Home Curiosita Curiosità sui lemuri e altri fatti veramente incredibili su questo animale

Curiosità sui lemuri e altri fatti veramente incredibili su questo animale

Dal canto sincronizzato alle “lotte puzzolenti”, questi particolari primati sono pieni di sorprese. Scopriamo qualche curiosità sui lemuri.

curiosità sui lemuri lemure
Curiosità sui lemuri, questi assurdi primati (Foto Pinterest)

I lemuri sono facili da amare: sono carini, carismatici e stranamente umani, il che non è solo una coincidenza. I lemuri sono infatti primati come noi, e sebbene non siano così strettamente legati alle persone come lo scimpanzé e le altre scimmie, sembrano comunque familiari. Tuttavia, nonostante la diffusa popolarità dei lemuri, sono i gruppi di mammiferi più minacciati dalla Terra, tanto che circa il 94% di tutte le specie di lemure è minacciato. I lemuri affrontano una serie di pericoli in tutto il Madagascar, l’unico posto dove esistono in natura. 

Curiosità sui lemuri

lemure indri
Il lemure indri (Foto Pinterest)

Alla luce del precario futuro dei lemuri, vediamo una lista di curiosità sui lemuri, uno sguardo più da vicino a questi fantastici animali e agli habitat su cui poggia la loro sopravvivenza:

I lemuri moderni vanno da 6 a 75 cm di altezza

Il lemure vivente più piccolo è il microcebo pigmeo, che è meno di 6 centimetri dalla testa ai piedi, sebbene la sua coda aggiunga altri 12 cm. Il lemure vivente più grande è l’indri, che può arrivare fino a 75 centimetri in età adulta.

Un lemure che sembrava Alf si estinse circa 500 anni fa

Quasi come promemoria di ciò che è in gioco per i lemuri moderni, alcuni dei membri più insoliti del gruppo si sono già estinti negli ultimi secoli. Almeno 17 specie di lemure giganti si sono estinte da quando gli umani hanno raggiunto il Madagascar, con un peso compreso tra i 10 e i 160 chilogrammi.

Un esempio notevole è il Megaladapis edwardsi, un lemure gigante che pesava fino a 90 kg, e dalle dimensioni di un umano adulto piuttosto basso. Una delle sue caratteristiche più distintive era il suo muso robusto, che sosteneva un naso ampio e carnoso. Ciò potrebbe aver creato un aspetto simile ad Alf, l’alieno dei telefilm americani di qualche decennio fa. Prove fossili suggeriscono che questo lemure era ancora in circolazione quando gli europei raggiunsero il Madagascar nel 1504, e assomiglia alla leggenda malgascia del tretretretre, descritta nel 1661 dall’esploratore francese Etienne Flacourt.

La società dei lemuri è gestita dalle femmine

lemure indri
Il lemure indri (Foto Pinterest)

Il dominio femminile sui maschi è raro tra i mammiferi, compresi i primati. Ma è la norma per i lemuri, hanno osservato i ricercatori in uno studio del 2008, cosa che si verifica in tutte le famiglie lemuri, indipendentemente dal sistema di accoppiamento.

Non è raro che le lemure mordano i loro compagni, strappino un pezzo di frutta dalle loro mani, li colpiscano alla testa o li spingano fuori dai posti migliori per dormire. Le femmine contrassegnano i loro territori con odori distintivi tanto spesso quanto i maschi. I maschi spesso non prendono la loro parte di un pasto fino a quando le femmine non si sono riempite a sazietà.

Più intelligente è un lemure, più è popolare

Non solo è noto da anni che i primati possono apprendere più rapidamente nuove competenze studiando i loro coetanei, ma uno studio del 2018 rivela che tra i lemuri succede anche qualcosa di ancora più interessante: più un lemure esegue una nuova abilità, più popolare diventa tra gli altri lemuri.

Lo studio ha coinvolto 20 lemuri che hanno dovuto cercare di recuperare un acino di uva da una scatola di plexiglass, aprendo un cassetto. Se un lemure ha avuto successo nell’ottenere l’uva, ha ricevuto più attenzione dagli altri lemuri. In pratica, i lemuri che venivano spesso osservati dagli altri mentre risolvevano il loro compito, ricevevano anche comportamenti affiliativi più forti rispetto a prima che avessero imparato. Il comportamento affiliativo è il modo in cui i primati mostrano affetto gli uni verso gli altri, come pulire, toccare e sedersi vicini agli altri.

