Home Curiosita Curiosità sul Ragdoll: tutto quello che devi sapere su questa razza

Curiosità sul Ragdoll: tutto quello che devi sapere su questa razza

Curiosità sul Ragdoll: storie, aneddoti, vicende realmente accadute. Tutto ciò che occorre sapere prima di adottare un gatto di questa razza.

ragdoll
(Foto AdobeStock)

Il Ragdoll è un gatto di taglia medio grande, muscoloso, massiccio ma elegante. Una razza di origini nordamericana con gli occhi azzurri e un manto colourpoint particolare.

Insomma una palla di pelo dagli occhi incantevoli. Scopriamo insieme quali altre curiosità sul Ragdoll, nei prossimi paragrafi.

Curiostità sul Ragdoll: lo sapevate che…?

Se hai adottato un Ragdoll non puoi fare a meno di conoscere, tutte le curiosità su questa razza di gatto.

Ragdoll
(Foto Pinterest)

I gatti Ragdoll sono conosciuti come “gatti somiglianti a cani” a causa del loro comportamento docile e tranquillo.

La razza è stata selezionata per molti anni ricercando i tratti desiderabili, quali grandi dimensioni, comportamento docile, la tendenza ad abbandonarsi quando presi in braccio e la suggestiva colorazione.

Il Ragdoll è particolarmente popolare nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Questa e tante altre le curiosità sul Ragdoll che fino ad oggi sono emerse, ad esempio:

  • ci sono stati esemplari maschi che sono arrivati a pesare anche 10kg;
  • nascono bianchi per poi colorarsi definitivamente intorno ai 3 anni;
  • L’estrema docilità di alcuni individui ha portato al mito che i Ragdoll siano resistenti al dolore;
  • ha una durata di vita media di circa dai 12 ai 15 anni;
  • il suo costo varia tra gli 800 e i 900 euro, tutto varia dal tipo di mantello e da altre caratteristiche del caso;
  • il Ragdoll presenta 6 tipologie di colore del pelo: foca, rosso, cioccolato, lilla, crema e blu;
  • è in grado di interagire in maniera intuitiva con gli stimoli del proprio padrone e dei membri della famiglia.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Birmano e Ragdoll: come distinguerli e quale razza scegliere

Ragdoll famosi

Le origini del Ragdoll risalgono al 1963 e fu creato in California dall’allevatrice Ann Baker, si tratta quindi di una razza molto recente.

Solo nel 1993 la razza fu riconosciuta dal Cat Fanciers Associatione e nel 2000 vinse una CFA Championship. Fu da allora che la razza Ragdoll fu riconosciuta da tutte le maggiori associazioni Nord Americane.

Nomi per il tuo Ragdoll

È arrivato un nuovo gattino e devi dargli il nome ma quale sceglierai? Farai la scelta giusta?

ragdoll
(Foto AdobeStock)

Ti sembra facile assegnare il nome al gatto? Sicuramente non vorrai dargli un nome comune o un nome troppo scontato, facendo attenzione a non dare all’animale un nome che potrebbe confonderlo e perciò né troppo lungo o né troppo corto.

Provaci pure, ma se non ci riesci, scopri quali i suggerimenti degli esperti per dare il nome al tuo Ragdoll.

Di seguito un elenco di nomi da cui trarre ispirazione, se non sei riuscito a trovare quello giusto.

Nomi per Ragdoll femmine:

  • Asia
  • Babi
  • Baby
  • Betty
  • Blackie
  • Brina
  • Candy
  • Cat
  • Chanel
  • Cleo
  • Cloe
  • Dolly
  • Dora
  • Elsa
  • Emma
  • Flo
  • Fluffy
  • Foxy
  • Furry
  • Hippie
  • Holly
  • Honda
  • Iris
  • Jess
  • Kala
  • Kitty
  • Lala
  • Lila
  • Lin
  • Luce
  • Mali
  • Maya
  • Mel
  • Mela
  • Mia
  • Minù
  • Ollie
  • Pipa
  • Roar
  • Rori
  • Siri
  • Sissi
  • Sky
  • Sol
  • Stef
  • Tabi
  • Tea
  • Vega
  • Winx
  • Xebi

Potrebbe interessarti anche:

Nomi Ragdoll maschi:

  • Axel
  • Baffo
  • Birba
  • Bisou
  • Boris
  • Boss
  • Bowie
  • Boy
  • Brio
  • Bunny
  • Cacao
  • Didi
  • Duke
  • Flynn
  • Flint
  • Fufi
  • Fur
  • Gin
  • Iago
  • John
  • Led
  • Nemo
  • Nico
  • Omar
  • Otto
  • Ozzy
  • Paco
  • Rum
  • Runi
  • Ryan
  • Sam
  • Simba
  • Sirius
  • Slash
  • Soft
  • Tank
  • Taxi
  • Tex
  • Thor

Questi i suggerimenti dei nomi per il nome del tuo Ragdoll, a voi la scelta!

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea