Home Gatti Razze di gatti American Shorthair: prezzo, carattere, cuccioli, salute, cura

American Shorthair: prezzo, carattere, cuccioli, salute, cura

Scheda completa sull’American Shorthair: scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere prima di adottare questa razza di gatto.

American Shorthair
(Foto Adobe Stock)

L’American Shorthair è un micio che, viste le sue origini, ha fatto di necessità virtù. Dal fisico robusto e resistente, presenta un carattere dolce, affettuoso ed estremamente giocoso. Non a caso, si tratta di un predatore dalle capacità sorprendenti. Scopriamo di più su origini, carattere, salute e cura di questa razza di gatto.

Informazioni generali sulla razza

Signore e signori, ecco a voi l’American Shorthair. Iniziamo le presentazioni con un elenco di informazioni generali sulla razza, da conoscere assolutamente.

American shorthair
(Foto Adobe Stock)
  • Soprannome: Americano a pelo corto
  • Origine: Stati Uniti
  • Vita media: 13-15 anni
  • Dimensioni: medie
  • Peso: 4-7 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: sì
  • Tendenza ad ingrassare:
  • Tendenza a miagolare: sì
  • Tendenza a soffrire la solitudine: sì
  • Clima: si adatta bene a ogni tipo di clima
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: sì

Quanto costa un American Shorthair

Stai pensando di accogliere un American Shorthair nella tua casa e nel tuo cuore, e vuoi sapere qual è il prezzo per un esemplare di questa razza?

La cifra è compresa tra i 500 e i 1500 euro, per i gatti da esposizione. Ad essa vanno aggiunte le spese per il mantenimento del micio. In questo caso, i costi si aggirano intorno ai 30 euro al mese.

Habitat e stile di vita ideale

Tendenzialmente l’American Shorthair è un micio curioso e vivace, che ama esplorare l’ambiente circostante.

Per questo, l’ideale sarebbe che il quattro zampe avesse a disposizione una zona all’aria aperta, posta in sicurezza, all’interno della quale correre e giocare.

Favorire l’attività fisica e il movimento degli esemplari di questa razza è importante non solo per evitare noia e frustrazione, ma anche perché si tratta di gatti predisposti al sovrappeso.

Per questo, anche qualora non si disponga di un ambiente all’esterno, è fondamentale allestire un’area ad uso del micio, completa di percorsi, mensole, tiragraffi e giochi, il cui l’American Shorthair possa scatenarsi e sfogare tutte le sue energie.

American Shorthair: origini e storia della razza

Per tutti coloro che hanno curiosità di scoprire tutto su provenienza e vicissitudini di questo micio, ecco una panoramica completa sulla storia dell’American Shorthair.

American shorthair
(Foto Adobe Stock)

I primi esemplari di Americano a pelo corto giunsero nel nuovo continente insieme ai coloni provenienti dall’Europa.

Utilizzati per le loro doti di cacciatori provetti, solo i mici più forti e resistenti riuscirono a sopravvivere alle dure condizioni climatiche del Nord America.

L’allevamento dell’American Shorthair ebbe inizio nei primi anni del XX secolo. Ad oggi, si tratta di una delle 10 razze di gatti più popolari negli Stati Uniti, oltre che in Canada e in Giappone.

In Europa, invece, l’Americano a pelo corto è poco diffuso. Non solo: alcune associazioni rifiutano ancora oggi di riconoscere questa razza.

Aspetto e caratteristiche fisiche

Tra le carte vincenti degli esemplari di questa razza rientra senza dubbio il loro aspetto tenero e affascinante. Vediamo insieme tutto ciò che riguarda le peculiarità fisiche dell’American Shorthair.

American shorthair
(Foto Adobe Stock)

Corpo

L’American Shorthair è un micio di taglia media, con un peso compreso tra i 4 e i 7 kg, per un’altezza tra i 30 e i 35 cm.

La sua corporatura è abbastanza robusta e muscolosa, ben proporzionata e dall’ossatura media.

Testa

La testa dell’Americano a pelo corto è larga, dal muso quadrato e ben proporzionata rispetto al resto del corpo.

Gli occhi, tondi e inclinati, possono assumere svariate colorazioni e tendenzialmente risultano il linea con il colore del pelo del micio.

Manto

Il mantello di questo micio è corto e lucido. Dalla consistenza folta e spessa, risulta ben resistente alle basse temperature tipiche del Nord America, fungendo da isolante termico.

Il colore del pelo dell’American Shorthair può variare tra blu, nero, oro, argento, rosso, crema e bianco.

Per quanto riguarda il motivo del mantello, può essere solido, bicolore, tricolore o a strisce.

Zampe

Le zampe dell’American Shorthair sono muscolose, robuste e proporzionate rispetto al resto del corpo.

Carattere dell’American Shorthair

Oltre ad un aspetto magnetico e dolce, l’American Shorthair ha in serbo ulteriori frecce al suo arco, per far scoccare la scintilla dell’amore con il suo umano.

american shorthair
(Foto Adobe Stock)

Tra queste, naturalmente, rientra il suo carattere adorabile. Infatti, si tratta di un micio estremamente affettuoso e mansueto.

