Home Gatti Salute dei Gatti Cura del Sokoke: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Cura del Sokoke: spazzolatura, bagnetto, consigli di bellezza

Come prendersi cura al meglio del Sokoke? Ecco tutti gli accorgimenti da mettere in pratica per la salute e la pulizia di questo pelosetto.

sokoke-cura-(1)_optimized
(Foto Adobe Stock)

Non solo cura del pelo, ma anche igiene orale e pulizia delle orecchie: ecco tutte le informazioni che chi condivide la propria vita con un Sokoke dovrebbe conoscere, per assicurare al pelosetto benessere e serenità.

Cura del pelo del Sokoke: spazzolatura e bagnetto

Come prendersi cura del mantello del Sokoke?

sokoke gatto
(Foto Adobe Stock)

Si tratta di un’operazione decisamente semplice: essendo sprovvisto di sottopelo, infatti, questo micio perde pochissimo pelo.

Per questo, è sufficiente spazzolarlo una volta a settimana, ricorrendo ad una spazzola dalle setole lunghe e morbide.

Si consiglia di procedere sia nella direzione in cui cresce il mantello che contropelo.

In questo modo, sarà possibile districare la pelliccia del micio, evitando la formazione di nodi e rimuovendo lo strato di pelo morto.

Un piccolo trucchetto per far sì che la pelliccia del felino sia sempre lucente e morbida?

Tamponare una soluzione a base di acqua e aceto sul suo mantello. Naturalmente, affinché il pelo del gatto sia in salute è fondamentale curare la sua dieta.

Per scoprire tutto sull’alimentazione ideale del Sokoke consulta questo articolo.

Lavare il gatto sì  no?

I felini domestici sono animali molto scrupolosi e attenti alla loro igiene personale.

sokoke gatto
(Foto Adobe Stock)

Per questo, non è necessario lavarli. In alcuni casi, tuttavia, potrebbero verificarsi le condizioni in cui il micio ha bisogno di un bagnetto.

Ad esempio, dopo una lunga malattia, oppure qualora si sia infilato in un antro particolarmente sporco nel corso delle sue avventurose esplorazioni.

Come lavare il gatto? Per prima cosa, è indispensabile utilizzare esclusivamente prodotti pensati per la cute dell’animale, avendo cura di assicurarsi che la temperatura dell’acqua risulti piacevole per il quattro zampe.

Infine, dopo aver insaponato e risciacquato completamente il micio, bisognerà avere cura di asciugare totalmente la sua pelliccia per evitare che possa prendere freddo e ammalarsi.

Potrebbe interessarti anche: Come lavare il gatto anziano: i consigli giusti per il nostro micio

Pulizia di denti, orecchie e occhi

L’igiene del cavo orale del Sokoke e la cura degli occhi e delle orecchie del micio sono fondamentali.

sokoke gatto
(Foto Adobe Stock)

Pulire regolarmente i denti del gatto, infatti, previene l’accumulo di tartaro e placca, che potrebbero causare l’insorgenza di patologie come gengivite e stomatite.

Per igienizzare il cavo orale dell’animale potremo servirci di appositi spazzolino e dentifricio per felini domestici, oppure di una crema spalmabile dall’azione igienizzante, da distribuire sulla dentatura del pelosetto.

La pulizia di occhi e orecchie del micio è importante per evitare l’accumulo e l’incrostazione di secrezioni, che rischierebbero di provocare spiacevoli infezioni.

Si può procedere semplicemente utilizzando una garza leggermente inumidita in acqua tiepida, da tamponare sul padiglione auricolare e intorno agli occhi del gatto.

Potrebbe interessarti anche: Come tagliare le unghie al gatto: passaggi da seguire e consigli

Cura delle unghie del Sokoke

Infine, non rimane che rispondere a un’ultima domanda: come prendersi cura degli artigli del Sokoke?

sokoke gatto
(Foto Adobe Stock)

Non sempre è necessario spuntarli. I felini domestici giovani e attivi provvedono a farlo da sé, affilando le unghie in corrispondenza di alberi, tiragraffi e altre superfici.

Nel caso in cui il nostro amico a quattro zampe sia anziano, invece, potrebbe dover essere necessario intervenire.

In questo caso, occorre munirsi di tagliaunghie e, dopo aver esercitato una leggera pressione sul polpastrello del gatto, spuntare solo la porzione più esterna dell’unghia, che non è vascolarizzata.

Per individuarla basterà fare attenzione al colore: questa parte appare più chiara rispetto al resto dell’artiglio.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.