Home Non solo Cani e Gatti Pesci ghiotti di lumache: le principali specie e le loro caratteristiche

Pesci ghiotti di lumache: le principali specie e le loro caratteristiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:25
CONDIVIDI

I pesci ghiotti di lumache sono spesso utili negli acquari, dove questi molluschi spesso proliferano fin troppo. Vediamo di quali le specie principali.

Acquario
Pesci ghiotti di lumache. (Foto AdobeStock)

Esistono diverse specie di lumache, come ad esempio quelle della famiglia Melanoides dalla conchiglia a cono appuntito e molto rigida, hanno l’abitudine di passare insabbiate le ore diurne. Risultano essere animaletti al quanto resistenti anche ai vari trattamenti.

Mentre più sensibili sono invece quelle della famiglia Planorbidae. Spesso l’unico modo per poterle combattere, in modo naturale è la lotta biologica, ossia l’introduzione di due, tre esemplari di alcune specie di pesci ghiotti di lumache.

Potrebbe interessarti ancheLumaca Planorbis planorbis: lumachina utile e onnipresente

Pesci ghiotti di lumache: quali sono?

La lumaca Plonorbis misura circa 4 / 5 spire e un’altezza di 3.5 mm, negli esemplari già adulti.(Foto AdobeStock)

Esistono davvero tanti esemplari di pesci che mangiano le lumache ma purtroppo non tutti sono adatti ad acquari di comunità perché spesso mangiano anche le scaglie o le pinne di altri pesci o possono infastidirli molto.

Ci sono diversi ciclidi nani fino ad arrivare ai ciclidi specializzati come alcuni Neolamprologus o Chilotilapia che hanno mascelle e denti adatti a rompere la conchiglia delle povere lumachine che poi a volte tanto povere non sono perché si impadroniscono dell’acquario diventando davvero tante. Fra i piu’ comuni sicuramente botia e tetraodon( pesce palla) o i piccoli badis che amputano le lumache a morsi. Altro flagello per le lumache sono le cannibali Marisa.

Potrebbe interessarti anche:Gli errori comuni degli acquariofili principianti: quali i più diffusi?

Botia

botia
Il Botia Macracantha detto Botia pagliaccio della familia dei Cobitidae si adatta abbastanza bene all’acquario di comunità.(Foto AdobeStock)

Quella dei Botia è una famiglia che comprende molte specie. Il Botia Macracantha detto Botia pagliaccio della familia dei Cobitidae si adatta abbastanza bene all’acquario di comunità e ai valori della maggior parte delle nostre acque.

In acquario può raggiungere i 15 cm è un pesce che vive per lo più sui fondali, ama rovistare tra la sabbia e gli arredi in cerca di cibo, motivo per cui è considerato un pesce pulitore. Il Botia è un pesce dalla pelle delicata e priva di scaglie, infatti, è particolarmente sensibile a tutte le età, ma in particolare i giovani sotto 5-7 cm.

Usato contro la lotta alle lumache invasive delle quali si ciba essendo un pesce prevalentemente carnivoro. Questa specie è originaria delle isole del Borneo e di Sumatra, sembrano distinguibili per l’intensità e la tonalità della colorazione: relativamente scura quella della prima (le pinne di molti individui possono essere nerastre), più vivace e tendente al rosso-arancio la sumatrana, ovviamente anche la più apprezzata in acquariofilia.

È una specie al quanto gregaria e deve vivere in gruppi di almeno sei esemplari e sono attivi di giorno alla ricerca di cibo. Risulta impossibile distinguere con certezza i sessi ad un semplice esame esterno, fatta eccezione per la linea ventrale più tondeggiante nelle femmine ovigere.

Pesce palla

Pesce palla nella vasca con altri pesci
Pesce palla nella vasca con altri pesci: non è affatto un pesce socievole (Foto Unsplash)

Il pesce Palla ha una forma tondeggiante, esattamente come una palla, che lo differenzia dagli altri. La pelle è completamente liscia, senza placche o scudetti, ma dotata di aculei molto corti e disposti in serie longitudinali. Possiede il corpo ovale e compatto. Testa e occhi sono molto sporgenti, la bocca forma un becco e possiede due file di denti superiori e inferiori.

Le diverse specie di pesce palla nascono in acque dolci, sebbene gli esemplari adulti vivano in acque salmastre e a ridosso delle barriere coralline. Il pesce di cui parliamo e che è ghiotto di lumache è il pesce palla di Palembang. Le lumache sono la principale fonte di nutrimento di questa specie che con il suo becco riesce a rompere il carapace dei crostacei e le conchiglie dei molluschi.

