Home Curiosita Perché il gatto smette di essere indipendente: cosa occorre sapere

Perché il gatto smette di essere indipendente: cosa occorre sapere

Perché il gatto smette di essere indipendente? Siamo sicuri che il peloso domestico riesca a vivere in modo del tutto autonomo? Scopriamo, insieme, questa curiosità.

Perché il gatto smette di essere indipendente
Micio vuole il padrone (Foto Unsplash)

Quando si parla della specie felina si pensa subito a parole come autonomia e indipendenza. Ma cosa significano, di preciso, queste espressioni associate all’animale da compagnia? Siamo sicuri di attribuire il giusto significato alla natura più profonda del micio? Indaghiamo su queste importanti domande e vediamo perché il gatto smette di essere indipendente.

Perché il gatto smette di essere indipendente?

Essere indipendente per il felino non vuol dire non essere legato affettivamente al proprio padrone e non dipendere da lui per alcune esigenze. Approfondiamo l’argomento qui di seguito.

L'indipendenza del felino
Peloso guarda il suo umano (Foto Pixabay)

Il felino è un animale che viene spesso osannato per alcune delle sue caratteristiche naturali, quali autocontrollo, rispetto per gli altri e indipendenza. Ma è proprio su quest’ultima parola che si diffonde un concetto sbagliato.

Un gatto si è adattato alla vita domestica insieme all’umano e, anche se ci vuole un po’ di tempo, si abitua bene alla sua presenza. Questo non esclude che micio possa affezionarsi a lui.

Nascendo come un predatore, il felino ha un’indole libera e selvatica e può abituarsi a trascorrere molto del suo tempo lontano dal luogo in cui vive e da chi si prende cura di lui.

Ciononostante, non è un animale totalmente indipendente, poiché sin da subito impara a conoscere il suo proprietario e a mettere le basi di un sincero rapporto di fiducia e amicizia.

Anche se conserva questa sua caratteristica naturale, ovvero il saper sopravvivere da solo e in contesti rischiosi, senza l’aiuto di una persona, il micio ha delle emozioni e prova sentimenti per gli esseri umani.

Troppo spesso i proprietari di un peloso hanno questo pregiudizio nei suoi confronti e si aspettano di ricevere determinate reazioni e atteggiamenti da parte sua.

Ma così non è sempre. Se ci si chiede perché il gatto smette di essere indipendente si sta sbagliando. Leggiamo ancora qui.

Scelte autonome ma sempre con il padrone

Il gatto sarà sempre in grado di fare scelte in autonomia, di preferire qualcosa rispetto ad altro senza lasciarsi condizionare dall’amico umano, continuando poi a cercare la sicurezza nella figura di riferimento.

Come animale dotato di intelligenza e grande curiosità, che usa i sensi per riconoscere le cose e le persone, il micio non ha timore di mostrarsi vulnerabile e di chiedere aiuto all’umano se serve.

Va chiarito che l’indipendenza nel peloso non deve portarlo al di fuori da un rapporto o un legame stretto con il proprietario che se ne prende cura.

Non parliamo di animali freddi ed egoisti, tutt’altro! Un micio avrà sempre bisogno del sostegno e delle attenzioni giuste del suo padrone, poiché è consapevole di dipendere anche da lui.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto corre quando vede il padrone: cosa è importante sapere

Il felino e la sua autonomia: come agire

Perfettamente a suo agio nel giusto ambiente domestico, il gatto sa adeguarsi a qualsiasi contesto, ma per lui è essenziale trovare un punto fermo nel suo padrone, senza sentirsi trascurato. Continuiamo a leggere l’articolo.

Il gatto e la sua indipendenza
Esemplare fuori con la famiglia (Foto Pexels)

Ogni gatto, indipendentemente dalla razza di appartenenza, ha la straordinaria capacità di sapersi adeguare a qualsiasi situazione. Qualità non trascurabile, perché lo rende un ottimo compagno di vita.

Detto questo, bisogna tenere conto che ha infinite possibilità di allontanarsi dal contesto familiare per vivere le sue esperienze, esplorazioni e conoscenze della realtà, per poi tornare a desiderare le coccole del suo padroncino.

Inoltre, un micio si può comportare in base al contesto in cui si trova, esternando reazioni di fronte alla specifica persona con cui si sta rapportando.

Bisogna fare in modo che il peloso si senta a suo agio nel proprio ambiente, che abbia tutto ciò che gli occorre e che lo fa vivere nel benessere, senza soffrire troppo la noia domestica.

Si tratta di un animale che ha un continuo bisogno di ricevere stimoli e che deve dedicarsi ad attività ludiche e creative, per potersi anche divertire da solo e non temere nulla.

Non deve sembrare strano che il gatto cerchi di più la nostra presenza, poiché anche lui necessita di affetto e calore umano.