Home Gatti Il gatto non dorme sul cuscino: tutti i motivi e i consigli...

Il gatto non dorme sul cuscino: tutti i motivi e i consigli per farlo abituare

Il tuo gatto non dorme sul cuscino? Vediamo insieme perché e quali suggerimenti mettere in pratica per far apprezzare al micio la sua cuccia.

gatto non dorme cuscino
(Foto Pixabay)

Hai comprato un morbido cuscino per il tuo amico a quattro zampe, con la convinzione che l’avrebbe adorato? Se così non è stato, e il micio si rifiuta di trascorrervi i suoi momenti di relax, non disperare: scopriamo tutti i motivi per cui il gatto non dorme sul cuscino e cosa fare per risolvere il problema.

Perché il gatto non dorme sul cuscino

L’hai acquistato con tanto amore, pensando che sarebbe stato perfetto per i lunghi pisolini di Fuffy, e invece il gatto non dorme sul cuscino?

cose essenziali per un gatto
(Foto Adobe Stock)

Ci sono una serie di ragioni che potrebbero spiegare perché il micio si rifiuta di utilizzare questo giaciglio per il suo riposo. Esaminiamo i motivi principali:

  • Il gatto non ama il cuscino che hai scelto;
  • Al micio non piace la posizione del cuscino;
  • Il quattro zampe non si sente al sicuro.

Il cuscino è scomodo

Il motivo più semplice e comune che spiega perché il gatto non dorme sul cuscino è che l’animale lo trova scomodo.

Come insegnare al gatto a dormire nella sua cuccia
(Foto Adobe Stock)

Del resto, è proprio il micio che deve utilizzarlo per rilassarsi e ricaricare le energie.

Quindi, c’è poco da fare nel caso in cui Fuffy non ami questo giaciglio perché non lo trova confortevole.

Del resto, è un po’ come il materasso per noi esseri umani: ci sono numerose tipologie differenti tra loro, a seconda delle esigenze e preferenze di ognuno.

La posizione del cuscino è sbagliata

Una ulteriore ragione che spiega perché il gatto non dorme sul cuscino è che il felino non ama il punto in cui è stato posizionato.

Regali per la mamma di un gatto
(Foto Unsplash)

Probabilmente, si tratta di una zona della casa in cui il micio non si sente al sicuro.

Oppure, è un ambiente eccessivamente rumoroso, che non consente al felino di sonnecchiare in tranquillità.

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare al gatto a dormire nella sua cuccia 

Mancanza di sicurezza nel gatto

Infine, l’ultimo motivo per cui il gatto non dorme sul cuscino è che il micio non si sente abbastanza protetto per lasciarsi andare a lunghi sonni sereni.

Il gatto si gratta le orecchie
(Foto Pixabay)

Su questo, naturalmente, influisce l’ambiente circostante. Anche la presenza o meno del suo umano di riferimento, tuttavia, può essere un fattore determinante.

Infatti, se si tratta di un quattro zampe estremamente legato al suo proprietario, potrebbe semplicemente voler trascorrere al suo fianco i momenti di relax.

Potrebbe interessarti anche: Perché il gatto dorme in posti strani? Scopriamo le motivazioni

Come far abituare il gatto al cuscino

Ora che abbiamo capito perché il gatto non dorme sul cuscino, non ci resta che scoprire una serie di consigli preziosi per risolvere il problema.

Cuscino per il gatto
(Foto Adobe Stock)

In primo luogo, è importante acquistare un giaciglio comodo e confortevole per il nostro amico a quattro zampe. Come scegliere il cuscino giusto per il micio?

Fondamentale è la valutazione di parametri come materiale, dimensione e presenza di bordi rialzati o meno.

Inoltre, si consiglia di posizionare questo accessorio in un punto leggermente rialzato della casa, in modo che il micio si senta più sicuro e goda di una visione strategica sull’ambiente circostante.

Particolarmente importante è che la zona destinata al riposo del gatto sia tranquilla e silenziosa. Infine, da non sottovalutare è la temperatura della stanza, che deve risultare piacevole.

Al tal proposito, attenzione alla presenza di spifferi e sbalzi di temperatura, che potrebbero cagionare problemi di salute all’animale, come tosse e raffreddore nel gatto.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.