Home Gatti Salute dei Gatti Salute del gatto Burmilla: le malattie più comuni di questa razza

Salute del gatto Burmilla: le malattie più comuni di questa razza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:17
CONDIVIDI

Quali sono le malattie più comuni nei gatti di razza Burmilla? Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla salute di questi mici.

burmilla malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

Tutti desideriamo che la vita del nostro amico a quattro zampe sia lunga e serena. Per questo, è estremamente importante prendersi cura della sua salute. Vediamo quali sono le malattie più comuni nel Burmilla, cercando di capire come individuarle tempestivamente e cosa fare per aiutare il nostro micio a rimettersi in sesto.

Le malattie più comuni nel Burmilla

Burmilla
(Foto Flickr)

Tendenzialmente, i mici di questa razza godono di ottima salute: robusti e vigorosi, la loro vita media si aggira tra i 12 e i 15 anni. Tuttavia, ci sono alcune malattie più comuni, che tendono a manifestarsi nei gatti Burmilla.

Per questo, è fondamentale che il nostro amico a quattro zampe riceva tutte le cure necessarie e sia sottoposti a controlli periodici dal veterinario. In questo modo, saremo sicuri di garantirgli un’ottima qualità di vita. Tra le patologie che più frequentemente colpiscono i mici di questa razza ci sono:

  • Obesità
  • Calcoli renali
  • Malattia del rene policistico

Obesità

gatto sbadiglia
(Foto Pixabay)

I Burmilla sono esemplari dalle origini molto recenti. Infatti, intorno agli anni Ottanta, gli allevatori di gatti hanno favorito l’accoppiamento tra mici appartenenti a due razze diverse: Burmese e Persiano Chinchillà.

Sfortunatamente, entrambi i genitori del Burmilla hanno la tendenza ad ingrassare: per questo, tra le malattie più comuni che colpiscono questi gatti, c’è l’obesità. Essa è associata a numerosi rischi per la salute del micio:

  • Diabete mellito
  • Artrite
  • Disturbi cutanei
  • Lipodosi epatica
  • Malattie cardiache

I Burmilla sono esemplari estremamente golosi, la cui fame sembra non avere limiti. Quindi, è fondamentale curare con molta attenzione l’alimentazione di questa razza, chiedendo consiglio al veterinario.

Il professionista, infatti, saprà stilare un piano alimentare personalizzato sullo stile di vita e sulla salute del nostro amato micio. Tendenzialmente, il miglior consiglio è quello di utilizzare cibi freschi e poveri di grassi, oltre a fare in modo che la routine del gatto sia stimolante e favorisca l’attività fisica.

Potrebbe interessarti anche: Insufficienza renale nel gatto: cause, sintomi, cura e prevenzione

Malattie renali

burmilla
(Foto Pixabay)

Tra le patologie più comuni nei mici di razza Burmilla ci sono le malattie renali, tra cui:

  • Calcoli renali nel gatto, anche noti come uroliti, ovvero accumuli di minerali che ostruiscono il tratto urinario dell’animale, causando infiammazione e dolore durante la minzione. I sintomi principali di questa malattia sono sangue nelle urine, mancanza di appetito, nervosismo e agitazione, minzione frequente e incompleta. La cura dei calcoli renali può consistere in un cambio di alimentazione o in un intervento chirurgico per la rimozione degli uroliti.
  • Rene policistico nel gatto, si tratta di una delle malattie ereditarie più comuni nei gatti di razza Burmilla. Questa patologia può colpire uno o entrambi i reni, causando la formazione di cisti che con il tempo aumentano di volume, compromettendo la funzionalità renale. I sintomi del rene policistico sono molto simili a quelli dell’insufficienza renale: alitosi, dimagrimento, mancanza di appetito. Sfortunatamente, ad oggi non esiste una cura risolutiva per questa malattia.

Potrebbe interessarti anche: Gatti e malattie genetiche: tutte le principali patologie feline

Laura Bellucci