Home Gatti Il gatto non risponde se lo chiamo: perché mi ignora e cosa...

Il gatto non risponde se lo chiamo: perché mi ignora e cosa fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44
CONDIVIDI

Ci risiamo: io lo chiamo e lui non viene! Perché un gatto non risponde se lo chiamo? Ecco come capirlo ed educarlo a venire da te.

Il gatto non risponde
Il gatto non risponde se lo chiamo: cause e rimedi (Foto Pixabay)

Disobbedienza o c’è altro sotto? Fatto che sta che il gatto non risponde se lo chiamo. Per quanto la cosa possa farci immediatamente pensare alla solita abitudine dei felini di ignorare ogni nostro comando, in realtà le cause possono essere diverse e non è escluso che possa trattarsi di un problema di salute. E’ importante che il gatto obbedisca al richiamo per evitare anche situazioni spiacevoli e rischi per la sua incolumità. Vediamo dunque quali sono i motivi possibili quando un gatto ignora il nostro richiamo e, soprattutto, cosa fare per educarlo ad avvicinarsi.

Potrebbe interessarti ancheEducare il gatto: nozioni di base per l’addestramento di micio

Ordini al micio: un problema di obbedienza

Micio a pancia in su
Micio a pancia in su (Foto Pixabay)

Diciamolo: l’obbedienza non è proprio una caratteristica del nostro gatto! Sebbene ormai da anni sia uno degli animali domestici per eccellenza, il micio segue sempre il suo istinto e non si è mai davvero abituato ad eseguire i comandi del suo umano. A differenza del cane infatti il piccolo felino di casa si è ‘educato da solo’ ed è molto autonomo anche nelle decisioni da prendere. La risposta probabilmente è nell’origine stessa del rapporto tra uomo e gatto: il primo non ha mai trattato l’animale come un compagno o convivente, ma si serviva della sua presenza per cacciare i topi e tenere lontani i roditori dalla sua casa e dalle sue terre (leggi qui: Gatto più legato al padrone o alla casa: verità o luogo comune). Viceversa al micio conveniva questa convivenza perché dall’umano riceveva un pasto e un luogo comodo per poter dormire.

Questa mancanza di obbedienza però non significa che i gatti non si legano agli umani o non riescono ad instaurare con loro legami affettivi e d’amore (Leggi qui: Il gatto mi ama? 10 comportamenti per scoprire se ti sta esprimendo amore). Il canale di comunicazione tra umano e animale passa, solitamente, attraverso il cibo: il gatto infatti si affeziona il più delle volte a colui che gli dà da mangiare.

Il gatto non risponde se lo chiamo: cause possibili

Il gatto non risponde
Il gatto non risponde se lo chiamo: perché e cosa possiamo fare (Foto Pixabay)

Vediamo dunque quali sono le cause per cui un gatto non risponde se lo chiamo.

  • Non riconosce la voce: il gatto, a differenza del cane, non si è abituato a riconoscere le espressioni del viso, ma si basa soprattutto sul timbro inconfondibile e unico della nostra voce. Ma non solo: anche l’olfatto gioca un ruolo fondamentale nel riconoscere il padrone, oppure il suono dei passi quando siamo nei paraggi e ci stiamo avvicinando.
  • Non riconosce il suo nome: può capitare che un gatto, soprattutto inizialmente, che il micio non abbia ancora associato il nome che abbiamo scelto per lui a sé stesso. Quindi se vogliamo educare il gatto a riconoscere il suo nome dobbiamo dargli tempo e seguire semplici istruzioni, come spiegato nel seguente articolo: Come abituare il gatto a riconoscere il suo nome in poche mosse.
  • Il comando non preannuncia nulla di buono: per educare un gatto ad obbedire agli ordini che gli impartiamo, è necessario che lui associ il comando a qualcosa di buono, di positivo (al cibo per esempio).
  • Il gatto non sente: e se fosse sordo e dunque fosse un problema di udito? Naturalmente bisognerebbe valutare come si comporta il micio anche in altre situazioni: se non si muove in caso di rumori forti e improvvisi, se non direziona le orecchie verso la fonte del rumore, se dorme molto e sembra più irritabile (Leggi qui: Il gatto sordo: come riconoscerlo e prendersene cura).

Lo studio giapponese sul ‘comportamento orientato’ dei gatti

Dall’Università del Giappone sono arrivati i risultati di alcuni test eseguiti su un campione di circa 20 gatti, che hanno ascoltato una serie di voci registrate, compresa quella del padrone. Al sentire il richiamo i felino hanno risposto con il cosiddetto ‘comportamento orientato’: è proprio il loro corpo che si direziona, nella testa e nelle orecchie in particolare, verso la fonte della voce.

Aver riconosciuto la voce, anche quella del padrone, però non li ha comunque ‘convinti’ a muoversi dal loro posto. E da qui il discorso si ricollega a quello della auto-addomesticazione. Tra uomo e felino c’è sempre stata una sorta di convivenza di convenienza, ma l’umano non si è quasi mai occupato di educare il micio come un altro animale di compagnia (in primis il cane). E’ come se si fossero abituati alla presenza dell’uomo ma senza dipendere da lui: nel momento in cui non avevano più nulla in cambio (cibo e posto dove dormire) cambiavano padrone.

Il gatto non risponde se lo chiamo: cosa possiamo fare

Gatto grigio
Gatto grigio (Foto Pixabay)

Il segreto che di colpo faccia diventare il nostro gatto obbediente non esiste. Ma dato che il richiamo spesso può essere dovuto a situazioni di emergenza e di pericolo per la salute del micio, è importante almeno tentare di farci ascoltare. E’ fondamentale usare sempre lo stesso tono di voce quando si chiama il gatto e associare il richiamo a uno snack o a qualcosa che gli piace (leggi qui: Richiamo per il gatto: cosa può essere e cosa può essere efficace). Dobbiamo fare in modo che il gatto capisca che avvicinarsi a noi quando lo chiamiamo, gli ‘conviene’ perché ad attenderlo c’è il suo cibo o il suo gioco preferito. Anche le coccole possono andare bene, purché il micio si senta premiato e coccolato per aver fatto qualcosa di buono.

Francesca Ciardiello