Home Curiosita Gatto in condominio: è sempre possibile? Cosa dice la legge

Gatto in condominio: è sempre possibile? Cosa dice la legge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42
CONDIVIDI

Gli animali domestici sono spesso oggetto di discussione tra vicini di casa. E’ sempre possibile avere un gatto in condominio? Scopriamo cosa dice la legge.

Gatto in condominio (Foto Adobe Stock)
Gatto in condominio (Foto Adobe Stock)

I gatti sono animali adorabili ammantati di eleganza e mistero, e hanno tanto amore da darci. Insomma, dei compagni fedeli. Purtroppo però non tutti la pensano allo stesso modo, e a volte possiamo ritrovarci ad avere dei contrasti con i nostro vicini. Ebbene, in un condominio possono vietarvi di tenere con voi un gatto? Le situazioni che possono venire a crearsi sono diverse ed è necessario fare un distinguo.

Potrebbe interessarti anche: I benefici di avere un gatto in casa: ottimi motivi per adottare un felino

Gatto in appartamento: possono vietarlo?

Gatto (Foto Pixabay)
Gatto (Foto Pixabay)

Qualcuno può vietarvi di tenere il vostro amato gatto nell’appartamento? La risposta non è univoca e varia a seconda delle ipotesi. L’art. 1138 c.c., modificato nel 2012, stabilisce che il regolamento condominiale non può vietare il possesso di animali domestici, dunque gatti compresi (ricordiamo che il regolamento è obbligatorio nei condomini con più di 10 condomini).

Ma, come chiarito anche dallo stesso Senato, eccezion fatta l’ipotesi in cui il regolamento condominiale sia approvato all’unanimità. Se tutti i condomini sono d’accordo nel vietarsi reciprocamente la detenzione di animali domestici, allora il regolamento è legittimo.

Negli spazi comuni

Gatto (Foto Pixabay)
Gatto (Foto Pixabay)

Nulla dice la legge invece riguardo la presenza degli animali domestici negli spazi comuni. In assenza di leggi specifiche sull’argomento è meglio tenere comportamenti desumibili da altre norme di legge. Quindi è sufficiente assicurarsi che i nostri gatti non disturbino gli altri condomini e non rechino danno alle parti in comune (scale, giardino, garage ect).

Sarebbe anche buona norma non lasciare che il gatto non esca da solo al di fuori del vostro appartamento. Come sempre però, in assenza di normative specifiche, ci si può affidare al buon senso. Se questa abitudine del gatto non da disturbo ai vostri condomini non ci dovrebbe essere problemi.

E se siete in affitto?

Gatto in condominio (Foto Pixabay)
Gatto in condominio (Foto Pixabay)

E’ bene specificare che il divieto posto dall’art. 1138 c.c. si riferisce solo al regolamento assembleare, e non a quelli contrattuali stipulabili dai condomini. A maggior ragione il divieto può essere previsto anche in un contratto di locazione. Detto in altre parole il contratto di locazione di un appartamento può contenere anche il divieto di tenere con sé animali domestici, gatto compreso quindi.

Potrebbe interessarti anche: Trasloco con il gatto: le regole d’oro per un cambio casa senza stress

I gatti randagi

Gatto randagio (Foto Pixabay)
Gatto randagio (Foto Pixabay)

Quando parliamo di colonie feline nella maggior parte dei casi ci riferiamo a gatti randagi. La legge definisce il gatto come animale libero, e ne vieta il maltrattamento. Come sappiamo, questi animali liberi ed indipendenti hanno un punto di ritrovo, in cui persone di buon cuore se ne prendono cura portando loro cibo e acqua e controllando che non abbiano problemi di salute.

Quante volte abbiamo visto che i gatti hanno scelto proprio le aree in comune di un condominio, magari un giardino, come punto di ritrovo? Ma per legge, il condominio può vietare di dar da mangiare ai gatti randagi che formano le colonie feline? La risposta è no. Quindi potete tranquillamente dar da mangiare ai gatti randagi della zona, a patto di pulire e lasciare tutto come era prima.

Le eccezioni

Gatto in condominio (Foto Pixabay)
Gatto in condominio (Foto Pixabay)

Ci sono delle ragioni per cui il condominio può vietare la presenza di gatti randagi nelle parti comuni? La risposta è sì, ma solo per comprovati motivi di igiene. Come ad esempio le malattie trasmissibili dai gatti randagi. Altri problemi possono essere  causati dal cibo non consumato dai gatti, che spesso attirano altri animali. Ma se pulito adeguatamente, non dovrebbero sorgere inconvenienti.

Antonio Scaramozza