Questo pesce è lungo 6 cm è sicuramente il pesce palla più bello e popolare. In natura vive in acque dolci e salmastre, ma in acquario dovrebbe essere tenuto in acqua salmastra. Il pesce Palla è una delle specie marine più velenose a causa di una tossina presente nelle interiora dell’animale, la tetrodotossina, che paralizza i muscoli portando rapidamente alla morte per asfissia.

Questa tossina è utilizzata dall’animale esclusivamente come meccanismo di difesa, infatti è schivo e morde solo se si sente minacciato. Questo veleno viene sintetizzato non dal pesce stesso, ma da alcune specie batteriche contenute nei crostacei e nei molluschi di cui si nutre. Contemporaneamente gli aculei, solitamente aderenti al corpo, si aprono trasformando il pesce in una palla di spine in grado di infliggere gravi ferite.

Potrebbe interessarti anche: Il pesce palla si gonfia: perché lo fa, come ci riesce e tutte le curiosità

Badis badis

pesce badis
il Badis badis è un pesce appartenente alla famiglia dei Badidae.,detto pesce camaleonte.(Foto AdobeStock)

Il Badis badis è un pesce appartenente alla famiglia dei Badidae. È detto pesce camaleonte, è un pesce dalla forma allungata, che può misurare fino a 8 cm. I maschi e le femmine hanno colorazioni leggermente diverse. I primi tendono ad avere un colore sul rosso mattone acceso con sfumature azzurre, mentre le seconde hanno una colorazione e leggermente più sbiadita.

Inoltre le femmine sono tendenzialmente più piccole e meno colorate rispetto ai maschi. Grazie alla sua capacità di cambiare rapidamente la colorazione, in particolare quando è in riproduzione o quando è stressato, ha una gamma di comportamenti molto interessanti da osservare, ma non è adatto in genere alle comuni vasche di comunità.

Il badis badis mangia le lumache perché ha uno spiccato e innato senso predatorio, essendo in natura micropredatori. Questo vuol dire però che questo pesce mangerà anche uova e/o avannotti di eventuali specie che cercano di riprodursi nello stesso acquario.

Inoltre non fa né come i botia, che riescono ad aspirare l’intero corpo della lumaca da suo guscio, né come i pesci palla, che distruggono direttamente il guscio per cibarsi del contenuto, ma si appostano e mordono la porzione di lumaca che fuoriesce dal guscio stesso, lasciando lì dentro quello che resta.

Cobitidi

pesce
Tra i pesci ghiotti di lumache c’è anche il cobitide, appartenente all’ordine dei cypriniformes,(Foto AdobeStock)

Tra i pesci ghiotti di lumache c’è anche il cobitide, appartenente all’ordine dei cypriniformes, la famiglia dei cobitidi (nominati anche cobiti) conta 199 specie conosciute ed è presente nelle acque dolci sia temperate che tropicali europee ed asiatiche. Il cobitide è un piccolo pesce che può arrivare a misurare massimo 15 cm, il suo è compresso ed ha una forma allungata, spesso serpentiforme e dalla livrea variopinta.

Possiede una bocca posizionata verso il basso e contornata barbigli che gli sono utili per localizzare il cibo. Mentre in alcuni esemplari intorno agli occhi e tra le pinne dorsale e quelle pettorali sono presenti delle spine dritte che servono per difendersi.

È un pesce prettamente stazionario, lo si trova sul fondo nascosto tra la vegetazione o in tane scavate nella sabbia tra le rocce. Questo pesce vive in gruppi anche numerosi ed è molto attivo la notte quando esce in cerca di cibo e nel suo caso di piccoli insetti e invertebrati. Infatti sono in particolar modo viene acquistato come rimedio contro la proliferazione indesiderata di lumache in vasca.

In molti casi però purtroppo si ignora le esigenze di spazio di cui questo pesce ha bisogno (essendo un pesce gregario che vive in gruppo ed ha bisogno di parecchio spazio per il nuoto). Bisogna sapere che se questo pesce è introdotto in numero insufficiente o in una vasca troppo piccola può diventare molto aggressivo o deperire per solitudine.

Potrebbe interessarti anche:Lumaca domestica: caratteristiche, habitat, alimentazione e cura

 

Raffaella Lauretta