La particolarità di questa curiosità sui lemuri, è che quelli osservati di frequente ricevessero più comportamenti affiliativi, come la cura della propria igiene, senza modificare il proprio comportamento sociale. Nella maggior parte delle specie di primati, la toelettatura tende ad essere reciproca; si basa sulla reciprocità tra il toelettatore e l’individuo che viene curato. Quindi è davvero sorprendente notare che i lemuri osservati frequentemente ricevessero un sacco di toelettatura senza dover necessariamente pulire gli altri.

I lemuri indri cantano insieme in gruppi, ma non del tutto

indri lemure madagascar
Indri (Foto Flickr)

Non molti primati cantano, a parte gli umani, e gli indri sono gli unici lemuri conosciuti a farlo. Vivendo in piccoli gruppi tra le foreste pluviali orientali del Madagascar, intonano canzoni che svolgono un ruolo chiave nella formazione del gruppo e nella difesa. Sia i maschi che le femmine cantano, e la ricerca ha dimostrato che i membri del gruppo coordinano attentamente il loro coro, copiando i ritmi reciproci e sincronizzando le note.

Secondo uno studio del 2016, alcuni indri più giovani di rango inferiore mostrano una forte preferenza per cantare fuori sincrono rispetto al resto del loro gruppo. Questo potrebbe essere adattivo, suggeriscono gli autori dello studio, lasciando che gli indri meno prestigiosi possano attirare più attenzione sui loro talenti individuali.

Il canto sincronizzato, anche tra gli umani, non consente a un cantante di pubblicizzare la propria individualità, quindi ha senso che i giovani indri di basso rango cantino in antifonia (il cantare “fuori dal coro”). Ciò consente loro di pubblicizzare la loro capacità di combattimento a membri di altri gruppi e di segnalare la loro individualità a potenziali partner sessuali.

I lemuri dalla coda ad anelli risolvono le controversie con “combattimenti puzzolenti”

lemure dalla coda ad anelli
Il lemure dalla coda ad anelli (Foto Pixabay)

Una curiosità sui lemuri poco gradevole. I lemuri dalla coda ad anelli devono competere l’uno con l’altro per risorse limitate come cibo, territorio e compagni, e la competizione diventa particolarmente feroce tra i maschi durante la stagione riproduttiva. A volte porta a risse fisiche, ma quelle sono veramente pericolose per gli animali con artigli e denti così affilati. E, fortunatamente per i lemuri dalla coda ad anelli, questi animali hanno sviluppato un modo più sicuro per risolvere le loro controversie: dei “combattimenti puzzolenti”.

I lemuri dalla coda ad anello hanno ghiandole odorifere nei polsi e nelle spalle e, usando le loro lunghe code, diffondono questi odori nell’aria per intimidire gli altri. I loro polsi producono un odore volatile e di breve durata, ma le spalle offrono una sostanza marrone simile al dentifricio con un odore più duraturo. Quando inizia un combattimento puzzolente, due maschi rivali passano la coda attraverso queste ghiandole in modo che la pelliccia assorba l’odore, e possono anche mescolare gli odori, per creare qualcosa di più persistente e ricco. Quindi agitano le code l’uno verso l’altro, lanciando dei pessimi odori invece di pugni.

I combattimenti puzzolenti si svolgono in qualsiasi momento dell’anno, non solo nella stagione riproduttiva, e non sono necessariamente limitati ai lemuri. Il senso dell’olfatto degli umani non è abbastanza forte da rilevare questi odori, ma i lemuri dalla coda ad anelli non lo sanno, quindi a volte cercano di combattere a suon di puzza anche i guardiani dello zoo o altre persone che li irritano

Non sorprende che anche l’odore abbia un ruolo speciale durante la stagione riproduttiva, quando i maschi praticano il “corteggiamento puzzolente”. Il meccanismo è lo stesso – la coda intrisa di odori – ma l’intruglio usato è specifico. Sembra che usino un trio di sostanze chimiche che emanano un profumo fruttato e floreale e sono allettanti per le femmine, ma solo durante la stagione degli amori.

