Home Foto L’abbandono: ecco cosa significa per i nostri compagni a 4zampe

L’abbandono: ecco cosa significa per i nostri compagni a 4zampe

CONDIVIDI

Il periodo estivo si sta avvicinando e con esso la stagione più critica per quanto riguarda gli abbandoni, legati alle vacanze. Ogni anno ci sono diverse ondate: quelle degli abbandoni delle cucciolate che si verificano spesso nelle aree periferiche e di campagna e quelle in concomitanza con le ferie estive, stagione in cui aumenta in modo esponenziale il numero dei cani vaganti per le strade e che approdano nei canili.

Nell’arco dell’anno, migliaia di animali vengono lasciati dai padroni che tirano in ballo le più svariate scuse per giustificare il loro gesto. Quello che non viene mai abbastanza mostrato sono i pericoli ai quali sono esposti nostri compagni a 4zampe quando vengono abbandonati per strada oppure la loro reazione drammatica all’allontanamento dagli affetti.

Reazioni strazianti documentate da diversi fatti di cronaca diffusi in rete o negli appelli dei volontari. Storie di esseri viventi scartati come oggetti, lasciati bordo strada, con i mobili gettati via dopo un trasloco. Compagni trascinati a forza in un canile da chi dopo aver passato diversi anni circondato dal loro affetto, diventa ad un tratto indifferente all’idea di condannarli in alcuni casi ad una morte certa, come raccontato in una lettera davvero commuovente “Forse sarei ancora a casa se non avessi mordicchiato la tua scarpa“.

Il trauma della separazione provoca spesso dei danni psicologici a volte difficili da superare per i nostri compagni a 4zampe che non si dimenticheranno mai del loro padrone e si sentiranno smarriti senza di lui. Proprio quell’essere che hanno amato più della loro vita li ha traditi e non capiranno mai il perché, pronti ad aspettarlo anche per anni.
Dopo l’abbandono, quando il cane si rassegna, inizia una fase davvero critica che può portare addirittura l’animale a lasciarsi morire, rifiutando il cibo o l’acqua, a gravi forme di stress che provocano anche autolesionismo nell’animale. Il dolore e i sentimenti non sono esclusivi dell’uomo e molte immagini ci dimostrano proprio il contrario: ovvero che forse, i sentimenti veri, quelli incondizionati, potrebbero essere invece esclusivi dei nostri amici a 4zampe.

Abbiamo riservato una galleria fotografica, tratta da storie vere, da fatti di cronaca realmente accaduti, per ricordare il dolore e il senso di smarrimento e di afflizione che colpisce gli animali lasciati dai loro padroni. Quel vuoto incolmabile, quella fiducia tradita che a volte è difficile per chi viene dopo riconquistare. Mentre c’è chi pensa di sbarazzarsi di un oggetto, vogliamo mostrare cosa significa per questi piccoli esseri perdere il loro miglior amico umano che in ogni momento saranno pronti a perdonare pur di riavere quella piccola carezza quotidiana che li colmava di gioia.