Home Gatti Salute dei Gatti Colore delle urine nel gatto, quando bisogna preoccuparsi? Consigli utili

Colore delle urine nel gatto, quando bisogna preoccuparsi? Consigli utili

Purtroppo succede anche al nostro gatto di stare male. Le sue urine possono assumere vari colori, ma quando bisogna preoccuparsi?

Colore delle urine nel gatto
(Foto da Pixabay)

Solo chi ne possiede uno sa che avere un gatto in casa significa non annoiarsi mai. La sua astuzia e la sua intelligenza fanno da cornice al suo essere un gran curiosone: è in grado di combinare ogni marachella possibile ma, poi, come faremmo a rimproverarlo quando viene ad arruffianarsi? Ebbene sì, sa di tenerci in pugno. A volte, però, il nostro Micio può stare poco bene e ce ne accorgiamo da come cambia nei nostri confronti e nelle sue abitudini. È molto importante tenere sotto controllo il colore delle sue urine: ci sono casi in cui bisogna preoccuparsi.

Urine nel gatto

Sappiamo che la natura del gatto è di essere cacciatore e, da tale, marca il suo territorio per mettere in chiaro chi comandi.

 Gatto disteso
(Foto da Unsplash)

Sono molte le situazioni in cui un gatto potrebbe utilizzare l’urina per mettere la sua firma nello spazio in cui si muove:

  • Il gatto maschio lo fa quando avverte la presenza di una gatta in calore, ovviamente entrambi non sterilizzati: rilascia in questo modo feromoni sessuali per attirare la gatta;
  • Quando avverte la presenza di estranei: il suo marcare con l’urina indica che non li vuole nel suo territorio;
  • Se si trova in una condizione di forte stress: un ambiente in casa poso tranquillo, la perdita del padrone, l’arrivo di nuovi animali o di un bambino, il cambio di casa.

Di norma, però, il gatto espleta la sua funzione fisiologica scegliendo lui stesso il posto dove urinare: a volte non coincide con la lettiera e bisogna intraprendere una serie di meccanismi per insegnargli ad usarla.

L’indole felina del gatto si manifesta anche nel momento in cui fa la pipì: scava a fondo per poi coprirla e tutto ciò esclusivamente per far in modo che la preda non senta il suo odore e possa fuggire.

Senza interferire troppo nel suo modo felino di vivere, bisognerebbe osservare il gatto anche quando fa i suoi bisogni, per capire se stia bene o ci sia qualche problema.

È importante fare attenzione anche al comportamento di Micio durante la minzione, a parte il suo colore, notando se:

  • Micio non scava più;
  • sente lo stimolo ma fa fatica a fare la pipì;
  • pur essendo educato alla lettiera cerca ansiosamente un angolino dove poterla fare;
  • emette strani versi cercando di spremersi;
  • da quando non riesce a fare la pipì rifiuta il cibo;
  • è irrequieto.

Già questi sono dei campanelli di allarme che ci fanno propendere a consultare il veterinario: in base a quello che abbiamo notato noi, dopo aver visitato il gatto ed analizzato la sua urina ci saprà meglio spiegare la situazione.

Potrebbe interessarti anche: Antibiotico al gatto: è sempre indispensabile usarlo? E come? Suoi effetti

Quando preoccuparsi

Sappiamo che gli scarti di molte sostanze vengono espulsi tramite le urine, sia se si tratti di alimenti sia eventualmente di farmaci, per cui è normale se a volte queste appaiano un po’ cariche.

Test urine
(Foto da Pixabay)

E se invece il nostro gatto mangiasse sempre le stesse cose e non assumesse nessun medicinale ma avesse le urine di un colore strano?

