Home Curiosita Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso: cosa è importante sapere

Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso: cosa è importante sapere

Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso? É possibile fare tornare il letto come nuovo seguendo questi ottimi consigli.

Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso
(Foto Unsplash)

Con un felino in giro per casa, capitano spesso fastidiosi e pericolosi incidenti domestici, come quello di fare i suoi bisognini ovunque per casa o, addirittura, nella propria camera da letto. In questi casi, è bene conoscere i metodi per pulire e disinfettare ogni zona. Vediamo, qui, come rimuovere la pipì del gatto dal materasso con i consigli migliori.

Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso

Una delle cose più fastidiose che può accadere, vivendo con un micio, è trovare la sua pipì dappertutto tranne che nella sua lettiera. Se il luogo preferito è il letto, ancora peggio. Ma come ripulire tutto? Approfondiamo qui nell’articolo.

La pipì del felino sul letto
(Foto Pexels)

La compagnia del felino domestico ci rende sempre felici e ci stimola a fare tante attività che, da soli, non sarebbero tanto piacevoli in casa.

Ogni cosa assume un fascino diverso con la presenza affettuosa di micio, mai fastidiosa o caotica, per il suo carattere indipendente e autonomo e la sua capacità di adattamento.

Per quanto il peloso, però, si sforzi di essere attento a sé stesso e alla sua igiene, possono verificarsi incidenti spiacevoli in casa.

Quando il micio si trova sul letto insieme al suo padrone, abbandonato alle coccole o intento a fare un pisolino, può lasciarsi andare ai suoi bisognini e lasciare la pipì sul letto, quindi sul materasso. Episodio non proprio gradito da nessuno.

Una cosa è certa, è importante intervenire subito ed eliminare l’urina dalla superficie, così come ogni traccia del suo odore. Questo perché la pipì del felino è dannosa per la nostra salute e può causare problemi respiratori.

Agire subito sulla macchia

Innanzitutto, occorre assorbire tutta la pipì sul materasso quando è ancora fresca, quindi, quando notiamo la grossa macchia, agiamo in fretta per ripulire il più possibile.

Utilizzando dei vecchi asciugamani (o tovaglioli di carta), occorre premere forte sulla zona del materasso e tutto intorno. Per verificare che il tessuto sia asciutto e non umido, tamponiamo più volte.

I panni usati per togliere l’urina andranno lavati subito per togliere in modo definitivo l’odore e qualsiasi traccia.

Il secondo passaggio è quello di portare all’aperto il materasso. Appena il clima lo consente, bisogna lasciare fuori il materasso, posizionandolo su un tavolo e bagnandolo con acqua e detergente per disinfettare.

Ma se il tempo non è buono, possiamo stendere un grande telo di plastica tra la base del letto e il materasso, posizionando ancora degli asciugamani sopra la plastica, per proteggerlo dall’acqua.

Come rimuovere la pipì del gatto dal materasso: disinfettare la macchia

Il passaggio essenziale è quello di bagnare la macchia , quindi la zona interessata, con dell’acqua, riducendo l’odore della pipì.

Scegliendo un detergente enzimatico oppure un prodotto pulente in casa, come l’aceto diluito in acqua o uno smacchiatore.

Versiamo il prodotto scelto piano piano sulla zona da trattare del materasso e lasciamo agire almeno 15 minuti per far assorbire.

Potrebbe interessarti anche: Come eliminare la pipì del gatto dal divano: consigli utili

Eliminare la pipì del felino: consigli utili

Come abbiamo visto, è importante assorbire quanta più urina dalla superficie del materasso, per potersi liberare dell’odore e di ogni traccia. Ecco altri consigli utili per trattare la macchia e ottenere ottimi risultati.

Come eliminare la pipì del felino
(Foto Pixabay)

Come abbiamo visto, intervenire immediatamente sulla macchia di urina del gatto è fondamentale, se non si vuole rischiare di rovinare tessuti e materasso con una sostanza molto difficile.

Dopo che si è lasciato agire il detergente pulente, bisogna recuperare l’asciugamano e assorbire l’eccesso del prodotto e dell’eventuale sporco rimasto sulla superficie, tamponando fino a togliere l’umidità.

Bicarbonato e ventilatore per asciugare meglio

A questo punto, si può continuare versando sul materasso del bicarbonato di sodio, utile per purificare dall’odore di urina e per asciugare più in fretta.

L’uso di un ventilatore in camera, diretto verso il materasso, fa sì che possa asciugarsi con velocità, anche perché questo procedimento richiederà almeno 3 giorni per ottenere l’asciugatura completa.

Dobbiamo sapere che, prima di tornare a dormire sul materasso pulito, sarà necessario coprire la parte ancora umida con due teli, coperti a loro volta da un sacco di plastica, e soltanto dopo ricoprire con le proprie lenzuola.

Infine, si consiglia di eliminare ogni traccia di bicarbonato di sodio dal materasso tramite l’uso dell’aspirapolvere.

Vorremmo sempre il micio con noi, in qualsiasi luogo e contesto, ma è meglio controllare che non entri nella camera da letto, soprattutto la sera, eviterà un bel po’ di problemini.