La parola “lemure” significa latino “spirito malvagio dei morti”

“Lemur” fu coniato nel 1795 da Carl Linnaeus, il fondatore della tassonomia moderna, che lo prese dal latino. I lemuri erano “spiriti malvagi dei morti” nella mitologia romana, e anche se l’origine è poco chiara prima di quel momento, potrebbe risalire a un’antica parola non indoeuropea per – appunto – gli spiriti malvagi.

Il riferimento non è difficile da capire: i lemuri hanno corpi stranamente umanoidi, si muovono con grazia spettrale e tendono ad essere attivi di notte. Tuttavia, la parte “malvagia” è un po’ ingiusta. Linnaeus potrebbe non averlo inteso letteralmente, ma alcuni lemuri – vale a dire gli aye-aye, in via di estinzione – sono ancora perseguitati dalle persone che lo fanno.

Per alcune persone, il lemure aye-aye è un mostro

Aye-aye pinterest
Aye-aye (Foto Pinterest)

Procediamo con le nostre curiosità sui lemuri con un simpatico ma poco attraente esponente di questa specie. Gli aye-aye ispirano una profonda superstizione in alcune parti del Madagascar, in gran parte a causa del loro aspetto spettrale – non solo la faccia da strano folletto, ma anche le loro dita esili. Gli aye-aye hanno le mani lunghe e sottili in generale, ma il terzo dito su ogni mano è ancora più sottile di tutte le altre, e un giunto a sfera gli consente di ruotarlo di 360 gradi.

Questo dito si è evoluto per percuotere gli alberi in cerca di prede, una tecnica di caccia in cui questi lemuri battono sulla corteccia degli alberi, ascoltando il suono delle cavità in cui gli insetti potrebbero nascondersi. Quando ne trovano uno, fanno un buco nel legno con i loro denti aguzzi, quindi usano le dita lunghe per raggiungere l’interno.

Sfortunatamente, alcuni miti in Madagascar descrivono l’aye-aye come un mostro. Uno suggerisce che maledica le persone indicandole con il lungo dito, un altro sostiene che gli aye-aye si intrufolano nelle case di notte, usando quello stesso dito per perforare i cuori umani.

Gli aye-aye a volte vengono uccisi dalle persone che credono che siano pericolosi, anche se la paura può anche proteggerli, costringendo le persone a stare alla larga da loro. In ogni caso, la superstizione non è il loro unico problema: gli aye-aye sono anche minacciati da persone che li cacciano come carne di animali selvatici, o alterano i loro habitat per altri scopi come l’agricoltura.

I lemuri sono gli unici primati non umani con gli occhi blu

Gli occhi blu sono relativamente rari tra i mammiferi, in particolare tra i primati. Finora gli scienziati hanno documentato più di 600 specie di primati, ma solo due sono noti per sfoggiare il blu nell’iride: gli umani, e il lemure dagli occhi azzurri, detto anche lemure di Sclater. Anche questa curiosità sui lemuri li rende davvero unici.

Il lemure di Sclater non è stato identificato come specie fino al 2008, ma secondo un recente studio, potrebbe estinguersi in circa un decennio a causa della grave distruzione dell’habitat, anche a causa degli incendi per incentivare l’agricoltura. Questa specie ha un numero molto limitato di membri sulla penisola di Sahamalaza, nonché in una stretta striscia di foresta sulla terraferma adiacente, dove la deforestazione ha lasciato la sua popolazione altamente frammentata. 

I lemuri sono sorprendentemente intelligenti

Lemure topo curiosità sui lemuri
Lemure topo (Foto di pubblico dominio)

I lemuri si sono evoluti da altri primati circa 60 milioni di anni fa, e fino a poco tempo fa molti scienziati non pensavano che fossero nemmeno vicini alle capacità cognitive già studiate a fondo delle altre scimmie. Eppure la ricerca ha iniziato a rivelare un’intelligenza sorprendente nei lemuri, costringendoci a riconsiderare il modo in cui pensano questi nostri lontani parenti.

