Home Gatti Razze di gatti che tendono ad ingrassare: quali sono e che rischi...

Razze di gatti che tendono ad ingrassare: quali sono e che rischi corrono

Dinamici e atletici, ma non sempre: ecco quali sono le razze di gatti che tendono ad ingrassare e come evitare rischi per la loro salute.

Razze di gatti che tendono ad ingrassare
(Foto AdobeStock)

Sono noti per la loro agilità e la loro voglia di correre, saltare e far acrobazie, specialmente se l’obiettivo è una preda da cacciare. Ma alcuni felini tendono ad ingrassare più di altri e quindi è opportuno tenere sotto controllo la loro alimentazione. Magari non si tratta di gatti particolarmente golosi, ma il loro fisico è sempre a rischio obesità e corre altri gravi problemi di salute. Ecco quali sono le razze di gatti che tendono ad ingrassare e quelli che devono, loro malgrado, rispettare la dieta.

Quando il gatto è obeso

Quanto deve pesare un gatto? Quando siamo a rischio obesità per il nostro felino? In realtà non può esserci un peso ideale oggettivo per tutti, poiché le variabili sono tante. Di certo il nostro veterinario di fiducia saprà tenere sotto controllo il nostro fedele amico a quattro zampe e consigliarci sul modo di agire migliore per quanto riguarda la sua salute e la sua alimentazione.

Razze di gatti che tendono ad ingrassare
(Foto AdobeStock)

Si tratta infatti anche di stimolare la sua attività fisica, oltre che garantirgli una dieta sana ed equilibrata. E’ importante distinguere tra maschi e femmine: i primi dovrebbero avere un peso che oscilla tra i 4 e i 5,5 kg; gli esemplari femminili invece dai 3 ai 4,5 kg.

Ma se il vostro gattone supera di gran lunga queste misure, allora è in sovrappeso? No, se si tratta di alcune razze che fanno eccezione, come ad esempio il Maine Coon, l’Europeo, il Siamese e il Persiano.

Potrebbe interessarti ancheRazze di gatti più golosi: quali sono quelli che amano mangiare

Razze di gatti che tendono ad ingrassare: quali sono

I gattini che rischiano di diventare ‘gattoni’ più facilmente? Ci sono due tipologie in particolare che dovranno sempre essere messi sulla bilancia, per evitare che la loro stazza superi il peso consigliato: ecco quali sono.

Gatto Blu di Russia
(Foto Pixabay)

Blu di Russia

Tra i gatti che rischiano di ingrassare maggiormente questa razza è la prima: più che altro si tratta di un felino che assorbe rapidamente i cibi, soprattutto se si tratta di alimenti scadenti o poco indicati per la sua salute. Si dovranno evitare i ‘fuori-pasto’ e soprattutto è importante rispettare gli orari della pappa, per evitare che il Blu di Russia possa andare da solo alla ricerca di qualcosa da mangiare.

Norvegese delle foreste
(Foto Pixabay)

Norvegese delle foreste

Se pensiamo a un ‘gattone’ di certo ci verrà in mente lui, il Norvegese delle Foreste, che già di per sé si presenta con un fisico imponente. Oltre a fare attenzione alla sua alimentazione, per la quale si consigliano verdure, pollo e pesce, è opportuno anche stimolare la sua attività fisica.

Razze di gatti che tendono ad ingrassare: i rischi e i rimedi per la loro salute

E se fossimo proprio noi la causa della sua obesità? Se ci è capitato di fare ‘strappi’ alla regola con lui e di avergli concesso troppi spuntini e fuori-pasto, allora abbiamo una responsabilità maggiore nei confronti del nostro amato felino domestico.

Dovremo anche essere bravi a resistere ai loro miagolii acuti quando hanno fame o ai loro occhioni dolci e alle fusa: questi sono i loro modi per convincerci a dare loro ciò che non si potrebbe. Spesso siamo portati a pensare che ‘una volta tanto’ non abbia conseguenze, e invece se sommate, tutte queste eccezioni possono farlo ingrassare a dismisura.

Si valuta che almeno un gatto su quattro in Italia sia obeso. Ma ciò non si traduce solo con un aspetto meno sano, ma anche in concreti rischi per la sua salute con possibili danni all’apparato cardiaco, gastrico e renale, ma anche disturbi articolari e alle ossa, per non tralasciare malattie come diabete e appunto obesità.

E’ ovvio che bisogna stare attenti alla sua alimentazione ma anche stimolare la sua attività fisica, per evitare che una vita sedentaria e ‘pantofolaia’ come spesso piace a loro, possa creare ulteriori danni. Attrezziamo casa con giochi e attività che porteranno il micio a muoversi e a fare esercizio fisico e magari giochiamo con lui: gli farà sicuramente piacere!

Francesca Ciardiello