Vivace, perspicace e intelligente, vista la sua indole di grande cacciatore l’American Shorthair si presta sempre al gioco e al divertimento.

Infine, si tratta di un micio che ama stare in compagnia e risulta socievole e amichevole anche nei confronti degli estranei.

Compatibilità con bambini e altri animali

Ti stai chiedendo se l’American Shorthair va d’accordo con i bambini? La risposta, senza ombra di dubbio, è sì.

Questo gatto, infatti, risulta un amico a quattro zampe ideale grazie alla sua pazienza e al suo temperamento placido.

L’Americano a pelo corto è perfetto anche per la convivenza con altri animali: espansivo, giocherellone e tranquillo, si rapporta bene sia con i membri della sua stessa specie che con i cani.

Attenzione, però, se in casa vivono animali che questo gatto potrebbe considerare come prede. Ad esempio, roditori, uccelli e conigli.

In questo caso, infatti, potrebbero non essere al sicuro a causa delle incredibili doti di infaticabile predatore dell’American Shorthair.

Salute e cura dell’American Shorthair

Gli esemplari di questa razza sono tendenzialmente sani e in salute. La durata media della loro vita è compresa tra i 13 e i 15 anni.

american shorthair
(Foto Adobe Stock)

Tuttavia, esistono una serie di malattie comuni dell’American Shorthair. Per questo, è fondamentale rivolgersi ad un allevamento serio e affidabile, che possa certificare non solo le condizioni di salute dell’esemplare che ci apprestiamo a scegliere, ma anche dei suoi genitori.

Tra le patologie che più frequentemente possono colpire questa razza ci sono:

  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Ipertiroidismo;
  • Rene policistico;
  • Isoeritrolisi neonatale;
  • Obesità;
  • Diabete.

Come prendersi cura dell’American Shorthair? Si tratta di un’operazione semplice e poco impegnativa. Ad esclusione del periodo della muta, infatti, questo micio tende a perdere poco pelo.

Per questo, spazzolarlo una volta a settimana sarà più che sufficiente per rimuovere i peli morti, districare i nodi ed impedire la formazione dei boli di pelo.

Alimentazione ideale

Cosa dare da mangiare a questo micio, per fare in modo che la sua salute sia sempre ottima e la sua vita lunga e serena? Ecco l’alimentazione ideale dell’American Shorthair.

american shorthair alimentazione
(Foto Adobe Stock)

Trattandosi di un felino predisposto all’accumulo di peso in eccesso, è molto importante scegliere alimenti di prima qualità, evitando snack e bocconcini calorici.

Tra i cibi più indicati per il gatto ci sono prevalentemente la carne, in special modo di agnello, pollo e tacchino, e occasionalmente il pesce, come merluzzo, nasello e spigola.

Ulteriori nutrienti essenziali nella sua dieta sono sali minerali, grassi, carboidrati, vitamine e acqua.

Riproduzione e cuccioli

Stai pensando di far accoppiare il tuo American Shorthair e vuoi scoprire tutto quello che c’è da sapere su riproduzione e cuccioli di questa razza? Ecco le informazioni da conoscere.

American shorthair e cucciolo
(Foto Adobe Stock)

La gestazione di questi mici ha una durata compresa tra i 62 e i 68 giorni. Solitamente, vengono alla luce 3-4 gattini.

L’accoppiamento consentito dallo standard permette la possibilità di generare incroci tra American Shorthair e American Wirehair.

Nomi per il tuo American Shorthair

Hai deciso di adottare un American Shorthair e non vedi l’ora di accogliere nella tua casa il tuo nuovo amico a quattro zampe? Se non hai ancora pensato al nome per lui, ecco alcuni spunti e indicazioni da seguire.

due American Shorthair
(Foto Adobe Stock)

Chi conosce bene i gatti già lo sa: anche i mici sono perfettamente in grado di comprendere e memorizzare il proprio nome, accorrendo al tuo richiamo.

Per facilitare questa operazione, è consigliato scegliere appellativi di massimo tre sillabe.

In questo articolo, potrai trovare numerose proposte per nomi di gatto femmina e maschio. Tra quelli più in voga per gli American Shorthair ci sono:

  • Femmine: Susy e Lola;
  • Maschi: Jupiter e Maos.

Curiosità sull’American Shorthair

Infine, chiudiamo la nostra scheda con una carrellata di imperdibili curiosità sull’American Shorthair.

American shorthair
(Foto Adobe Stock)
  • Le varianti in cui può presentarsi il gatto americano a pelo corto sono numerosissime. Basti pensare, infatti, che esistono ben 60 tipologie di colore diverse per questa razza;
  • L’American Shorthair ama starsene in punti strategici posizionati in alto. Ciò gli permette di avere tutto sotto controllo e, allo stesso tempo, starsene tranquillo;
  • Ci sono stati anche “esemplari famosi” di questa razza. Tra i Very Important Cat, ad esempio, rientra India, l’American Shortair dell’ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush. La gatta, naturalmente, ha trascorso gli 8 anni della sua presidenza presso la Casa Bianca, con il resto della sua famiglia.

Laura Bellucci