Home Gatti Salute dei Gatti Carie dentali nel gatto: come riconoscerle, le cause ed i rimedi

Carie dentali nel gatto: come riconoscerle, le cause ed i rimedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:03
CONDIVIDI

Cavità, carie e problemi dentali sono disturbi molto fastidiosi per noi umani ma anche per il nostro gatto possono essere un problema. Cause e rimedi.

Carie dentali nel gatto
Come riconoscere e curare le carie dentali nel gatto (Foto Unsplash)

Come noi umani, anche il nostro micio dovrebbe sottoporsi a controlli regolari dal dentista. Solo così è possibile prevenire ogni tipo di problema ai suoi denti, come le carie dentali che possono essere molto fastidiose per il gatto. Le carie e le cavità dentali meritano di essere tenute sotto controllo, visto che se non trattate adeguatamente possono diventare molto pericolose per i nostri amici a quattro zampe. Scopriamo quindi come riconoscerle, oltre a quali sono le loro cause, e le possibili cure.

Potrebbe interessarti anche: Cura dentale del gatto: 7 consigli utili per la pulizia dei denti del felino

Come riconoscere le carie dentali nel gatto

Carie dentali nel gatto
Le caratteristiche e le cause delle carie feline. (Foto Pinterest)

Le cavità e le carie nel gatto non sono proprio uguali a quelle di cui possiamo soffrire noi umani. Ne esistono di vari tipi, da piccole lesioni fino alla distruzione del dente.

Sono infatti causate dal degrado del dente intorno o al di sotto della linea delle gengive. Si tratta di una malattia parodontale dei gatti.

I sintomi cui prestare attenzione nel nostro micio sono i seguenti:

  • Sanguinamento continuo attorno alla bocca
  • Macchie di sangue tra gengiva e dente
  • Vomito contenente cibo non masticato
  • Alito cattivo (che peggiora continuamente)
  • Pezzi di cibo caduti dalla bocca del gatto
  • Il micio continua a toccarsi la bocca

Il gatto sa nascondere bene il suo dolore, per cui non è facile capire che ha mal di denti. Facciamo attenzione ai sintomi, quindi.

Uno dei più facili sintomi di disturbi dentali nel micio è proprio l’alito cattivo, o alitosi.

Solitamente l’alitosi felina è accompagnata da sintomi quali arrossamento delle gengive, tartaro, salivazione eccessiva.

L’alimentazione del gatto è fondamentale per il benessere dei suoi denti. Il cibo secco, come le normali crocchette per gatti o i croccantini, può prevenire l’alitosi.

Infatti, l’atto stesso di sminuzzare e mordere i croccantini, può mantenere più puliti i denti, prevenendo la formazione del tartaro.

Le cause delle carie feline

gatto dorme sul petto del padrone
Non è facile capire da dove deriva un problema come questo. (Foto AdobeStock)

Le cause non sono chiarissime per la scienza medica. Un aspetto che sembra essere presente in ogni caso è l’accumulo di placca e tartaro.

Altre possibili cause possono essere:

  • Leucemia
  • Lesioni a un dente
  • Problemi alimentari (legati alla dieta)
  • Mancanza di pulizia regolare
  • Diabete felino

Ma possono esserci anche altre ragioni nascoste dietro le carie e le cavità dentali nel nostro gatto.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto ha perso i denti: come può accadere e cosa fare

Come procedere al trattamento

gattino dal veterinario
Il veterinario saprà come procedere per curare i denti del micio. (Foto AdobeStock)

Se il veterinario, solitamente dopo una radiografia, conferma che sono presenti dei segni di carie nei denti del nostro gatto, solitamente suggerirà una estrazione.

I medici, infatti, nei casi più gravi consigliano di estrarre il dente interessato, perché risulta essere la migliore linea d’azione.

Nei casi meno gravi, invece, una pulizia chirurgica svolta da un veterinario qualificato è consigliata, assieme a farmaci antinfiammatori.

Facciamo sempre attenzione a seguire le indicazioni del medico, perchè i gatti sono allergici ad alcuni farmaci umani.

In ogni caso, a prescindere dal trattamento e dalla diagnosi, è importante effettuare dei controlli regolari per verificare il corretto recupero.

Possono essere richieste anche modifiche alla dieta del gatto, pulizia dei denti più frequente, o in alcuni casi anche l’assistenza a domicilio.

F. B.