Home Gatti Il British e le sue mille varietà

Il British e le sue mille varietà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:49
CONDIVIDI

british-cremaBRITISH CREMA:  Non è facile ottenere la particolare colorazione del mantello di questo magnifico gatto, pallida e uniforme, e i buoni esemplari sono molto più rari rispetto alle altre razze a pelo corto. Gli incroci con gli Squama di tartaruga tendono a produrre un mantello troppo rosso o “caldo” e, dal momento che il gene tabby è dominante, si riscontrano notevoli difficoltà a cancellarlo, cosicché molti gattini mantengono anche da adulti i disegni tabby. I British crema ebbero origine verso la fine del XIX secolo, quando cominciarono ad apparire nelle cucciolate di Squama di tartaruga. Per questa ragione il riconoscimento ufficiale fu ottenuto negli anni Venti del secolo scorso, quando finalmente si riuscì a dare inizio a un programma di selezione. Comunque un interesse vero e proprio nei confronti della razza nacque ancora più tardi, manifestandosi solo negli anni Cinquanta del secolo scorso. Il British crema è intelligente, possiede un’indole tranquilla ed è affettuoso.

british-fumeBRITISH FUME’:  Nel Fumè, la splendida tonalità evanescente del mantello viene data dal pelo dominante di un unico colore che copre il sottopelo bianco. Quando il gatto è fermo, sembra quasi in tinta unita, ma non appena si muove il bianco appare guizzante e luminoso, creando un magnifico effetto. Il British fumè conta tra i suoi antenati Silver tabby e British in tinta unita, estendendo le sue origini fino al tardo XIX secolo. Attualmente i Fumè vengono accoppiati con esemplari della stessa razza o, per migliorare il tipo, con British blu. Ha un carattere piacevole ed è affettuoso e intelligente. Solo due sono le varietà riconosciute sia nella FIFE, sia in Gran Bretagna, in Australia e negli USA: il Fumè nero e il Fumè blu.

british-neroBRITISH NERO: Nel corso dei secoli, i gatti neri a pelo corto sono stati oggetto di paura, superstizione, venerazione più di ogni altro felino, ora perseguitati come creature di malaugurio, ora divinizzati come portatori di buon auspicio. Durante il Medioevo furono uccisi talmente tanti gatti neri credendo che fossero agenti del demonio, e nel tentativo da parte della Chiesa Cristiana di liberare l’Europa dalle ultime tracce del paganesimo, che il gatto nero può ritenersi a buon diritto un animale fortunato per essere riuscito a sopravvivere a tanta persecuzione. Il British nero fu una delle prime razze esposte al Crystal Palace a Londra, verso la fine del XIX secolo. Fu allevato selettivamente, impiegando i migliori esemplari di gatto randagio. Attualmente viene ottenuto da accoppiamenti tra individui identici, anche se talvolta si trovano degli esemplari in cucciolate di Squama di tartaruga. Di buon carattere e molto intelligente, è un ottimo animale da compagnia.