Home Curiosita Come capire se il gatto è infastidito: segnali e consigli utili

Come capire se il gatto è infastidito: segnali e consigli utili

Come capire se il gatto è infastidito da noi? Alcuni suoi gesti sono chiari messaggi per il suo padrone. Vediamo, qui, cosa è importante osservare nel proprio peloso.

Come capire se il gatto è infastidito
(Foto Unsplash)

Il modo in cui micio si comporta ci fa capire molto della sua personalità e del suo stato d’animo. Il felino, lo sappiamo, usa i movimenti del suo corpo per lanciare messaggi al suo amico umano ed esprimere qualunque esigenza o problema. Ma, a volte, non è facile intuire le emozioni del proprio peloso. Vediamo, allora, come capire se il gatto è infastidito, attraverso alcuni segnali importanti.

Come capire se il gatto è infastidito: i comportamenti da notare

Riuscire a comprendere le emozioni di un gatto non è affatto semplice. Questo perché si tratta di un peloso enigmatico e, spesso, anni di convivenza con lui possono comunque confondere e farci sbagliare in un giudizio. Leggiamo, quindi, quali sono quei comportamenti che sono chiare espressioni di un suo disagio o fastidio in casa.

Capire se il peloso è nervoso
(Foto Pexels)

Vivere con l’amico felino può far sentire qualcuno sempre circondato da un affetto sincero e dolce quando se ne ha la necessità.

Micio sa essere un compagno di vita tenero e presente appena percepisce che, nel suo padrone umano, c’è qualcosa che non va o se sta vivendo un periodo triste.

Il suo proprietario vorrebbe che fosse così facile intuire anche le emozioni del peloso. Ad esempio, accorgersi se il gatto è infastidito o arrabbiato per qualche motivo non è proprio semplice. Occorrono molta esperienza ed un buon occhio su di lui.

Questo accade perché il felino è un animale contraddittorio e che può ingannare nelle sue espressioni quotidiane. Esistono, però, degli atteggiamenti inequivocabili che micio assume per capire se è infastidito oppure no. Ecco quali sono.

Per prima cosa, è importante notare sbalzi d’umore improvvisi nel gatto, soprattutto se si è abituati a vederlo comportarsi in un modo anziché in un altro. Conoscendo la sua indole, si può subito capire se si sta innervosendo.

Gli atteggiamenti di fastidio nel peloso

Una regola da rispettare sempre nella convivenza con un micio è quella di rispettare le sue decisioni. Nel caso in cui il peloso si allontani per restare solo è bene non avvicinarsi troppo spesso e lasciargli il suo spazio; ciò verrà interpretato dal suo umano come un rispetto.

Chiunque voglia instaurare un legame profondo con un gatto, deve sapere che questo animale apprezza la privacy e sarà lui il primo a tornare dal padrone per farsi coccolare.

Se il peloso è infastidito o arrabbiato nei confronti del proprietario o a causa di altro, potrebbe tendere a ringhiare, proprio per esternare il suo disagio.

Tante volte, basta guardare negli occhi il gatto per accorgersi di un suo malessere (non fisico in questo caso). Si sa, gli occhi sono lo specchio dell’anima e su di essi c’è il riflesso delle nostre emozioni; questo vale anche per gli amici pelosi.

Attraverso uno sguardo inconfondibile, quello di un micio nervoso e infastidito, sarà impossibile interpretare male la sua espressione sul volto.

Potrebbe interessarti anche: Come capire l’umore del gatto: i segnali da osservare

Il felino e i segni non verbali: il rifiuto della compagnia

Il micio domestico nervoso o arrabbiato con noi, può comportarsi in modo tale da farcelo capire e si aspetta sicuramente una reazione giusta da parte nostra. Oltre allo sguardo e al suo ringhiare, il felino comunica con alcune azioni a cui fare attenzione. Vediamole qui.

Capire se il gatto è arrabbiato
(Foto Pixabay)

Una espressione su cui è impossibile sbagliarsi, insieme ad alcune azioni che sono dichiarazioni di fastidio generale o rimprovero nei confronti del padrone. Micio fa di tutto per essere ben chiaro con chi si prende cura di lui.

Di solito, un felino innervosito o a disagio non ama trascorrere del tempo con il suo umano o in famiglia. Il momento del gioco o di altre attività di condivisione vengono rifiutate dal peloso, proprio perché infastidito da una persona o da una situazione domestica.

Attenzione a notare anche il linguaggio delle orecchie del gatto. Insieme agli occhi, micio comunica molto di sé con attraverso le orecchie, in particolar modo se le si nota abbassate e appiattite.

Questo è un chiaro segnale di nervosismo nel gatto e sarà necessario approfondire per poter risolvere. Un consiglio è quello di parlarne con il proprio veterinario, qualora questo nervosismo dovesse persistere.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.