Home Cani Salute dei Cani Cane e gatti depressi? Curali con l’olio di cannabis

Cane e gatti depressi? Curali con l’olio di cannabis

CONDIVIDI

Napoli, azienda Start up lancia prodotti naturali a base di cannabis per la cura di disturbi comuni dei nostri amici pelosi, come ansia e depressione.

Recentemente l’uso della cannabis legale è sempre più apprezzato e sono sorti numerosi negozi in tutto il mondo per la vendita di questo rimedio naturale. Sebbene gli effetti benefici sull’uomo siano molto conosciuti, gli effetti che la cannabis può avere sugli animali sono un tema ancora inesplorato. Oggi questa azienda italiana ci racconta il suo progetto di applicazione della cannabis per la cura dei nostri animali domestici.

Cannabis contro la depressione di cani e gatti

cani comportamento fissare
Olio di cannabis contro la depressione del cane

Il progetto realizzato da quattro govani aspiranti imprenditori riguarda l’uso aromaterapico del cannabidiolo.

Il prodotto si rende particolarmente idoneo per curare cani affetti da disturbi comportamentali aggressivi o gatti come aiuto post sterilizzazione.
La produzione dell’olio di cannabis avviene in Svizzera. L’olio viene estratto attraverso un processo naturale senza uso di sostanze tossiche, da coltivazioni biologiche. Tale metodo permette di ottenere un prodotto 100% naturale.
Una volta prodotto, l’olio viene testato in laboratori spacializzati in Svizzera e successivamente anche in Italia, da laboratori certificati dal ministero della Salute, il che ne garantisce la conformità.

Le dichiarazioni dei fondatori del progetto

“Abbiamo deciso di aprire quest’attività attraverso il varco legislativo che si è aperto nel 2016. La legge 242 del 2016, infatti, ha dato il via libera all’uso di prodotti realizzati con cannabis sativa entro precisi limiti di THC, uno dei principi attivi della cannabis. E’ stato un primo passaggio importante perché apre all’uso di quella che forse è la pianta più criminalizzata del mondo ma dalle enormi potenzialità”, racconta Chiara Basile, una dei tre soci della start up Weedentity.

“I nostri oli per cani e gatti non hanno effetti psicoattivi ma solo miorilassanti. Gli animali, cioè, non vengono ‘sedati’, il CBD, l’unico cannabinoide presente negli oli, non crea dipendenza”, spiega inoltre la donna.

Chiara Basile ci illumina anche sul grado di soddisfacimento dei clienti che l’hanno provata: “La canapa industriale, che ha un concentrazione di THC (il cannabinoide con effetti psicoattivi) prossima allo 0%, permette ai nostri amici a 4 zampe di restare vigili e reattivi ma li solleva perfino di dolori cronici o artriti. La reazione dei nostri clienti è stata entusiasta, anche cani che abbaiavano e ringhiavano hanno trovato armonia”.

Non è la prima volta che la cannabis viene somministrata agli animali. Il dottor Douglas Kramer, veterinario americano decise per primo di somministrarla al suo husky malato terminale con l’intento di alleviare il suo dolore,  con risultati sbalorditivi.

Ti potrebbe interessare anche—>>>Il gatto allunga la vita dell’uomo: lo dimostra una ricerca.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI