Home Gatti Alimentazione Gatti Alimentazione del Blu di Russia: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Alimentazione del Blu di Russia: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Qual è l’alimentazione ideale del Blu di Russia? Ecco cosa dare da mangiare a questa razza di gatto, in che quantità e momento della giornata.

blu di russia alimentazione
(Foto Pixabay)

Il Blu di Russia è un micio davvero incantevole: il suo aspetto magnetico e il suo carattere affascinante lo rendono un compagno a quattro zampe molto ambito. Pianificare correttamente la sua dieta è indispensabile per far sì che questo gatto viva a lungo e serenamente al nostro fianco. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’alimentazione ideale del Blu di Russia.

Alimentazione del Blu di Russia: dosi e frequenza dei pasti

Per formulare un’alimentazione specifica per il Blu di Russia è fondamentale individuare la quantità ideale di cibo da somministrare al micio, oltre che i momenti più indicati della giornata da destinare alla pappa.

razze di gatti particolari cuccioli di Blu di Russia
(Foto Pinterest)

Tendenzialmente, gli esemplari di questa razza non risultano particolarmente golosi. Per questo, non sono predisposti all’accumulo di peso in eccesso.

La dose ideale di mangime per il micio è pari a 150-200 grammi di cibo umido e a 50-70 grammi di crocchette.

In ogni caso, sarebbe preferibile chiedere consiglio al veterinario, per ottenere delle quantità appositamente calcolate sulla base di una serie di parametri individuali, come età, stile di vita e condizioni di salute del gatto.

Per quanto riguarda la frequenza dei pasti, l’ideale sarebbe nutrire il Blu di Russia due volte al giorno, una al mattino e una alla sera.

In alternativa, è possibile suddividere la razione quotidiana in porzioni più piccole, da somministrare al gatto nel corso della giornata.

Potrebbe interessarti anche: Dieta BARF per il gatto: cos’è, quali cibi, i pro e i contro per il micio

Cosa dare da mangiare al Blu di Russia

Infine, non ci resta che scoprire quali cibi rientrano nell’alimentazione ideale del Blu di Russia.

Blu di Russia
(Foto Pinterest)

I nutrienti essenziali che questo felino, da buon carnivoro obbligato, dovrebbe assumere sono principalmente proteine di origine animale.

Quindi, via libera alla carne, in particolar modo di pollo, coniglio, manzo e tacchino. Anche il pesce può essere somministrato periodicamente al gatto, seppur con meno regolarità rispetto alla carne.

Gli alimenti consigliati? Platessa, spigola, alici e sardine. Le altre sostanze nutritive indispensabili per il benessere del micio sono grassi, vitamine, carboidrati, sali minerali e acqua.

Potrebbe interessarti anche: Quantità giornaliera di cibo per gatti – Tabella dosi in base a peso ed età

A seconda delle proprie preferenze e del proprio stile di vita, è possibile scegliere tra un’alimentazione casalinga per il Blu di Russia, o una basata sulla somministrazione di mangimi industriali.

Nel primo caso è opportuno rivolgersi al veterinario per pianificare una dieta bilanciata ed equilibrata, che non comporti il rischio di deficit nutrizionali e l’insorgenza di problemi di salute.

Vuoi scoprire quali sono le malattie comuni del Blu di Russia? Consulta questo articolo.

Nel secondo caso, invece, è fondamentale leggere bene le etichette dei prodotti che ci apprestiamo a scegliere per il nostro amico a quattro zampe.

Indipendentemente dal tipo di alimentazione, comunque, il miglior consiglio è quello di prediligere ingredienti freschi e di prima scelta, che possano contribuire a mantenere sano e forte il nostro amato pelosetto.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci