Home Curiosita Matriarcato nel regno animale: le specie dove domina la femmina

Matriarcato nel regno animale: le specie dove domina la femmina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:37
CONDIVIDI

Sapevi che il matriarcato esiste anche nel regno animale? Tra api, orche ed elefanti, scopriamo le specie in cui è la femmina a dominare.

Matriarcato nel regno animale
Matriarcato nel regno animale (Foto Adobe Stock)

L’esempio più lampante di matriarcato nel regno animale è senza dubbio quello rappresentato dalla struttura sociale delle api. Non si tratta, però, dell’unica specie in cui la leadership è detenuta dalle femmine. Vediamo quali altri animali adottano questa forma di organizzazione sociale.

Potrebbe interessarti anche: Il Bombo: caratteristiche dell’insetto impollinatore

Cos’è il matriarcato nel regno animale

lemure
Il matriarcato nel regno animale è una struttura sociale in cui è la femmina a comandare (Foto Pixabay)

Il matriarcato è un particolare tipo di struttura sociale che non esiste solo tra gli esseri umani, ma anche nel regno animale. Cosa implica? Questo sistema, molto comune anche tra i primati, come il bonobo, pone l’esemplare femmina in qualità di leader del gruppo.

All’interno dell’organizzazione matriarcale, la femmina prende decisioni relative a difesa, cibo, migrazione e ogni altro aspetto che possa interessare la vita del branco di cui è a capo.

Esempi di matriarcato nel regno animale

ape fiore
Le api sono il più comune esempio di matriarcato nel regno animale; tuttavia, questa struttura sociale è adottata anche da altri animali (Foto Pixabay)

Oltre alle strutture sociali in cui è il maschio a comandare, esistono numerose specie dove a capo del branco si pone la femmina. Quali sono gli esempi di matriarcato nel regno animale?

Oltre alle api, la leadership femminile è esercitata anche tra numerosi altri animali. Ad esempio, tra elefanti, orche, lemuri e bonobo. Scopriamo nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere sull’organizzazione sociale di questi animali.

La struttura sociale delle api

api
Le api femmine svolgono gran parte del lavoro di sostentamento dell’alveare; i maschi, invece, hanno mera funzione riproduttiva (Foto Pixabay)

L’esempio più comune di matriarcato nel regno animale è rappresentato dalla società delle api. A capo dell’alveare, si pone l’ape regina, che è la madre di tutti gli altri esemplari. Senza di lei, la colonia non potrebbe esistere. Infatti, è l’unico insetto che può riprodursi e deporre le uova.

L’alveare è composto per la maggior parte da esemplari femmine. Le api rientrano tra gli animali più laboriosi in natura. Esse, infatti, si occupano di lavorare, curare le larve e raccogliere il polline. I maschi, invece, hanno una funzione esclusivamente riproduttiva.

Potrebbe interessarti anche: Alla scoperta del tamarino imperatore: il primate dai lunghi baffi

La leadership delle femmine tra i primati

bonobo
Le femmine bonobo sottomettono i maschi grazie a strategie di unione e cooperazione (Foto Pixabay)

Nel regno animale, non mancano esempi di matriarcato tra i primati. Tra le specie in cui sono le femmine a detenere la leadership ci sono i bonobo, anche noti come scimpanzé nani.

A partire dagli anni Settanta, il primatologo Takayoshi Kano si accorse che nei gruppi di questi animali i maschi non esercitavano violenza sulle femmine. Infatti, la loro struttura sociale, anziché essere basata sulla legge del più forte, si fonda sulla cooperazione.

Le femmine bonobo, in particolare, possiedono grandi abilità di collaborazione, che usano per sottomettere i maschi. Tra le altre specie di primati in cui la leadership è femminile ci sono i lemuri.

Questi animali, originari dell’isola del Madagascar, vivono in branchi formati da un minimo di 15 individui, a capo dei quali si trovano le femmine. Le loro relazioni con gli esemplari maschi sono basate sulla violenza.

Elefanti e matriarcato

Matriarcato nel regno animale
Per gli elefanti, la memoria e l’esperienza prevalgono sulla forza fisica (Foto Pixabay)

L’elefante è il più grande mammifero del regno animale la cui struttura sociale è organizzata nel matriarcato. Una mandria di questi animali è composta da diverse famiglie ed è comandata dalla femmina.

Una volta raggiunta l’età adulta, gli esemplari maschi lasciano il gruppo per vivere da soli o insieme ad un altro elefante dello stesso sesso. Si ricongiungeranno alla propria mandria solo in occasione della stagione riproduttiva.

Per gli elefanti, la memoria e l’esperienza di ogni membro del gruppo contano più della sua forza. Le femmine sono più adatte a detenere il comando perché sanno individuare pericoli e predatori, oltre che scovare la presenza di acqua nelle estati più calde e interagire con gli esseri umani.

L’organizzazione sociale delle orche

orca
Le orche vivono in gruppi numerosi, capeggiati dalla femmina più anziana (Foto Pixabay)

Anche la struttura sociale delle orche è un esempio di matriarcato nel regno animale. I gruppi composti da questi grandi mammiferi marini possono essere guidati da un singolo esemplare, solitamente la femmina più anziana, o da più orche, che dividono tra loro gli incarichi.

I piccoli dell’orca trascorrono la loro intera esistenza insieme alla propria madre, anche da adulti. Per questo, i branchi sono composti da più generazioni.

Laura Bellucci