato da Karl Miller, uno dei più noti istruttori di animali americani. Racconta la storia del cucciolo e della famiglia di umani Newton. Nel film ci sono altri cani tra cui quattro dobermann.
Ci sono diverse versioni sulla vera famiglia e su come sia morto Chris; alcuni affermano che Chris vivesse proprio con l’addestratore Miller, padrone anche di K-9, Babe, Cujo e numerosi altri animali attori. Sulla morte del cane alcuni asseriscono che sia venuto a mancare poco prima le riprese di Beethoven 2 mentre altre affermano che sia morto durante la pensione, in serenità, accudito da Teresa Miller, figlia del defunto addestratore Karl.

Beethoven 2 (1993) – Nel secondo capitolo della saga Beethoven si accoppia con la cagnolona, sempre San Bernando, di nome Missy. Nascono 4 cuccioli protagonisti del film. Per girare questo secondo episodio furono scelti 3 cani attori: Benz (che girò la maggior parte delle scene soprattutto quelle in cui il cane faceva attività fisica), Dolly (una femmina scelta per le scena in cui c’erano attori bambini) e Boomer (molto bravo a sbavare e a buttarsi nel fango).

Importanti i riconoscimenti per questa pellicola:
1994 – Premio Oscar – Nomination Miglior canzone (The Day I Fall in Love) a Carole Bayer Sager, James Ingram e Clif Magness
1994 – Golden Globe – Nomination Migliore canzone originale (The Day I Fall in Love) a Carole Bayer Sager, James Ingram e Clif Magness
1995 – Grammy Award – Nomination Miglior canzone (The Day I Fall In Love) a Carole Bayer Sager, Clif Magness e James Ingram
1995 – Young Artist Awards – Nomination Miglior film commedia o musicale per la famiglia e Nomination Miglior cast giovane a Nicholle Tom, Christopher Castile e Sarah Rose Karr

Beethoven 3 (2000) – In questo episodio della saga George Newton spedisce per posta Beethoven a suo fratello Richard, che dovrà restituirglielo nella riunione di famiglia dei Newton in California.

Beethoven 4 (2001) – In questo episodio, oltre a Beethoven, c’è un altro San Berdardo identico; Michelangelo che vive nella famiglia Sedgewick. I due cani si incontrano nei pressi di una giostra e Beethoven viene scambiato per Michelangelo da Simmons, il maggiordomo dei Sedgewick.

Beethoven 5 (2003) “Continuavano a chiamarlo Beethoven” – Sara, la piccola di casa Newton, va in vacanza con il suo cane Beethoven a Quicksilver, dove abita suo zio Freddy Kablinski. Qui i due si troveranno invischiati in una storia di banconote, bottini, rapine e rapinatori.

Beethoven – A caccia di Oss… car! (2008) – Si tratta di una sorta di prequel; la pellicola racconta la storia di Beethoven prima del primo capitolo.

Beethoven – L’avventura di Natale (2011) – In questa pellicola Beethoven e il suo compagno Mason aiutano Henry, un elfo assegnato da Babbo Natale al negozio di giocattoli, a salvare il Natale. Motivo? Un proprietario senza scrupoli di un negozio di giocattoli ha preso la borsa magica di Henry.

Beethoven – Alla ricerca del tesoro (2014) – In questo film il cane è in viaggio per l’America con il suo fedele addestratore Eddie quando fa amicizia con un simpatico bambino che lo trascinerà in una rocambolesca avventura alla ricerca di un tesoro nascosto.

Potrebbe interessarti anche: Il San Bernardo è un cane adatto ai bambini? I vari pro e contro

Le caratteristiche del cane

Nome: Cane di San Bernardo o, semplicemente, San Bernardo
Area di origine: Svizzera. Dal 1887, anno in cui è stato definito lo standard di razza, è il cane nazionale svizzero Standard
Varietà: una a pelo corto, una a pelo lungo
Caratteristiche generali: razza di grande mole, con testa imponente, notevole muscolatura
Altezza al garrese: 70-90 cm per i maschi, 65-80 cm per le femmine, alcuni esemplari però superano queste misure
Colorazione del mantello: colore di base bianco, con pezzature castano-rossicce di estensione variabile, alcuni esemplari presentano tale colorazione estesa su tutta la schiena e sui fianchi
Aspettativa di vita: 8 anni
Temperamento: tranquillo o vivace, amichevole, indipendente
Movimento: un’ora di passeggiata al giorno

S.C.