In effetti le urine potrebbero avere varie colorazioni e, di conseguenza, vari significati clinici:

  • Urine biancastre: indicano presenza di cristalli di ossalato di calcio ma potrebbero contenere anche materiale batterico dovuto a bacilli o cocchi; in questo caso oltre a riscontrare i patogeni avremmo nelle urine anche presenza di globuli bianchi.
  • Urine giallo ambra: sono abbastanza dense e potrebbe dipendere dal fatto che il nostro gatto non beva tanto. Alcune volte le urine dense indicano presenza di glucosio (una condizione di forte stress può comportarne presenza nelle urine, ma può essere dovuto anche a patologie metaboliche come il diabete o problemi tiroidei), presenza di proteine (la causa potrebbe essere la presenza di troppe proteine nella dieta oppure infezioni all’apparato urinario), presenza di corpi chetonici.
  • Urine marroni: vi è una forte disidratazione nell’animale e, qualora fosse un marrone tendente al verde, potrebbero esserci problemi relativi alla funzionalità epatica.
  • Urine che vanno dal rosa fino al rosso intenso: se il gatto assume farmaci un colore rosato potrebbe essere anche normale. Tuttavia il rosso richiama il sangue e la presenza di sangue riporta ad eventuali infezioni urinarie oppure a problemi di tutto l’apparato uro-genitale, fino ad arrivare ad essere dipesa da tumori. Anche eventuali incidenti, in cui sono stati interessati i reni del gatto, possono causare sangue nelle urine.
  • Urine di color giallo scuro con schiuma: indicano eccessiva presenza di proteine, dovuta o ad un’alimentazione non equilibrata (in questo caso il pH urinario sarebbe acido) oppure ad una difficoltà del fegato di metabolizzarle.

Solo il veterinario potrà meglio capire quale causa precisa comporti una colorazione delle urine piuttosto che un’altra, e di certo indirizzarci al meglio verso la terapia.

Potrebbe interessarti anche: Problemi urinari del gatto: la giusta dieta salverà lui e i mobili della casa

Consigli utili

È di fondamentale importanza cercare sempre aiuto al medico e mai affidarsi al fai da te; a rischiare per un nostro approccio sbagliato alla situazione sarebbe solo il nostro Micio.

Gatto
(Foto da Adobe Stock)

Portare il gatto periodicamente a controllo dal veterinario ci permetterebbe di stare tranquilli; ogni eventuale problema di salute sarebbe preso in tempo e dunque il nostro Micio non rischierebbe complicazioni.

Senza dubbio un’alimentazione equilibrata per il gatto è sempre un’ottima prevenzione, insieme magari ad una corretta igiene ed a una vita non troppo sedentaria.

Il gatto potrebbe essere predisposto ad avere dei problemi epatici: non bisogna perciò sovraccaricare il fegato inserendo nella sua dieta alimenti molto proteici o che contengano proteine complesse, difficilmente metabolizzabili.

Qualora ci fosse una condizione di calcoli renali nel gatto è bene far in modo che beva molto, per diluire il più possibile l’urina, e che mangi quegli alimenti consigliati dal veterinario. In questo caso Micio avverte tanto dolore e solo il medico saprà escludere un tappo uretrale, potenzialmente fatale.

Molto frequenti sono le infezioni urinarie nei gatti, come la cistite: il veterinario ci prescriverà degli antibiotici da dare al nostro Micio e ci raccomanderà un’alimentazione semplice e priva di sostanze irritanti, da associare quasi sempre all’uso di fermenti lattici.

A meno che non si tratti di un tumore, in quasi tutte le patologie che colpiscono l’apparato urinario nel gatto è sconsigliata l’assunzione di cibo contenente troppi minerali quali calcio (Ca), fosforo (P) e magnesio (Mg): comportano formazione di sabbiolina renale fino ad arrivare ai calcoli.

Anche dare la vitamina C al gatto contribuirebbe ad aiutarlo nel caso soffrisse di un’infezione batterica: la sua acidità modifica il pH delle urine e favorisce l’eliminazione dei batteri, aiutando così anche l’azione degli antibiotici.

In ogni caso, garantire un ambiente casalingo tranquillo e privo di stress per il nostro gatto è sicuramente positivo per la riuscita della terapia. Gli animali sono abitudinari, al minimo cambiamento che dovessimo notare è bene rivolgersi al veterinario.

Michela