Home Gatti Salute dei Gatti Cura del Blu di Russia: toelettaura, spazzolatura del pelo e igiene

Cura del Blu di Russia: toelettaura, spazzolatura del pelo e igiene

Ecco tutti i consigli e i trucchi di bellezza per prendersi cura del Blu di Russia, dalla spazzolatura del manto al taglio delle unghie.

cura blu di russia
(Foto Pixabay)

Prendersi cura del Blu di Russia non è una mera questione di vanità. Al contrario, è fondamentale occuparsi della pulizia del proprio amico a quattro zampe, per evitare il rischio di infestazioni parassitarie, disturbi cutanei e altre spiacevoli patologie. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere a proposito.

Cura del pelo del blu di Russia

Gli esemplari di questa razza ammaliano gli esseri umani grazie al loro folto manto argenteo. Come prendersi cura del mantello del Blu di Russia?

nomi di gatti russi
(Foto Pixabay)

Trattandosi di un micio dalla pelliccia corta, che tende a perdere poco pelo anche durante il periodo di muta, è sufficiente spazzolarlo tre volte a settimana.

Questa operazione serve non solo a rimuovere lo strato di pelo morto, evitando la formazione di eventuali boli, ma anche ad ispezionare il manto del felino, individuando l’eventuale presenza di parassiti.

Sei alla ricerca di suggerimenti su come fare in modo che il mantello del vostro amico a quattro zampe sia lucente e setoso?

In primo luogo, occorre pianificare per lui una dieta bilanciata e sana. Per scoprire tutto sull’alimentazione ideale del Blu di Russia, consulta questo articolo.

Inoltre, puoi ricorrere ad una soluzione a base di acqua e aceto con cui tamponare il pelo del micio, in modo da renderlo davvero splendente e morbido.

Infine, rispondiamo a questa domanda sulla cura del manto del Blu di Russia: fare il bagnetto al gatto sì o no? Tendenzialmente, la risposta è no, poiché i felini sono estremamente dediti alla propria igiene personale.

In particolari situazioni, però, lavare il gatto può rappresentare l’unica scelta a propria disposizione. Ad esempio, dopo un periodo di malattia, o qualora il proprio amico a quattro zampe sia molto anziano.

In questo caso, è fondamentale che l’acqua sia della giusta temperatura, ovvero né troppo calda né eccessivamente fredda.

Inoltre, è importante avvalersi di appositi prodotti per la cute delicata del gatto, e asciugare completamente il micio dopo il bagnetto, per scongiurare l’insorgenza di problemi di salute.

Potrebbe interessarti anche: Bagnetto al gatto: quando è necessario farlo e come lavarlo nel modo migliore-VIDEO

Pulizia di occhi, manto, orecchie e unghie

Quali sono le altre informazioni da conoscere sulla cura del Blu di Russia?

Blu di Russia
(Foto Adobe Stock)

Per quanto riguarda la pulizia di occhi e orecchie, si consiglia di ispezionare queste parti del corpo del gatto, in modo da eliminare secrezioni in eccesso mediante una semplice garza imbevuta in acqua tiepida, o appositi prodotti disponibili in commercio.

Inoltre, è fondamentale curare giornalmente l’igiene orale del micio, per evitare l’accumulo di tartaro e placca. In questo caso, si può ricorrere a spazzolini e dentifrici specifici, o a creme da spalmare sulla dentatura del felino.

Potrebbe interessarti anche: Come tagliare le unghie al gatto: passaggi da seguire e consigli

Infine, non ci resta che rispondere a una domanda: come prenderci cura delle unghie del Blu di Russia? Tendenzialmente, il gatto tende ad affilarle da sé, specialmente se si tratta di un esemplare giovane e in buona salute.

Laddove, tuttavia, gli artigli del micio siano eccessivamente lunghi, sarà opportuno tagliarli con un apposito strumento, avendo cura di rimuovere esclusivamente la porzione non vascolarizzata dell’unghia.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci