Home Gatti Salute dei Gatti Il gatto ha le zampe fredde: i possibili motivi

Il gatto ha le zampe fredde: i possibili motivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:01
CONDIVIDI

Hai notato che Micio ha le zampe fredde e ti stai chiedendo il motivo? Questo sintomo è un campanello d’allarme quindi dovrai valutare la situazione e agire con tempestività.

zampe fredde gatto
Zampe fredde nel gatto (Foto Adobe Stock)

Servono a Micio per muoversi e arrampicarsi; ma le zampe sono una parte del corpo del gatto molto sensibile e delicata. Devono essere sane e sempre ben curate per evitare infezioni e arrossamenti fastidiosi. I cuscinetti inoltre devono essere sempre idratati, poiché sono molto sensibili al caldo e al freddo. Gli agenti esterni però possono seccare la pelle oppure screpolarla per questo una idratazione continua, sia in estate sia in inverno, è necessaria per evitare che la pelle si spacchi. Ma perché alcune volte le zampe risultano fredde? I motivi sono diversi; scopriamoli insieme.

Potrebbe interessarti anche: Zampe del gatto: tutte le caratteristiche e come prendersene cura

Perché Micio ha le zampe fredde?

perché il gatto non si fa toccare le zampe
La temperatura delle zampe (Foto Adobe Stock)

Come detto i motivi sono molteplici e li elenchiamo in questo articolo. In generale possiamo affermare le zampe fredde indicano una situazione di malessere dell’amato felino.

Disidratazione: se le zampe non si riscaldano facilmente e restano fredde può essere sintomatico di una situazione di disidratazione del gatto. Di solito la temperatura deve essere costante in tutto il corpo, ma se questo ci appare in generale più caldo rispetto agli arti inferiori è un dato importante di carenza di liquidi.

Micio ha freddo: quando il gatto è inattivo e la temperatura dell’ambiente è bassa potrai notare delle zone del suo corpo più fredde del solito. La punta delle orecchie, i cuscinetti delle zampe e l’estremità della coda; questo cambiamento della temperatura superficiale del gatto è semplicemente la conseguenza della diminuzione del flusso sanguigno nelle parti più periferiche e superficiali del corpo.

Ipertrofia cardiaca: nella fase con tronboembolismo della ipertrofia cardiaca i trombi (la situazione si chiama trombosi del gatto), possono passare dal cuore e girare per le arterie, fermandosi in vari punti del corpo. Se si fermano (tromboembolismo del gatto), come di solito succede, nelle arterie posteriori del corpo, il gatto avrà le zampe fredde, si muoverà e camminerà male. Osserva, inoltre, la parte intorno alle unghie; diventerà bluastra perché non arriva sangue ossigenato.

Morte: purtroppo sì, le zampe diventano fredde quando il gatto sta per morire. La temperatura corporea di un gatto sano è di circa 38,5°C, mentre è più bassa quando sta per morire. Nel momento in cui il cuore si indebolisce comincia a scendere sotto i 37,5° C. Se non hai un termometro per misurare la temperatura corporea del gatto, le zampe sono un indicatore. Se sono fredde potrebbero indicare che la frequenza cardiaca sta rallentando.

Ricorda inoltre che le zampe del gatto sono un termometro naturale. Questa è stata una scoperta tutta giapponese; pare che, per vedere se il gatto è in salute, basti controllare le sue zampe. Se queste sono troppo calde vuol dire che il gatto ha la febbre, dovrai quindi portarlo al veterinario per una visita accurata.

S.C.