Usando il naso per toccare un touchscreen, ad esempio, i lemuri hanno dimostrato di poter memorizzare elenchi di immagini, digitarli nella sequenza corretta, identificare quali sono più grandi e persino comprendere la matematica di base. Alcune specie hanno anche modi complessi di comunicare, da ringhi e miagolii sottili, a ululati e all’abbaiare, per non parlare di segnali impercettibili, come espressioni facciali e odori.

I lemuri nei gruppi sociali più grandi si comportano meglio nei test di cognizione sociale, secondo uno studio del 2013, che ha scoperto che la dimensione del gruppo prevede i loro punteggi, anche più della dimensione del loro cervello. Altre ricerche hanno mostrato personalità distinte nei lemuri Microcebus, che variano da timido a audace, fino a veramente maligni. E data la quantità di conoscenza che i lemuri selvatici devono tenere a mente – come dove e quando cercare vari tipi di frutti, o come scalare i gradini della società dei lemuri – probabilmente abbiamo appena solo scalfito la superficie.

I lemuri sono importanti impollinatori

Quando la maggior parte delle persone pensa agli impollinatori, vengono in mente piccoli animali come api, farfalle o colibrì. Ma un’ampia varietà di creature gioca un ruolo importante nell’impollinazione delle piante, compresi i lemuri Varecia, considerati i più grandi impollinatori della Terra. Un’altra assurda curiosità sui lemuri, no?

I lemuri Varecia sono di due specie: il vari rosso e il vari bianconero (o lemure variegato), che abitano entrambi le foreste pluviali tropicali del Madagascar, e sono ottimi intenditori dei suoi frutti autoctoni. La palma del viaggiatore, ad esempio, si affida principalmente ai lemuri vari bianconeri per impollinare i suoi fiori. Entrambe le specie Varecia si ritrovano il polline su tutto il naso mentre mangiano frutta e nettare, e quindi diffondono il polline ad altre piante mentre foraggiano. A causa delle loro strette relazioni con gli alberi autoctoni i Varecia sono visti dagli scienziati come indicatori chiave della salute delle foreste.

I lemuri stanno scomparendo

Lemure curiosità sui lemuri
Lemure (Foto Pixabay)

Almeno 106 specie di lemure sono note alla scienza e quasi tutte affrontano un rischio realistico di estinzione entro la metà del secolo: il loro ambiente si sta sgretolando intorno a loro. Probabilmente entro i prossimi 25 anni, se la velocità della deforestazione sarà sempre la stessa, non resterà alcuna foresta, e di conseguenza non resterà alcun lemure su quest’isola.

I problemi dei lemuri si riducono in gran parte alla povertà umana. Più del 90% delle persone in Madagascar vive con meno di $2 al giorno, e almeno il 33% soffre di malnutrizione. Ciò spinge molte persone a cercare di recuperare ricchezza dalle risorse naturali già striminzite dell’isola, spesso con un tipo di agricoltura basata sugli incendi, “tavi”, che dà fuoco alle foreste per fare spazio alle colture o caccia i lemuri per il cibo.

Inoltre, i lemuri affrontano anche la crescente pressione dei cambiamenti climatici. Delle 57 specie esaminate in uno studio, per più della metà è probabile che gli habitat adatti a loro si ridurranno del 60% entro i prossimi 70 anni – e questo è solo calcolato sulla base degli effetti dei cambiamenti climatici, escludendo altri fattori. Inoltre, senza corridoi di fauna selvatica per collegare le foreste frammentate, i lemuri raramente hanno la possibilità di spostarsi in un posto nuovo.

Visto che siamo arrivati alla fine della nostra lista di curiosità sui lemuri, pensiamoci. Un modo per aiutare i lemuri, quindi, è fare qualcosa che sia anche nel miglior interesse della nostra stessa specie: utilizzare meno combustibili fossili. Un altro è combattere la povertà – senza razziare ciò che resta delle foreste malgasce. Questo è già stato fatto in altre parti del mondo con l’ecoturismo, che ha dimostrato a molte comunità che la fauna selvatica ha più valore della vita che della morte. La ricerca suggerisce che i lemuri non hanno beneficiato molto del turismo finora, ma ci sono suggerimenti di speranza.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello