Home Curiosita Pelo infeltrito del gatto: come si forma e come curarlo nel modo...

Pelo infeltrito del gatto: come si forma e come curarlo nel modo migliore

Brutto a vedersi e difficile da districare: che cos’è il pelo infeltrito del gatto, quando può accadere e come farlo ritornare liscio e sano.

Pelo infeltrito del gatto
(Foto Pixabay)

Avete presente il feltro, quella stoffa dura e aggrovigliata che spesso è il risultato della lana dopo un lavaggio sbagliato? Questo è quello che potrebbe succedere anche al manto del nostro gatto se non ne abbiamo cura. Ma quando si verifica e, soprattutto, come si ‘risolve’ il pelo infeltrito del gatto? Per fortuna basterà avere qualche attenzione in più e ritornerà morbido e setoso come sempre.

Pelo infeltrito del gatto: quando può succedere

Avete presente il micio, uno degli animali che cura la sua igiene più di tutti gli altri al mondo? Ebbene a volte neppure lui riesce a tenere il suo manto pulito e in ordine. Sarà perché con la sua lingua ‘a uso spazzola’ non riesce sempre a toccare tutta la superficie del suo corpo, oppure perché anziano o con problemi di salute tali da non consentirgli di farlo in maniera costante e continua.

Feltro
(Foto Pixabay)

Quindi si può formare il pelo infeltrito, ovvero ammassato, che diventa una trappola perfetta per polvere, sporcizia e altri elementi esterni che vanno a indurire e danneggiare il suo manto una volta candido e setoso.

Ma quando può succedere? Ovviamente sempre se non ne abbiamo abbastanza cura, ma soprattutto in primavera e in autunno, ovvero durante il periodo di muta del pelo.

Potrebbe interessarti anche: Stripping del pelo del gatto: che cos’è, come funziona e a cosa serve

Le cause del pelo infeltrito nel gatto

Oltre all’assenza di cure da parte del micio e del suo stesso padrone, cos’altro può causare il pelo infeltrito nel felino domestico? La causa potrebbe anche essere da ricercarsi in un attacco di funghi.

Gatto infeltrito
(Foto Pixabay)

Essi infatti possono attaccare la pelle ed essere causa di malattie infettive cutanee, di infezioni di tipo batterico e parassitario. Solo il veterinario può capire la natura del pelo infeltrito del gatto e può aiutarci a capire se è il caso di intervenire con prodotti specializzati per questo tipo di problema.

Potrebbe interessarti anche: Le funzioni del pelo del gatto: a cosa serve il manto del felino

Come si cura il pelo infeltrito del gatto

Prevenire è meglio che curare, anche in questo caso! Infatti se spazzoliamo regolarmente il manto del nostro felino domestico eviteremo a priori la formazione di nodi. Oltre ad essere un momento rilassante e di grande intimità col padrone, passare la spazzola sul pelo lungo del micio aiuterà ad eliminare lo strato di peli morti e favorirà la crescita di quello sottostante.

Pelo infeltrito del gatto
(Foto AdobeStock)

In realtà se non ci abbiamo pensato prima, ora è troppo tardi sciogliere i nodi con la spazzola: potrebbe essere doloroso per lui e convincerlo a non farselo fare più per non soffrire. Allora cosa fare? Se con le mani non riusciamo a districarli, possiamo provare con vari rimedi che fungono da ‘balsamo’:

  • amido di mais,
  • borotalco,
  • olio delicato (magari quello che usiamo per i bambini).

Dopo averlo cosparso di uno (o più) di questi prodotti, passiamoci su un pettine a rastrello. Se la situazione appare disperata, portiamolo da un toelettatore esperto: sarà lui a valutare se è il caso di provare a districare i nodi oppure di tosarlo.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino